Recensione ''Ubik'' (Libro di Philip K. Dick) - 5.0 out of 5 based on 16 votes

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Ubik''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Ubik”.
  • Titolo originale: "Ubik".
  • Autore: Philip K. Dick;
  • Nazionalità Autore: Statunitense;
  • Data di Pubblicazione: 1969, in Italia 1972;
  • Editore: Fanucci;
  • Genere: Fantascienza;
  • Pagine: 266 p.;
  • Voto del Pubblico (IBS): 4,5 su 5.

 

DOVE COMPRARLO:

 

Recensione del Libro “Ubik” di Philip K. Dick del 1969, genere Fantascienza. Evidenzieremo il riassunto del libro “Ubik”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Ubik” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''UBIK'':

Philip Kindred Dick nacque a Chicago il 16 Dicembre 1928 insieme alla sorella gemella Jane Charlotte.

Ebbe un’infanzia e un’adolescenza turbolente e rimase segnato per tutta la vita dalla morte della sorella, avvenuta a poche settimane dalla nascita a causa di malnutrizione.

Dick mantenne nei suoi confronti un profondo, morboso legame.

In più di un’occasione sostenne di non essere altro che “un sogno di sua sorella” e, per sua volontà, venne sepolto accanto a lei.

Una volta adulto frequentò l’Università di Berkley ma non riuscì a completare gli studi a causa del suo pacifismo e della militanza nel movimento contro la guerra di Corea.

Per mantenersi cominciò a lavorare in un negozio di dischi.

L’incontro di Dick con la fantascienza avvenne alla fine degli anni quaranta quando comprò per errore una rivista di fantascienza invece che di divulgazione scientifica. Esordì sulla rivista Planet Stories nel 1952, poco dopo il primo divorzio. Nel corso della sua vita, infatti, Dick si sposò cinque volte, divorziò altrettante, ed ebbe tre figli ognuno da una moglie diversa.

Il matrimonio con la seconda moglie andò in crisi verso la fine degli anni cinquanta, quando Dick si trasferì nella zona rurale di Marin Country. Qui lo scrittore ambientò molti dei suoi racconti e dei suoi romanzi, tra cui “Cronache del dopobomba” pubblicato nel 1965. Nello stesso anno Dick divorziò dalla terza moglie e si trasferì a San Francisco.

Fin dai primi anni cinquanta Dick cominciò a fare uso di anfetamine, prescritte dal suo psichiatra per combattere gli stati depressivi di cui lo scrittore soffriva occasionalmente.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

Nella seconda metà degli anni sessanta, mentre produceva alcune delle sue opere più famose come “Il cacciatore di androidi” e “Ubik”, l’uso di sostanze psicoattive da parte dello scrittore si fece preoccupante.

Visse per qualche tempo in una casa di sbandati, provò a ricominciare una nuova vita in Canada ma anche quel tentativo fu un fallimento; infine si fece ricoverare in una comunità di recupero per tossicodipendenti.

Quest’esperienza, breve ma intensa, gli consentì di ritornare a scrivere. Fatti e situazioni vissute in questo periodo ispirarono il romanzo “Un oscuro scrutatore”, pubblicato nel 1977.

Nonostante la nomea di drogato Dick non fece mai uso di eroina, cocaina o cannabis e anche le sue esperienza con l’LSD furono limitate. Da una di queste esperienze derivò una delle visioni presenti nel romanzo “Labirinto di morte”.

A partire dal 1974 Dick cominciò a sentire delle voci e ad avere delle visioni notturne, ciò lo portò a credere di vivere una sorta di esperienza mistica. Raccolse diversi appunti di carattere teologico e filosofico che utilizzò nei suoi ultimi lavori. Morì a Santa Ana il 2 marzo 1982 a causa di un ictus.

In vita Dick ricevette il Premio Hugo per il romanzo “La svastica sul sole” ma la sua fama crebbe notevolmente dopo la sua morte. Negli anni ottanta divenne un vero e proprio scrittore di culto in Italia e in Francia, attualmente viene considerato dalla critica un autore postmoderno e molte sue opere sono dei classici della letteratura contemporanea.

A tale successo hanno contribuito senza dubbio i numerosi film liberamente ispirati alle sue opere tra cui spicca Blade Runner di Ridley Scott del 1982, ispirato a “Il cacciatore di androidi”.

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''UBIK'': Indice dell'Analisi del Libro ''Ubik''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Tutto comincia con una gran brutta notizia: uno dei più potenti telepati del pianeta scompare improvvisamente. Runcipiter, il capo dell’agenzia di prudenza che si occupa di tenere sotto controllo queste capacità, non può che essere turbato dalla cosa.

Decide così di consultate la moglie Ella, mantenuta in uno stato di semivita ormai da molti anni. Parlando con la moglie congelata nella sua bara di vetro Runcipiter non solo riceve consigli su come dirigere l’agenzia ma scopre un’inquietante verità: un altro individuo tenuto in semivita presso il moratorium, un ragazzo di nome Jack, si intromette nella comunicazione con sua moglie sovrastando la coscienza della donna.

Nel frattempo Joe Chip, lo scopritore di talenti dell’agenzia, fa la conoscenza di Pat. La ragazza ha una capacità mai vista prima, quella di alterare il passato.

Così, quando una grossa opportunità di lavoro si presenta per l’agenzia, a partire alla volta di Luna saranno Runcipiter, Joe, Pat e una manciata di altri dipendenti. Appena arrivati però la situazione comincia a precipitare: il lavoro era in realtà una trappola e nella fuga Runcipiter perde la vita.

Joe prende così il comando dell’agenzia ma nulla è più lo stesso dopo l’incidente. Il mondo comincia lentamente a sprofondare in una spirale di decadimento: il latte appena comprato è rancido come se avesse dei mesi, il denaro è obsoleto e non viene accettato, le guide telefoniche sono vecchie di anni.

Mentre il decadimento comincia a consumare la realtà un’altra forza sembra tentare disperatamente di contrastarla: quella del defunto Runcipiter che comunica con Joe attraverso inquietanti messaggi. La realtà è messa definitivamente in discussione da poche semplici parole scritte sul muro: “Io sono vivo, voi siete morti”.

Tentando di capire cosa stia accadendo Joe si rende conto di una semplice verità: il processo di decadimento si è impossessato anche di lui e degli altri dipendenti che uno a uno cominciano a morire consumati da una forza invisibile.

Una cosa sola sembra in grado di arrestare il decadimento: Ubik. Ma cos’è Ubik? Chi l’ha creato? E soprattutto chi muove i fili delle due forze opposte che agiscono sulla realtà?

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''UBIK'': Indice dell'Analisi del Libro ''Ubik''

- Herbert Schoenheit von Vogelsang è lo zelante direttore del Moratorium Diletti Fratelli di Zurigo. È profondamente innamorato del suo lavoro tanto da interpretarlo quasi come una missione. Ritiene infatti che seppellire i defunti sia un’azione da barbari, un retaggio di un’epoca passata ormai estinta.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

- Glen Runciter è un’uomo ormai avanti con gli anni ma ancora pieno di forza ed energia, nonché il capo di una delle maggiori agenzie di prudenza. I suoi dipendenti sono per la maggior parte inerziali, ossia individui con la capacità di annullare i poteri telepatici o premonitori sviluppati da parte della popolazione.

- Ella Runciter è la moglie di Glen, messa in semivita nel fiore degli anni e tenuta al Moratorium di Zurigo. Il marito la consulta spesso per chiederle consigli sulla direzione dell’agenzia di prudenza ma sebbene Ella cerchi di aiutarlo in ogni modo possibile ormai la sua rinascita è sempre più vicina. Presto dovrà lasciarlo per sempre, forse ancora prima del previsto a causa dell’intromissione di un altro semi vivo.

- Joe Chip è un dipendente ma sopratutto un amico di Runciter. A differenza degli altri dipendenti lui è un semplice essere umano e il suo compito è quello di misurare il potere dei potenziali dipendenti.

Nonostante il buon lavoro Joe è perennemente senza soldi e ha debiti perfino con gli elettrodomestici del suo stesso appartamento. Tuttavia quando l’azienda cadrà in crisi e una serie di inquietanti avvenimenti comincerà a perseguitare i dipendenti sarà proprio Joe a cercare la verità con qualunque mezzo.

- Patricia Conley è una giovane inerziale con un potere del tutto fuori dal comune: invece di vedere il future lei è in grado di alterare il passato. Bella quanto sadica riesce a rimanere calma in qualunque situazione di crisi tanto da far sospettare che sia lei stessa a provocarle.

 

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''UBIK'': Indice dell'Analisi del Libro ''Ubik''

Ubik” è un romanzo fantascientifico ambientato per la maggior parte del tempo a New York. La grande mela pur rimanendo una grande metropoli è stata profondamente cambiata dagli anni.

È un mondo incredibilmente tecnologico, dove però la tecnologia sembra non facilitare sempre la vita delle persone: tutto è a pagamento, così anche per uscire dalla porta di casa è necessario pagare un pedaggio.

Di grande importanza nel romanzo è il Moratorium Diletti Fratelli a Zurigo. In questo luogo i defunti vengono mantenuti in uno stato di semivita, in modo che i loro cari possano parlare con loro fino a che non rinasceranno attraverso un nuovo utero.

Infine l’avvenimento che da una svolta alla trama, il fulcro intorno a cui ruotano tutti gli avvenimenti del romanzo, si svolge in una base altamente attrezzata di Luna, raggiungibile con un viaggio di poche ore dalla Terra.

 

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''UBIK'': Indice dell'Analisi del Libro ''Ubik''

Ubik” è ambientato nel futuro, essendo stato scritto nella seconda metà degli anni sessanta tale futuro è, per l’esattezza, il 1992.

Questo mondo fantascientifico è molto diverso da quello in cui lo scrittore viveva e da un certo punto di vista presenta alcuni aspetti in comune col mondo in cui oggi viviamo. Tutto è altamente automatizzato e la tecnologia è diventata un elemento profondamente intrecciato con la società e la vita dei singoli cittadini.

Nonostante quest’ombra premonitrice dei tempi moderni il romanzo è ricco di elementi classici della fantascienza, video telefoni e colonie su Luna e arte. Oltre a questo sono presenti innovazioni del tutto originali e sufficientemente inquietanti, come i Moratorium dove riposano i defunti.

 

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''UBIK'': Indice dell'Analisi del Libro ''Ubik''

Come in “Cronache del dopobomba” lo stile di Dick è inconfondibile fin dalle prime pagine.

Le frasi brevi e dirette, i toni aspri e costantemente velati da un vago pessimismo permettono di identificare i suoi lavori fin dalle prime pagine.

In “Ubik” Dick utilizza uno stile “sensazionale”, tutto si concentra su ciò che i personaggi sentono piuttosto che sull'obbiettivo svolgersi degli eventi.

 

NARRATORE DEL LIBRO ''UBIK'': Indice dell'Analisi del Libro ''Ubik''

Per il romanzo “Ubik” Dick ha scelto di usare la tecnica del narratore esterno, come fa sovente. Tuttavia in questo caso la narrazione segue da vicino il punto di vista del personaggio principale, ossia Joe Chip. Raramente ci si allontana da questo personaggio e quando accade di seguire altri punti di vista questo avviene solo per poche pagine.

 

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''UBIK'': Indice dell'Analisi del Libro ''Ubik''

Ubik” tratta alcuni dei temi più cari allo scrittore, su tre dei quali si basa l’intero romanzo.

Il primo ad apparire è la presenza di capacità paranormali. Se in “Cronache del dopobomba” queste erano un effetto collaterale della distruzione atomica qui sono semplicemente una normale evoluzione della specie umana. In “Ubik” i poteri paranormali sono una realtà talmente concreta che lo spionaggio commerciale è una vera battaglia tra i poteri paranormali e gli inerziali, individui che hanno evoluto come forma di difesa la capacità di bloccare tali poteri.

Il secondo tema è quello del decadimento del mondo. Tutto si consuma, invecchia a una velocità sempre maggiore. Sembra di precipitare in un incubo infinito, una realtà che continua a scivolare inafferrabile tra le dita.

Ciò che colpisce di più è che tale processo di decadimento del mondo col tempo si riflette anche sui personaggi e in qualche modo anche sul lettore. Dick attraverso le pagine sembra descrivere una versione terrificante del consumismo, dove tutto ciò che acquistiamo diventa immondizia nel momento stesso in cui tocca le nostre mani.

Infine, l’ultimo tema che emerge dalle pagine del romanzo, è quello dell’illusione. Dov’è la realtà? Qual è il sogno e qual è il mondo al risveglio? Tutto è incerto, instabile e perennemente mutevole.

 

COMMENTO DEL LIBRO ''UBIK'': Indice dell'Analisi del Libro ''Ubik''

Non a caso “Ubik” è uno dei maggiori successi di Dick, nonché una delle più importanti opere di fantascienza. Nonostante sia ambientato in un futuro immaginario è in grado di coinvolgere profondamente il lettore grazie alla trama e soprattutto grazie ai temi trattati che in qualche modo vanno a risvegliare inquietudini annidate nel cuore di tutti gli uomini.

Nulla può essere dato per scontato, ogni volta che si matura la convinzione di aver finalmente capito quale sia il filo conduttore la trama prende una svolta inaspettata ribaltando tutte le convinzioni che si era arrivati a raggiungere.

Questa è senza dubbio una delle opere in cui questo scrittore di culto esprime al meglio se stesso, o per lo meno una delle sue più grandi fasi creative. Sebbene sia considerato fantascienza non è un romanzo che parla del futuro, ma bensì di qualcosa di universale che permea in tutte le epoche storiche: il decadimento, l’invecchiamento e il disperato tentativo dell’umanità di arrestarlo.

È un romanzo adatto a tutti che può essere affrontato a molti livelli: come semplice avventura, come inquietante triller, o come analisi di un processo incontrastabile che da sempre l’umanità prova a combattere e che nella nostra epoca sembra pervadere ogni aspetto della vita di tutti i giorni.

 

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Ubik''Indice dell'Analisi del Libro ''Ubik''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare