Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Malombra''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Malombra”.
  • Titolo originale: "Malombra".
  • Autore: Antonio Fogazzaro;
  • Nazionalità Autore: Italiano;
  • Data di Pubblicazione: in Italia nel 1881;
  • Editore: Brigola;
  • Genere: Narrativa, psicologico;
  • Pagine: 408 p., brossura;
  • Voto del Pubblico (IBS): 3 su 5.

DOVE COMPRARLO:

Recensione del Libro “Malombra” di Antonio Fogazzaro del 1881, genere Noir psicologico. Evidenzieremo il riassunto del libro “Malombra”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Malombra” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''MALOMBRA'':

Antonio Fogazzaro è nato a Vicenza il 25 marzo del 1842. Proveniva da una famiglia facoltosa, e la sua educazione ebbe una rilevante traccia cattolica. Dopo essersi laureato in Giurisprudenza, ed un periodo turbolento, sposa la contessa Margherita di Valmarana, che divenne il sostegno necessario per il temperamento sensibile dello scrittore.

In un primo tempo acclamato dal pubblico e dalla critica, Fogazzaro ebbe poi una profonda crisi religiosa e spirituale, che risvegliò l'inquietudine nel suo animo e la giustificazione attraverso le sue opere di alcuni stati del suo essere che un buon cattolico avrebbe dovuto reprimere, secondo la morale dell'epoca.

Fogazzaro si trovò così coinvolto sia in una lotta interiore di natura spirituale, sia all'esterno con la critica ostile, che lo amareggiò indicibilmente, lasciandolo molto provato. Morì a Vicenza il 16 febbraio del 1911 in ospedale, a seguito di un'operazione chirurgica non riuscita.

Tra le sue opere più famose, “Malombra”, il primo romanzo, uscito nel 1881, “Piccolo mondo antico” (1891), “Piccolo mondo moderno” (1900), “Il santo” (1905) e “Leila” (1911).

In particolar modo, le ultime due opere gli valsero la messa al bando dalla Chiesa, e l'inserimento del suo nome nell'Indice dei libri proibiti, insieme a molti altri illustri pensatori, filosofi, scienziati, letterati, storiografi, come Vittorio Alfieri, Giacomo Leopardi, Giordano Bruno, Francesco Bacone, Jean-Paul Sartre, Simone de Beauvoir, Galileo Galilei e moltissimi altri.

RIASSUNTO DEL LIBRO ''MALOMBRA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Malombra''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Il romanzo inizia con l'arrivo a Palazzo Ormengo di Corrado Silla, invitato dal conte Cesare Ormengo, il quale rivela a Corrado di aver intrattenuto con la madre del ragazzo una bellissima amicizia. Egli offre al giovane ospitalità ed un lavoro ben compensato, e questi accetta volentieri.

Da qualche tempo, Corrado intrattiene uno scambio di lettere con una donna misteriosa, Cecilia, alla quale risponde firmandosi con il nome Lorenzo. Cecilia è in realtà la marchesa Marina di Malombra, nipote del conte, una donna misteriosa e sfuggente, che, dopo il ritrovamento di alcune lettere d'amore e del diario di un'antenata, si identifica con l'infelice Cecilia, vittima di un amore colpevole, segregata dal marito per averlo tradito.

Marina ha un pessimo rapporto con lo zio che si accentua dopo aver scoperto il segreto della sua antenata. Marina e Corrado si frequentano, nonostante l'alterigia della marchesa, e la ragazza comprende che l'uomo è il misterioso Lorenzo, si convince di essere la reincarnazione di Cecilia, impazzita dopo la reclusione nella sua stanza e morta in seguito.

Alla villa arrivano anche la contessa Fosca con il figlio, probabile futuro sposo di Marina, nonché Edith, la figlia del segretario del conte, una giovane del tutto diversa da Marina.

L'ossessione della marchesa per Silla aumenta con il trascorrere del tempo, nonostante l'uomo creda di essersi innamorato di Edith. Nel frattempo, da Palazzo Ormengo arriva la notizia che il conte Cesare ha avuto un malore.

La salute del conte peggiora rapidamente, sino a quando, una sera, Marina presa dalla sua ossessione, grida all'infermo che lei è Cecilia e Silla il suo amante, e avrà la sua vendetta, quando vedrà morire il conte. Questi, scosso da quella scena e da quell'odio feroce, muore.

Ormai impazzita, Marina uccide Silla, che vuole allontanarsi da lei, poi scompare nel nulla a bordo della sua lancia, “Saetta”.

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''MALOMBRA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Malombra''

- Marina di Malombra è una donna molto bella, ha molti talenti, è brillante, si interessa di arte, di poesia e di musica. Ma è anche capricciosa, crudele, inquietante, vittima della sua ossessione, che trova il punto più alto nella scena in cui rinfaccia il suo odio al conte, ormai morente.

Marina, giovane altera, insolente, rimane prigioniera dei suoi demoni interiori. Personificazione del male, seduttrice, porta alla rovina se stessa e gli altri. Una creatura che alla fine impazzisce, certa di essere l'incarnazione della sua antenata.

Nello zio vede il suo carceriere, e lo tormenta con tutto l'odio di cui è capace. Una scena terrificante nella sua immediatezza, che fa risaltare il folle delirio di cui la giovane è ormai preda.

- Corrado Silla, il giovane amante, si trova impantanato in una situazione passionale e morbosa, in cui è attratto e nello stesso tempo respinto da Marina, affascinante e oscura, che lo irretisce con la sua bellezza e con il buio della sua anima. Corrado è un uomo debole, in crisi, che si lascia travolgere dalla bellezza e dalla personalità malata della giovane.

- Edith, la figlia del segretario del conte, è l'opposto della protagonista. Istintivamente percepisce la malvagità di Marina e ne ha paura. Solare, serena, limpida quanto Marina è invece impenetrabile, instabile, torbida. Edith rappresenta il contrasto tra bene e male, luce e tenebre, l'alternativa di un'anima più consona a Silla che però non riuscirà a cogliere, ormai precipitato e trascinato via nel vortice dell'oscurità.

- Cesare Ormengo è una delle vittime della follia della marchesa. Un uomo introverso e scontroso, che non riesce a comunicare con la nipote a causa della propria rigidità, e non la comprende, anzi, ne ha paura. E questo segnerà la sua fine.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

- Steinegge è il segretario del Conte Ormengo. Ritrova la figlia Edith dopo tanti anni ed ha rapporti ostili con Marina sin dall'inizio.

- Contessa Fosca è una donna frivola e calcolatrice, che vorrebbe far sposare per interesse il figlio Nepo alla marchesa. Si allontanerà subito avendo appreso l'estraneità di Marina al testamento, in cui la ragazza non appare neanche nominata.

- Conte Nepo è l'aspirante futuro marito di Marina. Penosamente impacciato dalla personalità dominante della giovane donna, non sa come comportarsi, apparendo goffo e maldestro.

- Padre Tosi è il medico che assisterà il conte. Sarà lui a capire i motivi del malore del conte Cesare Ormengo

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''MALOMBRA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Malombra''

Il romanzo si svolge per la maggior parte nel Palazzo Ormengo, in una località indefinita in Italia, chiamata R., vicino ad un lago, tra le montagne lombarde. Durante una gita all'Orrido, un luogo suggestivo pieno di enormi caverne, verrà fatta la proposta di matrimonio a Marina da parte di Nepo, ma in modo così goffo che la giovane non darà una risposta definitiva.

Successivamente, il libro continua a Milano, e racconta l'amicizia e l'attrazione che provano Silla ed Edith, con la quale il giovane sembra allontanarsi dal pensiero di Marina. Ma con il ritorno di Silla al Palazzo Ormengo, dove sarà ucciso, finirà anche la vita della marchesa, scomparsa nel lago, simbolo del suo animo torbido.

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''MALOMBRA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Malombra''

Il libro è ambientato nell'Ottocento, di cui si trovano in parte i temi romantici: fede e religione, amore e morte, con la drammaticità intensa tipica del Romanticismo, tale da indurre i personaggi alla salvezza attraverso la distruzione degli altri e di se stessi.

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''MALOMBRA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Malombra''

Lo stile di questo bellissimo romanzo racchiude la fluidità e la ricercatezza dei termini nella musicalità della narrazione del periodo della letteratura romantica, ma anche gli stacchi ad effetto e le frasi interrotte, fortemente drammatiche, del decadentismo, anche se l'autore si accosta solamente in parte a questo movimento letterario.

NARRATORE DEL LIBRO ''MALOMBRA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Malombra''

La storia è narrata in terza persona. Fogazzaro si evidenzia per dare vita ai personaggi in rapporto all'ambiente in cui essi vivono: gli aristocratici con un linguaggio colto, raffinato; popolani e servi con frasi dialettali, tutti mescolati in un unico, variegato universo.

In questo romanzo, l'autore non è comunque narratore distaccato, ma si lascia trasportare dalle emozioni dei protagonisti, dalla loro passione e follia.

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''MALOMBRA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Malombra''

Malombra non si distingue certo per la facilità e la leggerezza delle tematiche che esso affronta. Rimane comunque un romanzo stupendo, in cui si può riconoscere il dissidio che tormentava allora Fogazzaro, e che viene portato alla luce senza ipocrisie. Il duello eterno tra bene e male, passione e amore, luce e tenebra, equilibrio e follia. Tutto è legato ad una scelta, nella vita.

La lotta tra dogma e fede in un uomo di pensiero come Fogazzaro, in piena crisi religiosa e spirituale, è devastante ed estremamente attuale. L'epoca stessa in cui lo scrittore è vissuto era di grande cambiamento, e questo conduce invariabilmente a conflitti di qualsiasi natura, in un uomo molto sensibile ed eternamente diviso tra sensualità e misticismo come l'autore.

Un romanzo variegato nelle tematiche, quindi, che Fogazzaro affronta con la curiosità di una mente aperta e brillante, aiutata da un'avida sete di conoscenza che lo animava.

Il mistero della morte e di un'altra vita, la reincarnazione dell'anima sono quindi tra i temi più importanti di questo libro. D'altra parte, lo scrittore ebbe interesse e si occupò di occultismo per tutta la sua vita - non a caso fu presidente onorario della Società di Studi Psichici dal 1905 -, sperando così che gli studi intrapresi come ricercatore su ipnosi, chiaroveggenza, telepatia, spiritismo e paranormale potessero confermargli la sua personale teoria dell'immortalità dell'anima.

COMMENTO DEL LIBRO ''MALOMBRA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Malombra''

Malombra è un romanzo che non può mancare in una biblioteca. Un classico della letteratura, senza tempo, attuale nei temi. Ha atmosfere nebbiose, scenari cupi e suggestivi, che ricordano certi racconti di autori del Romanticismo.

Alcuni personaggi sono assolutamente contrapposti, uno il rovescio della medaglia dell'altro, come Marina ed Edith, ma si integrano perfettamente nella narrazione.

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

Altri sono personaggi aridi, che mancano di comprensione del prossimo, chiusi nella loro cieca rigidità, come il conte Cesare Ormengo, oppure frivoli, egoisti, avidi, interessati solamente al denaro, alla mondanità, come la contessa Fosca ed il figlio Nepo.

Una via di mezzo è rappresentata da Corrado Silla, che, nonostante sia accecato dall'indubbio fascino di Marina, trova un'eventuale ancora di salvezza nell'amore di Edith. Ma nel più puro stile romantico, Fogazzaro fa morire il protagonista, ucciso dalla follia della marchesa.

Marina è comunque una creatura oscuramente affascinante, come lo è il male in tutte le sue forme. C'è una parte del romanzo molto significativa, a questo riguardo. La donna suona un brano, “Vieni alla finestra” dal Don Giovanni, di Mozart, “come un maligno diavolo che abbia il vino affettuoso” come afferma Steinegge.

La frase è decisamente calzante per quello che riguarda l'essenza della marchesa. La sua frequentazione della mondanità nell'infanzia, voluta dal padre sin da bambina, unita ad una natura cinica e contorta, portano Marina di Malombra a manifestare modi di essere e azioni che lasciano sbalordite le persone che si avvicinano a lei, anche se sono incantati dalla sua bellezza.

L'oscurità, le tenebre attraggono l'essere umano perché è una creatura facilmente corruttibile, Il buio attira molto più fortemente di quanto possa fare la luce. Malombra è una fine, umana ed approfondita analisi psicologica dei personaggi, che nella loro esasperazione ossessiva, nonostante la possibilità di salvezza, arrivano comunque a perdere irrimediabilmente se stessi ed a distruggere le vite degli altri.

+20k M.R.

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Malombra''Indice dell'Analisi del Libro ''Malombra''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare