×

Messaggio

Failed loading XML...

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Una storia nera''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Una storia nera”.
  • Titolo originale: "Una storia nera".
  • Autore: Antonella Lattanzi; 
  • Nazionalità Autore: Italiana;
  • Data di Pubblicazione: 2017; 
  • Editore: Mondadori; 
  • Genere: Noir;
  • Pagine: 249 p., brossura; 
  • Voto del Pubblico (IBS): 3 su 5

 

DOVE COMPRARLO

Recensione del Libro “Una storia nera” di Antonella Lattanzi del 2017, genere Noir. Evidenzieremo il riassunto del libro “Una storia nera”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Una storia nera” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''UNA STORIA NERA'': 

Antonella Lattanzi nasce a Bari nel 1979. Il suo debutto nel mondo della letteratura risale al 2004, quando pubblica una raccolta di racconti dal titolo “Col culo scomodo”.

Successivamente, matura un certo interesse per la cultura folkloristica della sua regione natale, quindi si dedica alla stesura di “Leggende e racconti popolari della Puglia”, seguito da “Guida insolita ai misteri, ai segreti, alle leggende e alle curiosità della Puglia”.

Nel 2010, invece, esce il suo primo romanzo, “Devozione”. Tre anni dopo esce “Prima che tu mi tradisca”, romanzo finalista al Premio Stresa. Qui è presente una video intervista all'autrice in occasione della pubblicazione del romanzo: http://www.einaudi.it/speciali/Antonella-Lattanzi-Prima-che-tu-mi-tradisca

“Una storia nera” risale al 2017 e ottiene un ottimo consenso sia dal pubblico che dalla critica, tanto che la casa cinematografica “Lucky Red” ha deciso di acquisirne i diritti per la realizzazione di una trasposizione cinematografica.

Antonella Lattanzi collabora anche con il mondo della televisione, in particolare ha lavorato per “Le invasioni barbariche”. Inoltre, scrive per La Stampa e La Repubblica e ha realizzato sceneggiature per alcuni film, come “Fiore” di Claudio Giovannesi (2013) e “2night” di Ivan Silvestrini del 2016.

Ecco il link del suo profilo Twitter: https://twitter.com/anto_lattanzi e della sua pagina Facebook: https://www.facebook.com/antonellalattanzi1979/.

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''UNA STORIA NERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Una storia nera''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Roma, 6 agosto 2012. È il compleanno della piccola Mara Semeraro e Carla, sua madre, organizza una festicciola nell'appartamento del fratello, più tranquillo e meno caotico del suo.

Ha deciso di invitare l'ex marito Vito. In fondo ha picchiato sempre e solo lei. I figli non li ha mai toccati. Vito e Carla sono separati da due anni, ma lui non ha mai smesso di perseguitarla e controllarla, quindi accetta l'invito di buon grado.

Tuttavia, il giorno dopo svanisce nel nulla. Carla, Nicola e Rosa (i due figli adolescenti) si mettono alla ricerca forsennata del padre, ma non sono gli unici. La famiglia di Vito, infatti, vive a Massafra, dove gode di una certa autorità e notorietà, tanto da decidere di occuparsi della scomparsa dell'uomo autonomamente, senza avvalersi dell'aiuto della polizia.

Anche Milena - amante di Vito da anni - partecipa attivamente alle ricerche. Ma lei sa qualcosa, ha visto qualcosa la sera del 6 agosto che non intende rivelare neanche in commissariato...

I giorni passano, fino a quando un uomo non rinviene il corpo di Vito in una discarica, martoriato dai gabbiani. Allora i sospetti ricadono immediatamente su Carla e Milena. In effetti, Carla confessa di aver ucciso il marito da sola, nonostante la polizia sospetti che sia coinvolto anche il compagno, Manuel Bocci.

Trascorrono mesi. Carla è in carcere; la polizia prosegue con le indagini in quanto manca ancora qualche tassello, mentre Nicola, Rosa e Mara cercano di restare uniti , di cavarsela da soli, come se fossero una nuova famiglia, rifiutando l'aiuto della zia di Massafra.

Il giudice prende la sua decisione in merito alla pena definitiva da attribuire a Carla, mentre finalmente il suo complice – ovvero colui che l'ha aiutata nel trasportare il corpo di Vito fino alla discarica – confessa.

Tuttavia, pare che ci sia ancora un piccolo ma rilevante dettaglio che nessuno ha il coraggio di rivelare alla polizia...

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''UNA STORIA NERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Una storia nera''

Ho apprezzato tantissimo la capacità della Lattanzi nel descrivere perfettamente i personaggi di questo romanzo, tanto da renderli indelebili.

- Carla Semeraro: protagonista indiscussa, è una figura molto complessa. I suoi sentimenti per Vito sono contrastanti, perennemente: afferma di non aver mai smesso di amarlo, nonostante più volte abbia tentato di ucciderla. Ma, inaspettatamente, si trasforma da vittima in carnefice.

- Nicola Semeraro: primogenito di Carla e Vito, è un personaggio affascinante. Descritto come un ragazzo bellissimo, Nicola, crescendo, inizia ad assumere gli atteggiamenti autoritari del padre, talvolta patriarcali. Nutre un sentimento molto profondo per sua sorella Rosa, trattandola quasi come una moglie.

- Rosa Semeraro: è la “nuova Carla”. Rosa, infatti, ha assorbito il carattere della madre, è fragile e sottomessa a Nicola.

- Milena: forse è l'unico personaggio davvero positivo, paradossalmente. Nonostante sia stata l'amante di Vito per anni, Milena offre il suo aiuto a Nicola, Rosa e Mara durante la detenzione di Carla. Umile e sincera, Milena ha sacrificato la sua vita per un uomo che non ha mai “posseduto” realmente.

- Vito Semeraro: la vittima. Descritto come un dio (altissimo, bellissimo, possente), Vito è violento, ossessivo, pericoloso. Picchia Carla, per poi pentirsene e, infine, picchiarla ancora. Tuttavia, per la polizia e la stampa lui resta “il povero Vito”.

 

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''UNA STORIA NERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Una storia nera''

La storia narrata in questo romanzo si svolge in due città: Roma e Massafra. Più che sull'aspetto prettamente urbanistico e architettonico, l'autrice descrive il modo in cui i personaggi concepiscono entrambe le città.

Dunque, Roma è recepita spesso come un'ancora di salvezza da Rosa e Nicola o come una città dalle mille opportunità e risorse (Rosa, infatti, vorrebbe frequentare l'università).

Massafra, invece, rappresenta il prototipo della città del Sud un po' retrograda, in cui sussistono realtà sociali differenti (vedi la famiglia Semeraro che gode di un certo prestigio e rispetto). E non è un caso che nessuno dei protagonisti vorrebbe viverci o tornarci.

 

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''UNA STORIA NERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Una storia nera''

La Lattanzi è molto puntuale nel descrivere cronologicamente lo svolgimento degli eventi. Infatti, ci sono delle date ben precise a cui fare riferimento – e che costituiscono vere e proprie linee guida per il lettore. Esse risultano emblematiche soprattutto per lo svolgimento delle indagini da parte dei poliziotti.

Sappiamo, infatti, che il 6 agosto 2012 Vito Semeraro partecipa alla festa di compleanno della piccola Mara e che scompare la notte tra il 6 e il 7 agosto.

Il processo e la detenzione di Carla in carcere hanno la durata di circa 12 mesi, quindi la storia si svolge all'incirca nell'arco di un anno.

 

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''UNA STORIA NERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Una storia nera''

Lo stile adottato dalla Lattanzi per la stesura di questo romanzo è particolarissimo.

L'autrice, infatti, ha optato per uno “stream of consciousness” per descrivere i moti interiori dei personaggi, come se volesse entrare nella loro testa. Tanto che vi sono periodi lunghissimi, ma efficaci e travolgenti, che permettono al lettore di immedesimarsi nel personaggio.

 

NARRATORE DEL LIBRO ''UNA STORIA NERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Una storia nera''

A raccontare la storia è un narratore onnisciente esterno, che conosce perfettamente le dinamiche familiari tra i Semeraro (sia dei residenti a Roma che a Massafra). La voce narrante è obiettiva, non atta a mettere in buona o cattiva luce determinati personaggi.

Anzi, ognuno di essi è dotato di mille sfaccettature, tanto da renderli né completamente buoni, né completamente cattivi.

 

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''UNA STORIA NERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Una storia nera''

In questo romanzo vengono affrontate varie tematiche che si intrecciano, ma che in realtà affondano le radici in un terreno comune: la violenza domestica.

Carla è vittima di violenza, ma l'amore per Vito la rende cieca, tanto da subire soprusi per anni, accettando gli schiaffi come se fossero l'unica forma d'amore che si merita. O forse l'unica disponibile. Puntualmente, dopo il momento di follia, Vito si pente, le chiede scusa e Carla ci ricasca. Insomma, è un tema attualissimo.

Strettamente connesso al tema della violenza domestica, c'è quello del maschilismo. Non viene menzionato apertamente, ma si cela dietro molte affermazioni o atteggiamenti. La vittima, nonostante sia noto a tutti il suo trascorso da uomo violento, diventa “il povero Vito”, mentre Carla è la donna crudele che non è riuscita a comprenderlo.

Lo stesso Nicola cade nella trappola maschilista, quando costringe Rosa a lasciare il suo lavoro (che le avrebbe permesso di mettere i soldi da parte per iscriversi all'università) affinchè si occupi della piccola Mara.

Infine, l'oscurità e la bipolarità dell'animo umano. Tutti i personaggi sono oscuri, nessuno escluso. Tutti celano un segreto, sono apparenti vittime o apparenti carnefici. Carla passa da vittima a omicida nell'arco di una sera; Vito passa da carnefice a vittima e Milena da amante ed estranea a baby-sitter di Mara.

 

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

COMMENTO DEL LIBRO ''UNA STORIA NERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Una storia nera''

Questo romanzo mi ha spiazzato. Nonostante abbia ultimato la lettura da un po', alcuni personaggi, alcune situazioni mi sono rimasti dentro. In effetti è difficile liberarsene.

Questa è, appunto, una storia nera, ma oscuri sono anche i suoi personaggi, perennemente in bilico tra bene e male e, pertanto, senza nessuna speranza di salvezza. Tutti, infatti, nessuno escluso, celano segreti, risentimenti, odio. Persino la piccola Mara.

Senza dubbio è una storia attualissima: si parla di violenza domestica tutti i giorni, ma l'occhio della Lattanzi è molto critico su questo tema, dimostrando che spesso non esiste un'unica vittima o un unico carnefice. Dunque, anche situazioni del genere presentano tante sfumature di nero.

Nera è anche Massafra, città dell'odio, della vendetta, del possesso e dell'omertà. Nera è la casa dei Semeraro a Roma, teatro di litigi terribili, scenario di sangue e lacrime.

Il ritmo è incalzante, il lettore resta col fiato sospeso per tutto il tempo e soffre assieme ai protagonisti; ci sono momenti di apnea vera e propria che rendono questo romanzo indimenticabile.

Consiglio con il cuore questo libro a tutti coloro che desiderano leggere un validissimo noir italiano, tagliente, asfissiante.

Non ci resta che attendere con impazienza l'uscita del film!

 

Marigiusy Digregorio

+20k M.R.

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Una storia nera''Indice dell'Analisi del Libro ''Una storia nera''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare