Recensione ''Se questo è un uomo'' (Libro di Primo Levi) - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Se questo è un uomo''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Se questo è un uomo”.
  • Titolo originale: "Se questo è un uomo".
  • Autore: Primo Levi;
  • Nazionalità Autore: Italiana;
  • Data di Pubblicazione: pubblicato per la prima volta da De Silva Editore nel 1947, edito da Einaudi nel 1958;
  • Editore: Einaudi Editore;
  • Genere: Biografia;
  • Pagine: 214 p., tascabile;
  • Voto del Pubblico (IBS): 4,8 su 5.

DOVE COMPRARLO:

Recensione del Libro “Se questo è un uomo” di Primo Levi del 1958, genere Biografie, Narrativa italiana moderna e contemporanea. Evidenzieremo il riassunto del libro “Se questo è un uomo”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Se questo è un uomo” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''SE QUESTO È UN UOMO'':

Primo Michele Levi è nato a Torino nel 1919 ed è morto nella stessa città nel 1987. È stato scrittore, partigiano e chimico italiano, autore di opere divenute famose in tutto il mondo.

L'amore per la scienza e la letteratura gli deriva probabilmente dal padre, ingegniere elettrotecnico per la Ganz. Durante il liceo capisce che il suo interesse principale è la chimica e si iscrive all'Università di Torino. Riesce a laurearsi con grandi difficoltà a causa delle nuove leggi razziali che discriminavano fortemente i cittadini di razza ebraica.

Si trasferisce a Milano, dove trova impiego in un fabbrica di medicinali e inizia a scrivere i primi racconti. In questo periodo entra in contatto con gli ambienti antifascisti e si iscrive al Partito d'Azione clandestino.

L'anno successivo si rifugia sulle montagne della Val d'Aosta insieme ad altri partigiani e lì viene scovato dalle autorità fasciste e mandato prima in un campo di raccolta a Fossoli e poi deportato nel campo di concentramento di Auschwitz.

Dei 650 ebrei italiani, tra uomini, donne, vecchi e bambini, che partono sul convoglio diretto in Polonia, Levi sarà uno dei 20 che vedranno la liberazione nel 1945 da parte dell'Armata Rossa. Tra le tante coincidenze che lo hanno salvato, ha avuto un peso la sua conoscenza della chimica, che gli ha valso un lavoro presso un laboratorio del campo dove contrabbandava articoli in cambio di cibo.

Tornato in Italia si dedica con impegno al racconto dei fatti accaduti nel Lager in un romanzo intitolato “Se questo è un uomo”, che inizialmente non ha un riscontro positivo. Solo qualche anno dopo Einaudi lo ristampa ottenendone un successo strepitoso. Rinfrancato dalla riuscita del libro, scrive “La tregua”, che racconta il viaggio di ritorno attraverso l'Europa del dopoguerra.

Una volta in pensione, si dedica esclusivamente alla scrittura, pubblicando “Il sistema periodico”, “La chiave a stella”, “Se non ora, quando?”.

Nel 1987 viene trovato morto alla base della tromba delle scale della sua casa di Torino. Le circostanze della morte portano a credere che si sia suicidato: a causa dei ricordi tormentosi e strazianti del Lager e del probabile senso di colpa per essere sopravvissuto, soffriva da tempo di depressione, ma aveva dovuto interrompere i farmaci a causa di un intervento. Era inoltre cupamente preoccupato per la salute della madre e della suocera, entrambe a suo carico.

L'ipotesi è ancora oggi criticata da chi sostiene che Levi non abbia mai dimostrato la volontà di morire e avesse anzi diversi progetti per il futuro.

RIASSUNTO DEL LIBRO ''SE QUESTO È UN UOMO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Se questo è un uomo''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

È il 13 dicembre del 1943. Primo Levi ha 24 anni quando viene arrestato dalla Milizia fascista che lo strappa ai boschi dove si nascondeva con gli altri partigiani e commette un errore ingenuo ma definitivo: piuttosto che dichiararsi militante antifascista ammette la sua condizione di cittadino di razza ebraica. È l'inizio di un incubo che durerà più di un anno.

Stipato su un convoglio con 650 italiani ebrei, viene deportato nel campo di concentramento polacco di Auschwitz. Gli uomini vengono subito divisi da donne e bambini, che non vedranno più, e costretti a lavorare nel Lager.

Dopo appena pochi giorni, Levi capisce che non c'è via di ritorno. Quelli che non vengono uccisi subito perché ritenuti inutili, moriranno comunque di freddo, fame, malattie, percosse o sfortunate coincidenze.

La vita nel campo si dimostra fin da subito finalizzata a un unico scopo: annullare l'uomo prima di ucciderlo. Distruggere la sua dignità, svilirlo, degradarlo fino a renderlo non più una persona ma una bestia da sfruttare per poi liberarsene.

Ai detenuti vengono subito tolti tutti gli oggetti personali, i vestiti e le scarpe, e gliene vengono consegnati di nuovi: stracci vecchi usati più volte che non bastano neanche a ripararli dal freddo. Viene loro tolto anche il nome: d'ora in poi saranno solo un numero tatuato sul braccio.

Il cibo è poco e spesso viene barattato con un cucchiaio per poter mangiare la zuppa o un pezzo di stoffa per fasciare i piedi sanguinanti. Si dorme in cuccette di legno occupate da due persone, ci si lava con acqua fredda e il più delle volte sporca, si lavora fino allo sfinimento delle forze e al disfacimento del corpo.

E anche quando i superstiti hanno superato tutti questi ostacoli giornalieri, arrivano le Selezioni (è inverno e c'è bisogno di spazio nei dormitori) e la loro vita può terminare nel Camino per la decisione di un ufficiale che ha messo la loro scheda nella scatola sbagliata.

In questa vita non-vita non esistono amicizie, non si pensa al futuro, i ricordi della vita passata vengono sotterrati perché troppo dolorosi; gli Häftlinge, i prigionieri, non provano nemmeno più solidarietà l'uno per l'altro, vige un'unica regola: arrivare alla sirena della sera che mette fine alla giornata e li fa rientrare nelle cuccette.

Persino quando i bombardamenti russi si fanno più frequenti e inizia a circolare la voce della fine della guerra, i detenuti proseguono nella loro routine senza batter ciglio. Nessuna espressione di gioia, nessuna speranza, nessun sollievo.

E quando uno di loro tenta di boicottare il Crematorio di Birkenau e viene impiccato davanti a tutto il campo, nessuna voce si alza a difenderlo. È in quel momento che Levi capisce che il Lager ha raggiunto il suo proposito: quello era l'ultimo "uomo", loro non lo sono più.

Distruggere l'uomo è difficile, quasi quanto crearlo: non è stato agevole, non è stato breve, ma ci siete riusciti, tedeschi...da parte nostra nulla più avete a temere: non atti di rivolta, non parole di sfida, neppure uno sguardo giudice.

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''SE QUESTO È UN UOMO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Se questo è un uomo''

- Primo Levi: Häftling, ossia prigioniero del campo di concentramento di Auschwitz. Italiano ebreo, non è un uomo robusto, non è forte, non sopporta bene il duro lavoro, ma come tutti nel Lager cerca di dimenticare la fame, il freddo, il dolore, le piaghe del corpo, per arrivare alla fine della giornata.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

Come tutti, la sua individualità viene svilita e spezzata dal campo, così come la solidarietà nei confronti del vicino. Lo scopo del prigioniero è sopravvivere fino al giorno dopo, a costo di passare sopra agli altri.

Si affollano in questa narrazione una quantità di personaggi che sono spesso solo nominati e appena descritti. Dai prigionieri ai Kapos, fino alle SS. La maggior parte delle figure che Levi ci fa conoscere dureranno poche settimane o pochi mesi; solo un ristretto numero arriverà alla liberazione.

Non ci sono quindi figure di spicco perché è mancato il tempo: la morte le ha stroncate prima che potessero diventare personaggi ricorrenti di questo romanzo.

- Un breve accenno si può dedicare solo a Lorenzo un operaio civile italiano che per sei mesi porta a Levi una parte del suo rancio e gli infonde la convinzione che al di fuori del Lager ci sia ancora un mondo buono, non contaminato dall'orrore che lui sta vivendo.

- Alberto unico amico del protagonista, ragazzo intelligente e sveglio, non corrotto dal campo, che ancora lotta per la vita perché il suo sangue è troppo libero per essere domato dai nazisti.

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''SE QUESTO È UN UOMO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Se questo è un uomo''

Essendo il racconto di "Se questo è un uomo" incentrato sul periodo di internamento che l'autore ha vissuto nel Lager di Auschwitz, i luoghi e gli ambienti sono esclusivamente quelli del campo e della Buna, la fabbrica in cui venivano costretti a lavorare.

La freddezza e insieme cura con cui Levi descrive Auschwitz ci danno un'idea della devastazione a cui questi uomini sono stati sottoposti. Dallo squallore dei Blocks (dormitori) con le loro cuccette, alle fabbriche in cui vengono inviati, fino alle latrine comuni, il piazzale grande dove vengono distribuiti i pasti; tutto caratterizzato da quella essenzialità, squallore, sporcizia, che li ospiterà per tutto il tempo della loro detenzione.

L'autore riesce, con descrizioni dettagliate e precise a evocare luoghi che la nostra fantasia non potrebbe immaginare nemeno nel peggiore degli incubi. Ne deriva un quadro di disperazione, avvilimento, abbandono, che il lettore è in grado di sentire con viva empatia.

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''SE QUESTO È UN UOMO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Se questo è un uomo''

Le vicende narrate in "Se questo è un uomo" si svolgono in un arco temporale ben delineato. Dal 13 agosto del 1943, quando Primo Levi viene arrestato dalla Milizia fascista e portato nel campo di raccolta di Fossoli, fino al 27 gennaio del 1945, quando l'Armata russa entra nel Lager liberandolo.

Levi racconta le cose che accadono in questi 18 mesi non necessariamente in ordine cronolgico. C'è sicuramente un filo logico nei suoi pensieri: dall'inverno si passa all'estate, poi dinuovo all'inverno; ma la maggior parte dei racconti seguono l'ordine con cui il protagonista li ha ricordati quando ha cercato di fissarli sulla carta.

Ogni capitolo descrive un aspetto particolare della vita nel campo: l'infermeria, i Blocks, il lavoro in Buna; e mentre ce li mostra rivive con noi la vita di tutti i giorni, ma senza dargli un ordine preciso.

Come egli stesso sostiene, d'altronde, il tempo nel Lager si è fermato, scorre in modo diverso da fuori. Il prigioniero non guarda più al domani, ma solo all'oggi, non esiste futuro se non quello delle prossime ore: “Qui è così. Sapete come si dice «mai» nel gergo del campo? «Morgen früh», domani mattina.

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''SE QUESTO È UN UOMO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Se questo è un uomo''

Il romanzo di Primo Levi è scritto in un italiano colto e ricercato, il che rispecchia la buona istruzione dell'autore. La scrittura è veloce e spezzata, con frasi brevi, si vede che non deve intrattenere il lettore ma mostrargli ciò che i suoi occhi hanno visto, quello che le sue orecchie hanno udito.

Alcune parti del racconto sembrano scritte velocemente, con frenesia, con un passaggio dal tempo presente al passato che a volte lascia il lettore perplesso; è come se Levi volesse imprimere sulla carta ogni singolo ricordo prima di dimenticarlo.

C'è un'urgenza nella sua scrittura data da una necessità quasi fisica di non tralasciare nessun particolare, nessuna emozione, nessun dolore, nessuna delle piaghe che hanno martoriato i suoi piedi stanchi.

Questa fretta dimostra la volontà di comunicare gli eventi accaduti a chi è rimasto fuori, a chi non sa o non vuole credere. Ne deriva uno stile estremamente descrittivo, veloce, secco, ma essenzialmente realista, che si attiene ai fatti senza romanzarli, quasi a dimostrare che una simile condizione di vita non può essere raccontata che nella sua atroce e inevitabile realtà.

NARRATORE DEL LIBRO ''SE QUESTO È UN UOMO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Se questo è un uomo''

Il narratore è interno e onniscente. È ovviamente l'autore stesso, Primo Levi, che racconta la vita all'interno del Lager, sapendo quindi in anticipo tutto quello che accadrà e dandone a volte anticipazioni in brevi rivelazioni.

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

Levi parla in prima persona, quasi da subito al presente, come se stesse descrivendo gli avvenimenti man mano che accadono.

I caratteri delle varie figure che lo accompagnano in questo incubo sono dunque descritti in modo soggettivo: li vediamo attraverso i suoi occhi e sappiamo di loro quello che lui ritiene sia fondamentale conoscere.

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''SE QUESTO È UN UOMO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Se questo è un uomo''

Tante e serie sono le tematiche affrontate da questo racconto di una condizione umana che migliaia di uomini hanno vissuto nei Lager. Levi indaga spesso se stesso e gli altri, formulando degli interrogativi ai quali forse non ha mai saputo dare una risposta.

Primo fra tutti i questiti è: da dove nasce tanto odio? Come può l'uomo ridurre l'uomo a un simile stato di degrado? Perché i campi di concentramento non sono stati costruiti, come dice l'autore, per uccidere il nemico, che quello avrebbero potuto farlo benissimo nei campi con una fucilazione di massa, come spesso avveniva.

Il Lager ha lo scopo primario di "annullare" l'uomo, distruggerlo come essere umano, azzerare la sua dignità... e poi ucciderlo. Ma per far questo occorre una dose di odio che non ha riscontro in nessun'altra guerra. Uomini che fino a pochi mesi prima avevano vissuto come normali vicini di casa, ora diventano freddi assassini che non provano pietà né rimorso per le torture che stanno infliggendo.

È tanto assurda la situazione che come Levi stesso racconta “la saggezza dei vecchi prigioneri diventa il non cercar di capire”.

Lo spirito di sopravvivenza è l'altro grande tema di questo libro. Un desiderio di vivere che tormenterà lo scrittore per tutta la vita, a causa delle implicazioni che ha avuto nel Lager. Oltre alla personale dignità, quello che i tedeschi sono riusciti ad annullare è stato il desiderio di aiutare il prossimo: “mangia il tuo pane, e, se puoi, quello del tuo vicino”.

Per poter sopravvivere fino al giorno successivo, a volte occorre passare sopra al prigioniero che ti sta a fianco; si perde all'interno del campo la distinzione tra bene e male: esiste solo il vivere o il morire. Eppure allo Häftling bastano poche settimane per comprendere questa amara realtà che spezza non solo amicizie e conoscenze, ma soprattutto l'anima.

Forse è questo uno dei motivi per cui Levi non si è mai perdonato di essersi salvato: è difatti consapevole che questa sua salvezza può aver contribuito alla morte di altri.

COMMENTO DEL LIBRO ''SE QUESTO È UN UOMO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Se questo è un uomo''

Ho letto "Se questo è un uomo" più volte nella mia vita, e ogni volta è come se fosse la prima. Credo sia perché la natura umana non ama ricordare momenti così brutti della nostra storia. E così ad ogni lettura questo libro mi colpisce per l'assurdità degli eventi e per la mia incapacità di capire.

Se i tedeschi avessero semplicemente giustiziato tutti i prigionieri, la cosa avrebbe avuto un impatto minore sulle nostre menti. Ma la volontà calcolata di tenerli segregati in un campo per mesi o anni, togliendo loro tutto quello che fa di un uomo un essere umano pensante, questo non lo posso capire.

Leggendo il testo si capisce quanto sia costato a Levi raccontare tutte le verità; non solo quelle che colpevolizzano i tedeschi per le atrocità commesse, ma soprattutto quelle che accusano se stesso e i suoi compagni per aver ceduto. La loro dignità è stata spezzata, al loro individualità cancellata; un anno di Lager li ha portati a toccare un fondo dal quale forse non tutti i superstiti sono mai risaliti. Come ha detto lo stesso autore, la vita nel campo ha comportato “una lotta estenuante di ciascuno contro tutti, e una somma non piccola di aberrazioni e di compromessi”.

"Se questo è un uomo" è un testo essenziale nella crescita dell'umanità; è un monito per le generazioni future, un appello a non dimenticare. Non dimenticare che l'uomo, quando ha voluto, è stato capace di trattare il suo simile come fosse una bestia constringendolo non solo a dimenticare se stesso, considerandosi solo un numero tatuato, ma anche a venir meno a tutti quei principi umani secondo cui era cresciuto. È la descrizione di un odio senza pari che non trova motivazione né giustificazione.

La conoscenza a volte può essere dolorosa ma credo sia nostro dovere leggerlo. Almeno per rispetto nei confronti di quanti non sono tornati e del dolore e dello sforzo che lo scrittore avrà fatto per descrivere un anno di buio, un anno di vita rubata.

Francesca Tessecini

+20k M.R.

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Se questo è un uomo''Indice dell'Analisi del Libro ''Se questo è un uomo''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare

Avatar di demapass
demapass ha risposto alla discussione #812 2 Settimane 2 Giorni fa
Buy drivers license, ID cards ((WHATSAPP > +37060687581)) passports Visa(( Email:: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.))
We offer real and genuine passports, drivers license, Identity cards, TOEFL, IELTS, Birth certificates for the following countries: Australia, Belgium, Brazil, Finland, France, Great Britain, Ireland, Italy, Netherlands, Norway, Austria, Sweden, Switzerland, Spain, Great Britain, USA and others. We guarantee you 100% genuine documents which you can use with any single problem. we have satisfied clients all over the world.

WHATSAPP > +37060687581

General support ::: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
General support ::: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Buy drivers license online
Buy passports online
Buy diplomates online
Buy SSN online
Buy birth certificates online
Buy ID cards online
Buy visa online
Buy certificates online
Buy TOEFL, IELTS online

WHATSAPP > +37060687581

General support ::: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
General support ::: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Order real and fake drivers license online
Order real and fake passports online
Order real and fake SSN online
Order real and fake birth certificates online
Order real and fake ID cards online
Order real and fake visa online
Order real and fake certificates online
Order real and fake TOEFL, IELTS online

WHATSAPP > +37060687581

For more information you can visite

www.legitpassport.com
www.legitpassport.com


Buy Registered and unregistered drivers license online
Buy Registered and unregistered passports online
Buy Registered and unregistered SSN online
Buy Registered and unregistered birth certificates online
Buy Registered and unregistered visa online
Buy Registered and unregistered ID cards online
Buy Registered and unregistered certificates online
Buy Registered and unregistered TOEFL, IELTS online

WHATSAPP > +37060687581

General support ::: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
General support ::: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Get novelty drivers license online
Get novelty passports online
Get novelty SSN online
Get novelty birth certificates online
Get novelty ID cards online
Get novelty visa online
Get novelty certificates online
Get novelty TOEFL, IELTS online

WHATSAPP > +37060687581

General support ::: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
General support ::: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Buy genuine drivers license online
Buy genuine passports online
Buy genuine SSN online
Buy genuine birth certificates online
Buy genuine ID cards online
Buy genuine visa online
Buy genuine certificates online
Buy genuine TOEFL, IELTS online

WHATSAPP > +37060687581

General support ::: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
General support ::: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

genuine and fake passports for sale
genuine and fake certificates for sale
Real and fake ID card for sale

Buy Fake Euro online
Buy fakes online
Buy fake British pounds online

WHATSAPP > +37060687581