Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Noi i ragazzi dello Zoo di Berlino''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Noi, i ragazzi dello Zoo di Berlino”.
  • Titolo originale: "Wir Kinder vom Bahnhof Zoo".
  • Autore: Christiane F.;
  • Nazionalità Autore: Tedesco;
  • Data di Pubblicazione: 1978;
  • Editore: Rizzoli (collana Vintage);
  • Genere: Biografia;
  • Pagine: 344 p., rilegato;
  • Voto del Pubblico (IBS): 4,67 su 5

 

DOVE COMPRARLO

Recensione del Libro “Noi i ragazzi dello Zoo di Berlino” di Christiane F del 1978, genere Biografie e autobiografie. Evidenzieremo il riassunto del libro “Noi i ragazzi dello Zoo di Berlino”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Noi i ragazzi dello Zoo di Berlino” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''NOI I RAGAZZI DELLO ZOO DI BERLINO'': 

Christiane Vera Felscherinow, nota anche con lo pseudonimo di Christiane F. nasce il  20 maggio del 1962.

Christiane trascorre i primi anni della sua infanzia in un paesino della provincia tedesca.

A sei anni, con la sua famiglia si trasferisce a Berlino, luogo in cui le aspetta solo una vita deprimente e degradante.

Dopo il divorzio dei suo genitori, (suo padre beveva e picchiava violentemente sua madre, lei e sua sorella), lei rimane a vivere con sua madre mentre sua sorella, Annette, si trasferisce da suo padre.

Intanto Christiane frequenta il ginnasio e fa amicizia con la sua compagna di scuola Kessi, la ragazza che le aprirà le porte del mondo della droga.

Da questo mondo Christiane proverà ad uscire più volte senza successo.

Nel giugno del1978 viene condannata in un processo per detenzione e ricettazione di sostanze stupefacenti.

La condanna, poiché era ancora minorenne, viene sospesa a causa della sua giovane età.

Tuttavia due giornalisti dello "Stern" le chiedono di un intervista per girare un documentario sulla droga.

Dall'intervista nasce il libro cult "Noi, i ragazzi dello Zoo di Berlino", romanzo conosciuto in tutto il mondo, tanto da inspirare il clamoroso e famoso film dal titolo omonimo.

Dopo la fama, Christiane cerca di entrare nel mondo della musica, impresa che le regala scarsi risultati: il tutto si riassume a soli pochi brani e a poca pubblicità.

La Felscherinow partecipa anche ad alcune pellicole Underground dell’epoca.

Oggi vive nella periferia di Berlino insieme a suo figlio.

Vorrebbe scrivere un nuovo libro, ma nessuno sembra prenderla sul serio.

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''NOI I RAGAZZI DELLO ZOO DI BERLINO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Noi i ragazzi dello Zoo di Berlino''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

"Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino"(tradotto in italiano dal titolo originale "Wir Kinder vom Bahnhof Zoo") è un libro cult che nasce grazie al racconto delle deposizioni rilasciate nell'aula di un tribunale dalla giovane Christiane F. , all'epoca dei fatti minorenne.

La ragazza è coinvolta in un processo come testimone e come imputata per aver visto un uomo colpevole di aver scambiato dosi di eroina in cambio di favori sessuali.

Scritto con l'aiuto di due giornalisti del settimanale "Stern", Kai Hermann e Horst Rieck, Christiane racconta su carta la sua storia, che la porterà ad essere famosa in tutto il mondo.

Quella di Christiane è una vicenda che narra, in maniera decisamente diretta, il problema vissuto dalla Berlino degli anni '70: la piaga del consumo di eroina da parte di ragazzi giovanissimi, appartenenti perlopiù a classi popolari. Berlino, in quegli anni, è il centro di evoluzione più vasto dello spaccio di eroina.

Una situazione decisamente drammatica che coinvolge ragazzi di qualunque età e di entrambi i sessi, alcuni dei quali non hanno ancora compiuto il quindicesimo anno di età.

Da questo problema sociale deriva, ovviamente, un forte sviluppo della prostituzione tra questi ragazzini, che arrivano a compiere qualsiasi azione, anche le più degradanti, per ottenere i soldi per comprare la loro, tanto desiderata, nuova dose di eroina.

Questo "scambio di favori" avviene, soprattutto, nella grande stazione di Berlino: stazione che "regala" il suo nome al titolo del famoso libro.

Il Bahnhof Zoo è, quindi, una sorta di luogo di raduno dove i giovanissimi tossicodipendenti della capitale tedesca si ritrovano per comprare droga e per vendere il loro corpo.

Un libro forte, un grido, forse inconsapevole, d'aiuto.

Un romanzo che pagina dopo pagina racconta la vita di una ragazzina che a soli quattordici anni conosce le luride e grandi mani della droga.

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''NOI I RAGAZZI DELLO ZOO DI BERLINO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Noi i ragazzi dello Zoo di Berlino''

- Christiane è la ragazzina protagonista indiscussa di questo romanzo.

La ragazza, appena adolescente, fa prima uso di droghe leggere e poi comincia ad usare l'eroina.

- Detlef è il fidanzato di Christiane. Il ragazzo, che vive nell'appartamento del suo amico Axel, è un tossicodipendente dedito alla prostituzione omosessuale.

- Babsi è la migliore amica della protagonista, insieme a Stella.

Nel racconto di Christiane, Babsi appare come una ragazzina molto bella, dolcissima e affascinante.

A dispetto delle apparenze, Babsi sembra essere incapace di ribellarsi ad un destino ormai segnato dall'uso dell'eroina.

- Stella, migliore amica di Babsi e Christiane, appare come una persona molto egoista e priva di fascino.

- Kessi è la compagna di scuola di Christiane.

All'inizio del racconto è lei a portare Christiane al Sound, la discoteca in cui le due ragazze cominciano a fare uso di droghe leggere.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

A salvarla da un destino segnato è proprio sua madre che, scoprendo le sue frequentazioni, la costringe a lasciare definitivamente il suo gruppo di amici.

Questo porterà Kessi ad essere l'unica ragazza del libro a salvarsi e a prendere il diploma.

- Atze, eroinomane, è il primo fidanzato di Christiane, conosciuto al Sound.

- Axel è il migliore amico di Detlef e con lui vive in un appartamento comprato da sua madre

 

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''NOI I RAGAZZI DELLO ZOO DI BERLINO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Noi i ragazzi dello Zoo di Berlino''

Christiane nel romanzo racconta e descrive i luoghi di Berlino, luoghi in cui, quasi senza accorgersene, è iniziato il suo cammino verso la tossicodipendenza.

Tutto comincia nella Haus der Mitte: un circolo della chiesa evangelica in cui i ragazzi dimenticano i loro problemi fumando hashish e ascoltando musica. La storia si sposta dentro il Sound, la discoteca più conosciuta dell'epoca Chistiane.

Qui lei e i suoi amici si avvicinano a numerose sostanze come acidi all’efedrina e, ovviamente, ogni tipo di pasticche.

Ma è dopo aver provato l'eroina che Christiane comincia a frequentare la stazione metropolitana del Bahnhof Zoo, luogo dove i ragazzi cominciano a prostituirsi.

 

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''NOI I RAGAZZI DELLO ZOO DI BERLINO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Noi i ragazzi dello Zoo di Berlino''

Il romanzo, dal titolo originale "Wir Kinder vom Bahnhof Zoo" (tradotto in italiano con il titolo "Noi, i ragazzi dello Zoo di Berlino"), racconta il viaggio di Christiane F. e dei suoi amici negli angoli grigi e tristi della Berlino vissuta dai ragazzi tossicodipendenti.

La storia è ambientata negli anni '70 e racconta nel dettaglio gli anni dell'adolescenza della giovane protagonista, esattamente gli anni che vanno dal 1975 al 1978, quindi dai dodici ai quindici anni della piccola protagonista.

Il punto di svolta, nel romanzo, avviene il giorno del compleanno di Christiane, esattamente il 18 aprile del 1976, giorno in cui la protagonista, a soli quattordici anni, comincia ad usare l'eroina.

 

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''NOI I RAGAZZI DELLO ZOO DI BERLINO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Noi i ragazzi dello Zoo di Berlino''

Il romanzo si avvale di uno stile scorrevole e chiaro, uno stile accessibile a tutti.

Nel libro vengono spesso vengono usati slang e modi di comunicare tipici dei giovani di quel tempo.

Il romanzo è, inoltre, intramezzato da racconti di personaggi secondari come la madre e il padre di Christiane e degli assistenti sociali.

Personaggi che aiutano il lettore a capire meglio gli anni vissuti dai ragazzi dello Zoo di Berlino.

 

NARRATORE DEL LIBRO ''NOI I RAGAZZI DELLO ZOO DI BERLINO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Noi i ragazzi dello Zoo di Berlino''

"Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino" è un racconto autobiografico in cui Christiane, la ragazza che viene indicata come l'autrice del libro, racconta le sue vicende a due uomini: Kai Hermann e Horst Rieck, giornalisti del settimanale tedesco "Stern".

Christiane racconta dunque a loro, in prima persona nelle densissime pagine del libro, la sua storia personale.

 

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''NOI I RAGAZZI DELLO ZOO DI BERLINO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Noi i ragazzi dello Zoo di Berlino''

"Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino" non è solo un  racconto autobiografico ma è un libro che vuole sensibilizzare i giovani sulla tossicodipendenza.

Nato da un'intervista fatta a Christiane F, pagina dopo pagina i giornalisti che l'hanno ascoltata scrivono, nero su bianco, la sua storia nel mondo della droga, cominciata a 12 anni.

Christiane è la voce della sua generazione: una generazione che sembra non avere sogni e nemmeno aspirazioni.

Lei è il perfetto ritratto della Berlino dell'epoca, il ritratto dei quegli adolescenti, poco più che bambini, che diventano dipendenti dall'eroina e che vagano nella stazione metropolitana del Bahnhof Zoo per racimolare qualche soldo vendendo tutto, anche il loro corpo, solo per una dose.

Un mondo che è, in realtà, un circolo vizioso che può spezzare un ultima dose di eroina, quella fatale.

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

Christiane conduce il lettore nella mente instabile di quei ragazzini.

Ragazzini, che come lei, si convincono di stare bene, che si convincono che potranno smettere di perdere "l'ero" quando lo decideranno, ragazzini che non vengono turbati nemmeno dalla morte di un loro amico perché l'unica cosa importante è solo procurarsi i soldi per un'ultima dose.

Un libro duro, diretto, che si legge tutto d'un fiato, un libro che è stato pubblicato pochissimo tempo dopo gli avvenimenti narrati.

 

COMMENTO DEL LIBRO ''NOI I RAGAZZI DELLO ZOO DI BERLINO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Noi i ragazzi dello Zoo di Berlino''

Nel libro "Noi, i ragazzi dello Zoo di Berlino" Christiane F. ha dodici anni, un padre violento e una madre che è spesso fuori casa.

Christiane, per fuggire dalla confusione che ha in testa, comincia a fumare hashish e a prendere Lsd, efedrina e mandrax.

A soli quattordici anni, per la prima volta, si buca di eroina e comincia a prostituirsi.

Questo è l'inizio per la protagonista verso la discesa negli inferi. Una discesa che cercherà faticosamente di risalire due anni dopo.

La sua storia, raccontata da due giornalisti, diventa un caso per denunciare l'indifferenza della società dell'epoca davanti ad un fenomeno visibile a tutti.

Un dramma, tuttavia, che rimane attuale e che invita chiunque a riflettere. "Noi, i ragazzi dello Zoo di Berlino" racconta, in modo diretto, la storia di ragazzini e ragazzine farebbero di tutto per comprare una dose.

Ragazzini che mentono, rubano, e si prostituiscono. Adolescenti che dimenticano in fretta la visione del cadavere di un loro amico perché devono recuperare al più presto qualche spicciolo per una nuova dose di eroina.

Un servizio giornalistico che è, in realtà, il diario personale di una bambina che crede di saper controllare a suo piacimento i fantasmi della droga.

 

+20k M.R.

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Noi i ragazzi dello Zoo di Berlino''Indice dell'Analisi del Libro ''Noi i ragazzi dello Zoo di Berlino''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare