Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Rebecca la prima moglie''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Rebecca, la prima moglie”.
  • Titolo originale: "Rebecca".
  • Autore: Daphne Du Maurier;
  • Nazionalità Autore: Inglese;
  • Data di Pubblicazione: 1938;
  • Editore: Victor Gollancz;
  • Genere: Giallo;
  • Pagine: 383 p . , rilegato;
  • Voto del Pubblico (IBS): 4,47 su 5.

 

DOVE COMPRARLO:

 

Recensione del Libro “Rebecca, la prima moglie” di Daphne Du Maurier del 1938, genere Giallo. Evidenzieremo il riassunto del libro “Rebecca, la prima moglie”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Rebecca, la prima moglie” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''REBECCA LA PRIMA MOGLIE'':

La scrittrice britannica Dame Daphne du Maurier, conosciuta solo come Daphne du Maurier, nasce a Londra il 13 maggio del 1907.

I genitori di Daphne, Gerald du Maurier e Moriel Beaumont, erano entrambi attori teatrali.

Ultima di tre sorelle, Daphne dopo aver completato a Parigi i suoi studi torna in Inghilterra dalla sua famiglia in Cornovaglia, a Fowey.

L'amore per la letteratura le viene trasmesso da suo padre attraverso la lettura dei romanzi di suo nonno, George du Maurier, e grazie agli scrittori Dickens e Stevenson fino ad arrivare a James Matthew Barrie, amico di famiglia e soprannominato affettuosamente "zio Jim", autore del celebre "Peter Pan".

Nel 1931, grazie all'aiuto di uno suo zio editore, Daphne pubblica il suo primo libro "Spirito d'amore".

Nel 1932 Daphne sposa sir Frederick Arthur Montagne Browning, un maggiore dell'esercito.

A causa della sua attività la coppia si trasferisce nel 1939 ad Alessandria d'Egitto, dove Daphne scriverà il celebre romanzo "Rebecca, la prima moglie".

Nel 1943 la coppia ritorna in Inghilterra e si trasferiscono in un maniero a Menabilly, con i loro figli.

Nel 1965 muore suo marito Frederick, e Daphne, in preda al dolore, sceglie di vivere in solitudine.

Nel 1978 viene premiata con il "Mystery Writers of America Grand Master" insieme a Dorothy B. Hughes e Ngaio Marsh.

Daphne du Maurier muore il 19 aprile del 1989, le sue ceneri vengono sparse nei campi che circondano la sua ultima residenza, assecondando così il suo desiderio.

Il maestro del brivido Alfred Hitchcock con le sue pellicole omaggia la penna di Daphne du Maurier, regalando al cinema la sua versione di "Rebecca, la prima moglie" nel 1940, "La taverna della Giamaica" nel 1939 e "Gli uccelli" nel 1963.

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''REBECCA LA PRIMA MOGLIE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Rebecca la prima moglie''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

La scrittrice britannica Daphne Du Maurier racconta nel suo più famoso romanzo "Rebecca, la prima moglie" (dal titolo originale "Rebecca") la storia di una giovane dama di compagnia in vacanza a Montecarlo.

Durante il suo soggiorno, la giovane, ingenua e modesta dama di compagnia, a servizio dell'odiosa signora Van Hopper, conosce Maxim de Winter, ricco vedovo inglese, in viaggio a Montecarlo per dimenticare la tragica morte della sua amatissima e giovane moglie, Rebecca.

La ragazza s’innamora immediatamente dell’affascinante vedovo e inizia a frequentarlo all'insaputa della sua signora, che è costretta a rimanere a letto a causa di una brutta influenza.

Prima di partire, l’uomo le chiede di sposarlo e lei accetta con entusiasmo.

Dopo la luna di miele, i novelli sposi giungono a Menderley, castello della Cornovaglia appartenente al suo sposo.

Al suo arrivo l'incontenibile gioia della nuova "signora" di Manderley viene subito smorzata dalla gelida accoglienza della governante, la signora Danvers, donna autoritaria che vive ancora nel ricordo della sua prima e amata signora de Winter.

La protagonista scopre fin da subito che tutta la tenuta sembra vivere ancora nel ricordo della prima moglie del suo amato sposo.

Rebecca, morta a causa di un incidente in barca, vive in ogni piccolo dettaglio, in ogni stanza e in ogni gesto della servitù. Un ricordo che la governante rende acceso più che mai.

Un fantasma ingombrante che alita sul collo della nostra giovane protagonista.

Rebecca è un'immagine troppo perfetta, troppo affascinante, è una realtà irraggiungibile che non riesce, con non pochi sforzi, ad eguagliare.

La protagonista vive, con il fantasma della sua antagonista, una lenta e inesorabile lotta psicologica.

Rebecca diventa un ossessione, un ossessione fastidiosamente perfetta e maledettamente inarrivabile.

"Rebecca, sempre Rebecca. Dovunque mettevo piede a Manderley, dovunque mi sedevo, persino nei miei sogni incontravo Rebecca".

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''REBECCA LA PRIMA MOGLIE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Rebecca la prima moglie''

-La protagonista del romanzo è una giovane ragazza goffa e terribilmente insicura.

A ventuno anni lavora come dama di compagnia per la signora Van Hopper.

Dopo sposata la protagonista, di cui per tutto il libro non verrà rivelato il nome, vive i primi mesi di matrimonio con lo spettro della prima moglie del suo sposo.

Diventa la nuova signora de Winter, senza capirne bene il significato.

Innamorata sinceramente di suo marito cercherà di combattere una silenziosa battaglia contro il ricordo della prima perfetta signora de Winter.

-Maxim de Winter è il giovane e ricco vedovo di cui si innamora la nostra protagonista.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

Signore di Manderley, Maxim è un personaggio molto affascinante per alcuni versi ambiguo e tremendamente complesso.

Fatica ad esprimere i suoi sentimenti per sua moglie e molte volte il suo pensiero corre alla sua defunta moglie, Rebecca.

-Rebecca, a cui è dedicato il titolo del libro, è la prima moglie di Maxim

La donna viene considerata da tutti l'unica e vera signora de Winter.

Anche dopo la sua morte, tutti continuano a parlare di lei: della sua bellezza, della sua intelligenza e della sua perfezione.

-La signora Danvers è l'inquietante governante della casa, del castello di Manderley.

Legata in modo ossessivo e morboso alla defunta signora de Winter, la donna fa del castello un sacrario alla memoria della sua adorata padrona.

Gelosa della nuova moglie e della nuova padrona di Manderley, cercherà in tutti i modi di ostacolarla.

-La signora Van Hopper è la datrice di lavoro per cui all'inizio del libro lavora la protagonista del romanzo.

Odiosa, volgare e pettegola è sempre pronta ad umiliare la sua dama di compagnia mandandola ad approcciare personalità famose incontrate per caso, soltanto per poterle annoverare tra le proprie conoscenze.

 

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''REBECCA LA PRIMA MOGLIE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Rebecca la prima moglie''

Il romanzo "Rebecca, la prima moglie" nato dalle mani della scrittrice Daphne Du Maurier prende vita, nei capitoli iniziali della storia, a Montecarlo mentre la nostra protagonista lavora come dama di compagnia per l'odiosa signora Van Hopper.

La raggiante e frivola Montecarlo e il luogo che rappresenta la gioia di un nuovo incontro e dell'amore finalmente trovato.

Dopo il matrimonio della protagonista con Maxim de Winter la scena si sposta in Cornovaglia, precisamente a Manderley, nell'imponente dimora appartenente ai de Winter.

Manderly, al contrario, rappresenta l'ignoto, un luogo oscuro che cela la verità, nascosta sotto gli occhi di una perfetta apparenza.

 

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''REBECCA LA PRIMA MOGLIE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Rebecca la prima moglie''

La scrittrice Daphne Du Maurier con il suo più famoso romanzo "Rebecca, la prima moglie" ci catapulta negli anni della bella Inghilterra degli inizi del Novecento.

Viviamo, grazie alle sue parole, l'Inghilterra dei signori ricchi e delle signore benestanti alla spasmodica ricerca di un marito e della vita mondana, che appartiene esclusivamente alla vivace Montecarlo.

La matassa della storia, raccontata dalla scrittrice, comincia a svolgersi tra la vita e le dimore altolocate della borghesia della Cornovaglia.

A Manderley, una tenuta appartenente allo sposo Maxim de Winter, tutto prende forma e la storia raccontata dalla Du Maurier può avere finalmente inizio.

 

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''REBECCA LA PRIMA MOGLIE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Rebecca la prima moglie''

Daphne Du Maurier nel suo romanzo cattura l'attenzione del lettore con l'aiuto di elementi che hanno caratterizzato il feuilleton ottocentesco: in cui amori appassionati e infelici dominavano la scena.

La lettura è leggera, scorrevole e piacevole. Il punto di forza del romanzo è, senza dubbio, la capacità di far vivere il fantasma di Rebecca grazie ai pensieri della protagonista.

 

NARRATORE DEL LIBRO ''REBECCA LA PRIMA MOGLIE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Rebecca la prima moglie''

Daphne Du Maurier lascia narrare la sua storia dalla protagonista del romanzo.

Il romanzo è raccontato dalla seconda moglie di Maxim de Winter, nonché la nuova signora de Winter. Rebecca, la prima defunta moglie del suo sposo, aleggia come un'invisibile spettro tra le pareti di Manderley.

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

Uno spettro che mette continuamente a disagio la protagonista, di cui, non a caso, il nome non viene mai svelato per tutta la durata della vicenda.

 

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''REBECCA LA PRIMA MOGLIE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Rebecca la prima moglie''

Con “Rebecca la prima moglie”, Daphne du Maurier ci racconta un dramma psicologico scritto con sapiente maestria, che abbraccia il lettore in un'atmosfera ricca di mistero e di suspense.

Rebecca è la prima moglie di Maxim de Winter e lo rimarrà anche dopo la sua morte.

Lo rimarrà anche quando la nuova moglie del signore di Manderley varcherà la soglia della loro casa.

Rebecca si rivela essere da subito un fantasma opprimente per la giovane protagonista.

La giovane donna vive una sorta di ossessione per la donna che l'ha preceduta: non riesce ad essere brava e bella come lei, non riesce ad essere amata come lo era lei, non riesce ad eguagliare lo splendore della sua antagonista.

Ma antagonista Rebecca non lo è mai. Non a caso il nome della nuova sposa de Winter non viene mai menzionato all'interno del romanzo.

L'intento di Daphne du Maurier è quello di farci sentire costantemente la presenza di Rebecca tramite le parole della protagonista: l'insicurezza, i dubbi, le incertezze un mosaico perfetto che rivela quanto quella casa, quanto quel mondo sia rimasto aggrappato alla memoria della prima signora de Winter, a partire dalla governante che odia fortemente la giovane sposa, colpevole di aver preso il posto della sua amata padrona.

E' Rebecca l'unica signora di tale titolo, la star, il centro del mondo raccontato dalla penna di Daphne du Maurier.

 

COMMENTO DEL LIBRO ''REBECCA LA PRIMA MOGLIE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Rebecca la prima moglie''

La seconda signora de Winter narra il romanzo scritto dalla penna di Daphne du Maurier dal titolo "Rebecca, la prima moglie".

La giovane donna, nel romanzo, racconta l'incontro con il marito, Maxim de Winter, il loro matrimonio e la vita nella casa coniugale.

L'ex dama di compagnia affronta, ad un tratto, una nuova vita come signora e padrona di una casa nobiliare dell'Inghilterra del Novecento.

Non sa però che dovrà scontrarsi con l'ingombrante fantasma di "Rebecca", la prima moglie di suo marito.

Circostanze misteriose si alternano in ogni momento della storia, percepiamo Rebecca in ogni pagina, in ogni stanza, in ogni pensiero della nostra giovane protagonista.

Ne è quasi ossessionata: non riesce mai a toccare, ad arrivare a quella perfezione di bellezza e fascino, che tutto e tutti intorno a lei, le parla di Rebecca. Manderley è un mausoleo alla sua memoria.

Un mausoleo tenuto in vita dalla governate, che odia profondamente la nuova moglie del suo padrone, colpevole di aver preso il posto della sua perfetta signora de Winter.

Ed è chiaro che, ad un certo punto, nella mente della giovane donna si insinua il verme della gelosia.

Suo marito non le dimostra mai cosa prova. Si rivela essere un uomo scostante e taciturno e la neo sposa si convince piano piano che Rebecca sia ancora totalmente presente nella mente e nel cuore del suo uomo.

Si assiste, così, ad un crescendo degli eventi, che con un narrazione via via più cupa si conclude con un lugubre finale da fiaba.

 

+20k M.R.

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Rebecca la prima moglie''Indice dell'Analisi del Libro ''Rebecca la prima moglie''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare