Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Un giorno, forse''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Un giorno, forse”.
  • Titolo originale: "Someday, Somenday, Maybe".
  • Autore: Lauren Graham;
  • Nazionalità Autore: Statunitense;
  • Data di Pubblicazione: 25 Marzo 2014;
  • Editore: Sperling & Kupfer (collana ''Pandora'');
  • Genere: Narrativa contemporanea/Chick-lit;
  • Pagine: 360 p., rilegato;
  • Voto del Pubblico (IBS): 3,5 su 5.

DOVE COMPRARLO:

Recensione del Libro “Un giorno, forse” di Lauren Graham del marzo 2014, genere narrativa contemporanea. Evidenzieremo il riassunto del libro “Un giorno, forse”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Un giorno, forse” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''UN GIORNO, FORSE'':

Lauren Graham è nata il 16 marzo 1967, sotto il segno dei Pesci, ad Honolulu con il nome di Lauren Helen Graham. La mamma, Donna Grant, ed il papà, Lawrence, si sono separati quando l’attrice aveva cinque anni e si è trasferita nella Virginia del Nord con il papà, mentre la mamma inseguiva il suo sogno di diventare una famosa cantante. Ha una sorellastra minore, Maggie, ed un fratellastro minore, Chris.

Dal 2010 è fidanzata con Peter Krause. I due si sono conosciuti sul set di Parenthood ed è nato l’amore. La diffidenza reciproca ed il bisogno di sentirsi amati in età matura li hanno fatti innamorare ed ora convivono. Nel passato della Graham, troviamo Tate Donovan (2002), Matthew Perry (2003) e Marc Blucas (2005).

Lauren Graham ha sviluppato la passione per la recitazione fin dalla scuola elementare.

Finiti gli studi, si è trasferita dapprima a New York dove ha fatto la cameriera per mettere da parte un pò di soldi e poi ad Hollywood dove ha iniziato la sua carriera nel mondo dello spettacolo come protagonista di diversi spot pubblicitari.

Ha preso parte anche a diverse serie tv come "Third Rock From The Sun", "Caroline in the City", "Seinfeld", "Law&Order".

Nel 2000 il successo con il ruolo di Lorelai Gilmore in "Una mamma per amica" che l’ha vista sullo schermo fino al 2007 con il ritorno nel 2016 per il sequel. Poi è stata la volta del mondo del cinema con "Missione Tata", "Perché te lo dice mamma", "Un’impresa da Dio". Dal 2010 al 2015 ha vestito i panni di Sarah Braverman in "Parenthood", serie tv dove ha conosciuto l’attuale fidanzato Peter Krause.

Negli ultimi anni sono usciti tre suoi libri. "Un giorno, forse", best seller uscito nel 2013; "Parlare a raffica", uscito successivamente e il freschissimo "In Conclusion, Don't worry about It", uscito per il momento soltanto in America.

Per quel che riguarda i social, Lauren Graham è presente solo su Twitter: il suo account @thelaurengraham ha superato il mezzo milione di follower.

RIASSUNTO DEL LIBRO ''UN GIORNO, FORSE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Un giorno, forse''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Franny Banks ha quasi trent’anni, si è trasferita a Brooklyn da due anni e mezzo per seguire un corso di recitazione e sfondare nel mondo del cinema, ma per il momento fa ancora la cameriera e sente che il tempo a sua disposizione sta per scadere.

Era giunta a Brooklyn scendendo a patti con la propria coscienza: tre anni di tempo per seguire le orme dei suoi idoli, Diane e Keaton e Meryl Streep.

La Keaton aveva 24 anni quando esordì a Brodway e la Streep 30 quando vinse il suo primo Oscar; ma sembra ormai che Franny debba tornare sui suoi passi, abbandonare il suo sogno e tornare a vivere col padre: mancano solo 6 mesi allo scadere dei termini e le uniche “vere” prove d’attrice, al momento, si riducono ad un paio di spot pubblicitari di dubbio gusto.

Fortunatamente, però, Franny può contare sui suoi amici, i coinquilini Jane e Dan, che la appoggiano e le danno sostegno, nelle varie prove che Franny si trova ad affrontare, sempre in bilico tra ciò che vuole e ciò che pensa di volere.

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''UN GIORNO, FORSE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Un giorno, forse''

- Ben riuscito è il personaggio della protagonista. Franny è una giovane sognatrice. Si è trasferita a New York avendo nella testa un solo, grande obbiettivo: sfondare nel mondo della recitazione. Una ragazza tenace e imbranata allo stesso tempo, attratta dallo sfavillante mondo dello spettacolo, ma, contemporaneamente, risucchiata da esso, combattuta nelle scelte d’amore tanto da non accorgersi di cosa accade davanti a se.

In Franny ci si può facilmente riconoscere. In ognuna di noi vive una piccola (o grande) Franny. Ci troviamo a sperare con lei, a immedesimarci nelle situazioni che la coinvolgono (soprattutto quelle più imbarazzanti), a chiederci cosa faremmo al suo posto.

Franny combatte con le unghie e con i denti per cercare di far parte di un mondo di ipocriti, dove l’autenticità è solo, per ossimoro, una grande farsa. Vi è un’immersione totale in quel fondale inesplorato che è il mestiere dell’attore. La finzione si contrappone alla realtà, rappresentata qui dal fil rouge dell’intero romanzo, l’inseparabile agenda Filofax, regalatale dal padre, sulla quale Franny annota quotidianamente stati d’animo, riflessioni, obiettivi e scadenze.

- Jane, migliore amica di Franny, è un’aspirante regista e, proprio come l’amica, sta facendo tanta gavetta per raggiungere i suoi obbiettivi. Jane ha la “fortuna” di essere molto dotata ed essere una bellissima ragazza con un grande stile personale.

- Dan, coinquilino delle due amiche, è un ragazzo riservato, aspirante sceneggiatore e segretamente innamorato della protagonista (non preoccupatevi non è uno spoiler... si intuisce quasi subito ;) )

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''UN GIORNO, FORSE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Un giorno, forse''

“Un giorno, forse” è ambientato interamente a New York. Con la nostra protagonista vedremo diversi luoghi della città, dalla scuola a diverse sale nelle quali farà provini, dai ristornati preferiti all’appartamento in cui vive con i suoi amici.

A volte mi metto le cuffie e ascolto un po’ di musica, altre compilo il cruciverba del New York Times e altre ancora leggo, ma qualunque sia il mio passatempo in quel momento, non dimentico mai di guardare fuori dal finestrino, anche solo per un istante, mentre il treno attraversa l’East River prima di tuffarsi di nuovo nelle viscere della terra.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

È soltanto un gesto scaramantico, ma osservare il fiume, le barche, l’enorme cartello a caratteri cubitali rossi con la scritta WATCHTOWER, è un rito che mi ricorda che sono piccola, che sono una delle migliaia, anzi dei milioni, di persone che hanno guardato il fiume prima di me, da una barca o da un’auto o dai finestrini della linea D; che sono arrivate a New York con un sogno, che l’hanno realizzato oppure no, ma che comunque hanno fatto lo stesso sforzo che sto facendo io ora.”

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''UN GIORNO, FORSE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Un giorno, forse''

“Un giorno, forse” è un romanzo contemporaneo. Lauren Graham ci fa condividere 6 mesi della vita della protagonista, con lei condividiamo le sfide che la separano dal raggiungimento dei suoi sogni e obbiettivi. La narrazione scorre in modo lineare, non ci sono flachback ne altri salti temporali.

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''UN GIORNO, FORSE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Un giorno, forse''

Alla narrazione in prima persona della giovane protagonista, infatti, si alternano pagine e pagine di esilaranti sceneggiature; frammenti, scadenze e note affidate a una fedele agenda; messaggi imbranati lasciati in segreteria. Leggerissimo, ma non senza una certa ferocia. Vero.

Non tutte le autrici di chick-lit sono Sophie Kinsella, ma la Graham ha stile, freschezza, elasticità.

Non è una voce tutta sua quello che le manca. Come la sua protagonista, deve averla trovata dopo anni di gavetta. Ma l'ha trovata.

NARRATORE DEL LIBRO ''UN GIORNO, FORSE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Un giorno, forse''

Come anticipato precedentemente in “Un giorno, forse” ci troviamo di fronte ad un romanzo con narratore interno. Tutte le vicende ci vengono infatti raccontate direttamente da Franny, questo ci permette di conoscerla meglio e - se possibile - immedesimarci ancor di più in lei.

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''UN GIORNO, FORSE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Un giorno, forse''

Testa e cuore. Vita sicura o l’ignoto dell’arte. Sono questi i cardini sui quali si fonda la trama del romanzo, che l’autrice ha saputo tracciare con grande maestria.

Franny ci narra la sua storia attraverso le pagine del suo “libro” (tecnicamente è la sua agenda) personale, la cui costante compilazione la aiuta a dimostrarle che bisogna continuare ad andare avanti, a non arrendersi, nonostante gli insuccessi.

Si tratta in fondo di una grande metafora della vita: tutti noi puntiamo al raggiungimento dei nostri obiettivi; c’è chi ci riesce, chi continua a battersi e chi rinuncia spossato dagli eventi. Ma nel bene o nel male, continuiamo a muoverci, a riempire i nostri giorni chiedendoci: “chissà, un giorno, forse”.

Magari non sei ancora riuscita a raggiungere i tuoi obiettivi, ma la tua agenda ti mostra che hai continuato a riempire le pagine. La quantità diventa qualità, come dice il racconto. Non devi credersi per forza, al tuo successo. Devi soltanto stringere i denti e non mollare mai; andare avanti giorno dopo giorno, e qualcosa succederà.

COMMENTO DEL LIBRO ''UN GIORNO, FORSE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Un giorno, forse''

Con il suo primo romanzo, la Graham entra mani e piedi nel genere Chick Lit, con una lettura decisamente scorrevole, ironica e intelligente. La trama un po’ piatta e non del tutto originale è compensata da un lieto fine non banale. Un romanzo adatto a tutti, che nella sua leggerezza spinge a far riflettere, a leggere tra le righe e cercare di non arrendersi a degli ostacoli che “un giorno, forse” potranno sembrare semplici sassolini di un percorso di crescita necessario.

Il romanzo, che mi sento di consigliare principalmente al pubblico delle giovanissime, si prefigge lo scopo di trasmettere una lezione di vita. Non mollare mai, credere nei propri sogni, perché un giorno forse…

+27k Melissa Radice

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Un giorno, forse''Indice dell'Analisi del Libro ''Un giorno, forse''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare