Recensione ''Volevo solo averti accanto'' (Libro di Ronald H. Balson) - 4.7 out of 5 based on 3 votes

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Volevo solo averti accanto''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Volevo solo averti accanto”.
  • Titolo originale: "Once We Were Brothers".
  • Autore: Ronald H. Balson; 
  • Nazionalità Autore: Americana; 
  • Data di Pubblicazione: per la prima volta dall’autore stesso nel gennaio del 2013 e in Italia nel gennaio 2014; 
  • Editore: Garzanti (collana “Narratori moderni''); 
  • Genere: Romanzo, Narrativa straniera moderna e contemporanea; 
  • Pagine: 420 p., rilegato; 
  • Voto del Pubblico (IBS): 4,23. su 5

 

DOVE COMPRARLO

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''VOLEVO SOLO AVERTI ACCANTO'': 

Ronald H. Balson è un avvocato che lavora a livello internazionale e vive a Chicago, appassionato di scrittura. Dopo aver raccontato per anni storie ai figli per farli addormentare, trova il coraggio di pubblicare un romanzo cui stata lavorando da tempo. In seguito a numerosi viaggi di lavoro in Polonia e a Varsavia, rimase affascinato dalla bellezza di questa nazione così provata dalla seconda guerra mondiale. A detta dell’autore anche gli edifici, ricostruiti come grigi blocchi di cemento, sottolineano la tristezza che ancora pervade questa terra. Da questi suoi viaggi trae ispirazione la storia raccontata in “Volevo solo averti accanto”. Sono stati necessari ben quattro anni a Ronald H. Balson per terminare il suo lavoro, anni di studi e ricerche, perché un romanzo, a suo avviso, non deve solo raccontare una bella storia ma anche insegnare. Nel gennaio del 2013 è l’autore stesso a pubblicare il suo romanzo d’esordio che, inaspettatamente, nel giro di poco vende più di cento mila copie. Le vendite in continuo aumento e il passaparola dei lettori, attirano l’attenzione delle più importanti case editrici americane, che faranno a gara per accaparrarsene i diritti. A spuntarla una delle più rinomate case editrici americane, la Vince St Martin’s Press. Anche in Italia le case editrici se ne contendono i diritti ma, a metà aprile 2013, se li aggiudica la casa editrice Garzanti, che pubblicherà il libro nel gennaio 2014.

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''VOLEVO SOLO AVERTI ACCANTO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Volevo solo averti accanto''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Siamo a Chicago, nel 2004. Ben Solomon, un anziano ottantatreenne in smoking fuori moda, si sta preparando per andare alla prima dell’opera, occasione per la quale ha speso una parte consistente della sua modesta pensione.

Il suo desiderio è incontrare Elliot Rosenzweig, ricco benefattore e personaggio influente, sopravvissuto ad Auschwitz.

La prima parte del libro narra l’incontro tra i due uomini, con Ben Solomon che punta una pistola alla testa di Elliot Rosenzweig, accusandolo di essere Otto Piatek, il macellaio di Zamosc, feroce criminale nazista.

Davanti alla folla stupita e sebbene l’uomo mostri il tatuaggio tipico di Auschwitz, Ben Solomon, anch’esso sopravvissuto ai campi di sterminio, con voce tremante per la rabbia ma sguardo risoluto, insisterà nell’accusare Elliot Rosenzweig, finché non sarà portato via dalla sicurezza.

Nessuno vuole credere alle sue accuse. Solo Catherine Lockhart, giovane avvocato che conosce l’Olocausto solo dai libri di scuola, scorge nei suoi occhi un lampo di verità.

Accettando di ascoltare la storia di Ben Solomon, Catherine Lockhart sarà catapultata nella Polonia degli anni Trenta, dove una famiglia ebrea benestante accoglierà un bambino tedesco e se ne prenderà cura come fosse un figlio, dove nascerà una bellissima e intensa storia d’amore tra Ben Solomon e la giovane Hannah Weissbaum e dove quello stesso bambino tedesco, per sete di potere, dimenticherà la sua infanzia diventando un crudele ufficiale nazista.

Il dolore e la rabbia per il voltafaccia di quello che Ben Solomon considerava un fratello, lo spingeranno, sebbene ultraottantenne a cercare giustizia, nonostante tutti gli diano del pazzo, nonostante Elliot Rosenzweig sia da tutti considerato e rispettato.

Ad aiutarlo solo Catherine Lockhart e l’investigatore privato Liam Taggart che lotteranno per far venire fuori la verità e offrire a Ben Solomon la sua giustizia. Questa non è rappresentata dal denaro o dal riavere i beni che Otto Piatek ha sottratto con l’inganno alla sua famiglia. L’unica cosa Che Ben Solomon vuole è che non si dimentichi ciò che è stato, affinchè quell’orrore non si ripeta mai più.

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''VOLEVO SOLO AVERTI ACCANTO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Volevo solo averti accanto''

Ben Solomon è un anziano signore di ottantatré anni, nato a Zamosc, in Polonia, da una famiglia benestante. Dopo aver trascorso un’infanzia felice, in una famiglia onesta e affettuosa, conosce l’orrore della guerra e delle persecuzioni naziste nei riguardi degli ebrei. Ma la sofferenza più grande gliela causerà Otto Piatek, che lui considerava un fratello, che non avrà pietà della famiglia in cui è cresciuto ma si lascerà guidare solo dalla sete di potere. Questo personaggio colpisce per il dolore che traspare dai suoi racconti, per la fragilità di un anziano cui la vita ha tolto tutto e per la profondità con cui ama sua moglie Hannah Weissbaum.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

Elliot Rosenzweig è un uomo che, nonostante abbia ottantatré anni e i capelli bianchi, non mostra segni di decadenza ma ha una postura perfetta e il colorito abbronzato. E’ uno dei maggiori filantropi della città e all’inizio colpisce per la classe e l’eleganza che traspare dai suoi gesti. Ma il suo personaggio subirà una profonda evoluzione man mano che procede la narrazione, rivelando ciò che si nasconde dietro la maschera del ricco mecenate.

Catherine Lockhart è una giovane avvocatessa che cerca di riprendere in mano la sua vita dopo un brutto crollo nervoso. Insicura e piena di dubbi, ci sorprenderà per il profondo attaccamento alla giustizia e al suo lavoro inteso come missione più che come mera fonte di guadagno. Sarà la sua tenacia e la sua professionalità a permettere alla verità di venir fuori. Una doppia sfida per lei, che dovrà affrontare non solo gli ostacoli che il caso porta con sé ma anche le sue paure e i suoi demoni interiori.

 

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''VOLEVO SOLO AVERTI ACCANTO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Volevo solo averti accanto''

La vicenda narrata inizia a Chicago ma, procedendo con gli eventi, ci ritroveremo in Polonia. Scopriremo com’era Zamosc, la piccola città di Ben Solomon nella Polonia meridionale, prima della seconda guerra mondiale e delle persecuzioni nei confronti dei cittadini di origine ebraica, e come il paesaggio stesso sia di Zamosc sia dell’intera Polonia si trasforma insieme ai protagonisti con l’evolversi della narrazione.

Quando le vicende narrate si svolgono a Chicago c’è una prevalenza di spazi chiusi (aule di tribunali, studi di avvocati) mentre nei capitoli dedicati al passato prevale la descrizione degli ambienti esterni (campagne, baite).

 

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''VOLEVO SOLO AVERTI ACCANTO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Volevo solo averti accanto''

Il romanzo inizia nel settembre del 2004 ma, nel corso della narrazione, ci ritroviamo in Polonia, nel 1933. Ronald H. Balson inizia raccontando l’infanzia di Ben Solomon e Otto Piatek a Zamosc prima dell’inizio della guerra, procedendo con molta accuratezza a narrare tutti gli avvenimenti che portano all’ascesa di Hitler e degli uomini a lui più vicini. Inoltre, quasi come se si trattasse di un testo storico, ci vengono narrati gli avvenimenti che, dal 1935 in poi, avvengono anche nel resto dell’Europa, essendo rilevanti per quello che accadrà successivamente in Polonia.

In quest’alternanza di presente e passato sono frequenti i flashback e la narrazione procede con lentezza, creando una certa suspense, fino all’epilogo inatteso, sia per quanto riguarda gli eventi che caratterizzano il 2004, sia quelli che caratterizzano gli anni della seconda guerra mondiale.

 

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''VOLEVO SOLO AVERTI ACCANTO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Volevo solo averti accanto''

La scrittura di questo romanzo è scorrevole e coinvolgente. L’intreccio che caratterizza la narrazione è ben strutturato, con descrizioni forti e accurate, necessarie a contestualizzare al meglio la vicenda. Il ritmo è serrato, quasi si trattasse di un legal thriller, e i personaggi sono ben caratterizzati. La singolarità di questo libro è di certo la precisione storica, che lo rende un vero e proprio documento oltre che un testo ricco di colpi di scena e scelte narrative originali.

 

NARRATORE DEL LIBRO ''VOLEVO SOLO AVERTI ACCANTO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Volevo solo averti accanto''

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

Il narratore è esterno alla vicenda e conosce gli avvenimenti narrativi, riuscendo a incastonare in maniera magistrale un racconto che salta continuamente dal presente al passato.

Quando la narrazione diventa intensa Ben Solomon racconta i fatti in prima persona, addirittura parlando da solo (o meglio rivolgendosi alla defunta moglie come se la stessa fosse presente) quasi assentandosi dal contesto in cui si trova.

 

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''VOLEVO SOLO AVERTI ACCANTO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Volevo solo averti accanto''

Questo libro ci invita, ancora una volta, a riflettere su alcune pagine della storia del mondo che mai dovranno essere dimenticate. La sua particolarità è l’accuratezza del contesto storico. Mentre Ben Solomon narra la sua storia, infatti, narra la storia della Polonia intera e degli avvenimenti che, davanti all’intera umanità, hanno portato alla morte di miliardi di esseri umani. Sembra strano, a noi che conosciamo quelle pagine solo dai libri di scuola, come sia stato possibile che il mondo intero non abbia fermato la follia nazista. Eppure Ronald H. Balson ce lo spiega, passo dopo passo.

Ci spiega come gli stessi ebrei all’inizio non avessero capito la gravità della situazione, come non si ribellarono ma anzi adottarono un atteggiamento pacifico, e come, lentamente, gli avvenimenti precipitano. Scopo di questo romanzo, a differenza di un libro di storia che può risultare noioso, è attirare l’attenzione su quanto accaduto, sui singoli avvenimenti, ricoprendoli di suspense e di una patina avvincente. Ma questo libro diventa in primo luogo un promemoria, sottolineando ciò che può succedere quando il male non viene sradicato sul nascere. Un alto aspetto su cui il libro invita a riflettere è la sete di potere e come questa riesca a trasformare le persone, facendolo diventare estranee ai valori con cui sono stati cresciuti e educati.

 

COMMENTO DEL LIBRO ''VOLEVO SOLO AVERTI ACCANTO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Volevo solo averti accanto''

Leggendo il riferimento presente nella trama all’Olocausto, potreste pensare che questo sia l’ennesimo libro sugli ebrei. In realtà è molto di più. Mentre si legge sembra di guardare un documentario storico o di essere in prima linea mentre gli avvenimenti narrati si verificano. Definire questo libro toccante è davvero riduttivo.

Questo libro è realistico e la sua forza sta proprio nella capacità di inserire il racconto, opera di fantasia, in un contesto storico preciso e dettagliato. Dopo aver letto queste pagine nessuno potrà dire che l’Olocausto non è mai esistito ma vi ritroverete tutti sconvolti davanti alle sensazioni provate dai personaggi e al dolore che scaturisce dalle pagine.

Il male è contagioso e nessun libro sull’argomento è riuscito a rendere così vivide le paure, le emozioni, la disperazione, che gli ebrei hanno provato. Ma è anche un libro dalle cui pagine sentirete emanare la forza dell’amore e la voglia di vivere. Quindi una lettura interessante perché mescola il realismo della storia, l’intensità dell’amore e la suspense tipica di un thriller, risvegliando le coscienze e invitandoci a non dimenticare. Un unico appunto alla traduzione del titolo. Letteralmente “Once we were brothers” significa “Eravamo come fratelli”. Penso che la traduzione letterale avrebbe meglio reso il contenuto del romanzo, rispetto al titolo scelto per l’edizione italiana.

 

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Volevo solo averti accanto''Indice dell'Analisi del Libro ''Volevo solo averti accanto''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare