Recensione ''Maria la Sanguinaria. Miserie e grandezze alla corte dei Tudor'' (Libro di Carolly Erickson) - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Maria la sanguinaria. Miserie e grandezze alla corte dei Tudor''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Maria la Sanguinaria. Miserie e grandezze alla corte dei Tudor”.
  • Titolo originale: "Bloody Mary: The life of MaryTudor".
  • Autore: Carolly Erickson;
  • Nazionalità Autore: Inglese;
  • Data di Pubblicazione: 2002;
  • Editore: Modadori (collana Oscar Storia);
  • Genere: Biografia;
  • Pagine: 533 p., rilegato;
  • Voto del Pubblico (IBS): 4,73 su 5.

DOVE COMPRARLO:

Recensione del Libro “Maria la sanguinaria. Miserie e grandezze alla corte dei Tudor” di Carolly Erickson del 2002, genere Biografia. Evidenzieremo il riassunto del libro “Maria la sanguinaria. Miserie e grandezze alla corte dei Tudor”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Maria la sanguinaria. Miserie e grandezze alla corte dei Tudor” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''MARIA LA SANGUINARIA. MISERIE E GRANDEZZE ALLA CORTE DEI TUDOR'':

Carolly Erickson nasce il giorno primo gennaio dell'anno 1943.

La donna è conosciuta come una scrittrice americana e una biografa di libri storici.

Dopo aver insegnato storia medievale alla Columbia University, si è dedicata al lavoro storiografico scrivendo numerosi saggi e una serie di fortunate biografie.

Oggi Carolly Erickson si è definitivamente stabilita alle Hawaii.

Nel 2008 grazie al suo libro "The Tsarina's Daughter" (in italiano tradotto con il titolo “La figlia della Zarina) la Erickson ha vinto il premio del "RT Reader's Choice Award" come migliore romanzo storico.

I libri scritti dalla donna, tradotti in più lingue e conosciuti in ogni parte del mondo (in lingua originale) sono: "The Hidden Diary of Marie Antoinette" pubblicato nel 2005; "The Last Wife of Henry VIII" pubblicato nel 2006; "The Secret Life of Josephine: Napoleon's Bird of Paradise" pubblicato invece l’anno successivo, nel 2007; "The Tsarina's Daughter" pubblicato, appunto, nel 2008; "The Memoirs of Mary Queen of Scots" pubblicato nel 2009; "Rival to the Queen" pubblicato nel 2010; "The Favored Queen" pubblicato nel 2011; "The Unfaithful Queen" pubblicato l’anno successivo, nel 2012 e "The Spanish Queen" l’ultimo suo libro, pubblicato nel 2013.

Il suo primo libro invece porta il titolo di "Mistress Anne" pubblicato nel 1984.

RIASSUNTO DEL LIBRO ''MARIA LA SANGUINARIA. MISERIE E GRANDEZZE ALLA CORTE DEI TUDOR'': Indice dell'Analisi del Libro ''Maria la sanguinaria. Miserie e grandezze alla corte dei Tudor''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Carolly Erickson ci presenta la vita della sovrana Maria "la Sanguinaria".

Nata da Enrico VIII e da Caterina d'Aragona, passa da essere la stella del Regno, la primogenita del Re d'Inghilterra, ad essere la figlia ripudiata dal suo stesso padre.

Anna Bolena si introduce nella vita matrimoniale dei suoi genitori, e nulla sarà come prima.

Negli anni dell'adolescenza Maria viene separata da sua madre e il rapporto con suo padre si ricostruisce solo grazie ad una delle mogli di Enrico che lo convince a far rientrare Maria nella linea di successione, dopo il suo unico figlio maschio, quello che sarà ricordato come Edoardo VI.

Alla morte prematura del suo giovane fratello, Maria sale al Trono con la sola ed unica volontà di instaurare, ancora una volta, la fede cattolica: la sua missione diventa quella di riportare l'Inghilterra di nuovo tra le braccia della Chiesa di Roma.

Maria si rivela una donna forte e decisa, tenace a dispetto degli uomini che non vogliono una donna sul trono.

È in questo preciso momento che nasce l'appellativo "La Sanguinaria": per essere diventata la persecutrice dei protestanti, per la sua decisione di bruciarli sul rogo come se fosse l'anticamera dell'Inferno.

Oltre alla volontà di riportare il cattolicesimo nella sua Inghilterra, Maria è ossessionata dal voler donare un erede al suo regno.

A questo proposito sposa Filippo, figlio dell'imperatore Carlo V suo cugino, più giovane di una decina d'anni.

L'uomo è avvenente e strafottente, la sua unica preoccupazione è quella di essere incoronato re di Inghilterra.

L'uomo non ama la donna, vuole solo arricchirsi, al contrario della sua sposa che è innamorata di lui come un'adolescente e passa gli ultimi anni della sua vita nella speranza che l'uomo, sempre in viaggio, torni da lei e nella speranza di rimanere, finalmente, incinta.

Maria muore a poco più di quarant'anni e con lei si spegne la volontà di riportare in Inghilterra la chiesa Cattolica, una volontà spazzata via dalla sua leggendaria sorella Elisabetta I, che dichiarerà il Protestantesimo come religione di stato.

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''MARIA LA SANGUINARIA. MISERIE E GRANDEZZE ALLA CORTE DEI TUDOR'': Indice dell'Analisi del Libro ''Maria la sanguinaria. Miserie e grandezze alla corte dei Tudor''

- Maria è la protagonista indiscussa di questa biografia.

Dopo aver passato un'infanzia e un'adolescenza sacrificata grazie ai capricci e alle mogli collezionate da suo padre Enrico VIII, dopo un'attesa lunga ed estenuante sale al trono d'Inghilterra, dopo la morte del suo fratello minore Edoardo VI.

Maria Tudor, la Sanguinaria, è la prima Regina d'Inghilterra: una donna colta, di carattere e fortemente cattolica.

Personaggio interessante, dal punto di vista umano e storico, si innamora perdutamente di un uomo più giovane, un fanatico cattolico che non contraccambia il suo amore ma che desidera solo impadronirsi dell'Inghilterra.

Il matrimonio da lei tanto sognato le fa perdere il consenso della popolazione e la relega in secondo piano nella politica europea.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

- Filippo, marito della regina d'Inghilterra, è il figlio dell'imperatore Carlo V, suo cugino, già suo promesso sposo quando i due erano ancora bambini.

Più giovane di Maria di una decina d'anni, l'uomo desidera solo essere incoronato Re d'Inghilterra e non solo principe consorte.

L'uomo tradisce la donna continuamente, non l'ama affatto, per lui è solo un matrimonio utile per accrescere i suoi possedimenti ereditari.

- Enrico VIII è il padre di Maria, la futura regina d'Inghilterra.

L'uomo, ossessionato dall'idea di poter regalare un figlio maschio al suo impero, per trasformarlo in un perfetto erede al trono, condanna a morte o esilia le donne, le mogli che non hanno compiuto il suo disegno.

L'uomo allontana e disereda Maria salvo poi inserirla nella linea di successione, dopo il suo unico figlio maschio, grazie all'intervento proprio di una delle sue mogli.

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''MARIA LA SANGUINARIA. MISERIE E GRANDEZZE ALLA CORTE DEI TUDOR'': Indice dell'Analisi del Libro ''Maria la sanguinaria. Miserie e grandezze alla corte dei Tudor''

Carolly Erickson, la scrittrice della biografia "Maria la sanguinaria: miserie e grandezze alla corte dei Tudor", racconta la storia della prima regina d'Inghilterra.

Descrive l'Inghilterra di questa regina che la ricorda, oggi come ieri, con l'appellativo "La Sanguinaria".

La scrittrice descrive i luoghi in cui ha vissuto la giovane Maria, i luoghi dell'infanzia e dell'adolescenza: descrive la corte e i palazzi, il palazzo in cui ha vissuto gran parte dell'adolescenza, guardata a vista dai servitori di suo padre, lontana da sua madre.

La scrittrice armata di carta e penna descrive tutti i luoghi vissuti dalla dinastia Tudor durante la loro epoca.

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''MARIA LA SANGUINARIA. MISERIE E GRANDEZZE ALLA CORTE DEI TUDOR'': Indice dell'Analisi del Libro ''Maria la sanguinaria. Miserie e grandezze alla corte dei Tudor''

Carolly Erickson, con la sua biografia dal titolo "Maria la sanguinaria: miserie e grandezze alla corte dei Tudor", ci trascina nell'Inghilterra del 1500, precisamente alla corte della dinastia dei Tudor: una dinastia ricordata nel corso della storia per la sua grandezza e per la sua drammaticità.

Qui, tra queste pagine scritte dalla Erickson, ripercorriamo gli anni vissuti da Maria Tudor, la primogenita di Enrico VIII; leggiamo gli avvenimenti che partono dalla sua infanzia, della sua adolescenza fino ad arrivare al momento in cui la corona viene posata sul suo capo.

Maria, nell'Inghilterra del XVI secolo, diventa Regina, una regina che sarà ricordata da tutti con l'appellativo di Maria "la Sanguinaria".

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''MARIA LA SANGUINARIA. MISERIE E GRANDEZZE ALLA CORTE DEI TUDOR'': Indice dell'Analisi del Libro ''Maria la sanguinaria. Miserie e grandezze alla corte dei Tudor''

Carolly Erickson scrive il suo libro, la sua biografia, con un stile accattivante, riuscendo a raccontare la vita della donna rimanendo sempre fedele ai documenti storici.

Con l'aiuto della Erickson entriamo nella vita di Maria in punta di piedi. L'autrice, con uno stile impeccabile e piacevole, racconta ogni minimo dettaglio della vita di Maria, non trascura nessun particolare descrivendo una vita segnata dai capricci e dagli umori di Enrico VIII.

NARRATORE DEL LIBRO ''MARIA LA SANGUINARIA. MISERIE E GRANDEZZE ALLA CORTE DEI TUDOR'': Indice dell'Analisi del Libro ''Maria la sanguinaria. Miserie e grandezze alla corte dei Tudor''

Carolly Erickson scrive il suo libro (dal titolo "Bloody Mary: The Life of Mary Tudor" tradotto dal titolo originale in italiano "Maria la sanguinaria: miserie e grandezze alla corte dei Tudor") sottoforma di biografia.

Con documenti storici a portata di mano la Erickson racconta in terza persona la vita di Maria Tudor.

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''MARIA LA SANGUINARIA. MISERIE E GRANDEZZE ALLA CORTE DEI TUDOR'': Indice dell'Analisi del Libro ''Maria la sanguinaria. Miserie e grandezze alla corte dei Tudor''

Carolly Erickson scrive una biografia che ha lo scopo di rivalutare e raccontare la storia di Maria Tudor, la regina spesso ricordata con il soprannome "la Sanguinaria", una donna spesso messa in ombra, nei libri di scuola, da sua sorella, la grande Elisabetta I.

Maria Tudor, grazie alle parole della Erickson, viene raccontata in uno scenario più ampio.

La vera natura della figlia di Enrico VIII viene portata alla luce, come tutti gli episodi della sua vita che hanno contribuito a formarne il carattere.

La scrittrice mette nero su bianco il rapporto con i suoi genitori, con sua sorella e quello con suo marito.

Racconta gli scenari, gli ambienti, le cerimonie e i costumi che viveva e indossava ogni giorno.

La Erickson porta sui suoi fogli la vicenda dell'atroce esecuzione di centinaia di protestanti, che le è costato l'appellativo "La Sanguinaria", inquadrandolo in un contesto più ampio e nella consapevolezza del rispetto che la regina nutriva per il suo ruolo e per i suoi doveri.

L'autrice ci fa conoscere una donna intelligente, colta e risoluta, una donna che riesce a diventare regina nonostante un mondo dominato dagli uomini, una donna che nonostante le sue qualità compie gravi errori che la portano ad essere disprezzata dai suoi uomini che la portano ad essere ricordata, nei libri di storia, come un personaggio negativo.

Il libro racconta gli sbagli atroci di una donna, le decisioni sbagliate e racconta gli avvenimenti che hanno portato le sue mani ad essere macchiate di sangue ma, allo stesso tempo, ci racconta la vita di una donna incredibilmente sola, osteggiata e rimasta troppo spesso nell'ombra della sua ingombrante famiglia.

COMMENTO DEL LIBRO ''MARIA LA SANGUINARIA. MISERIE E GRANDEZZE ALLA CORTE DEI TUDOR'': Indice dell'Analisi del Libro ''Maria la sanguinaria. Miserie e grandezze alla corte dei Tudor''

Carolly Erickson, nel suo libro, racconta la storia di Maria, conosciuta grazie ai libri di storia con il soprannome di "Maria la Sanguinaria".

Maria Tudor, figlia di Enrico VIII, viene raccontata da una Erickson che cerca di nobilitare il suo nome, facendo chiarezza sui punti trascurati e sulle caratteristiche della primogenita di Enrico VIII.

L'autrice, con documenti alla mano, racconta nel suo libro l'infanzia della giovane Maria fino al giorno della sua morte.

Dopo aver vissuto la prima metà della sua vita in una sfavillante corte, circondata dal lusso, Maria e sua madre cadono in disgrazia, diventano quasi prigioniere, prigioniere degli umori di un Re "padre e padrone" che le rifiuta, le ripudia, preferendo a loro una nuova moglie e la speranza di un erede maschio.

Enrico fallisce nel suo proposito più grande, e invece di lasciare l’Inghilterra nelle mani di un erede maschio, lascia il suo regno alle sue due figlie femmine: Maria Tudor ed Elisabetta, figlia di Anna Bolena.

Dopo una serie di alterne vicende e di scontri politici, Maria sale al trono, assumendosi il compito di riportare la vera fede, quella cattolica, nel suo paese.

Nella biografia la scrittrice si dilunga soprattutto nel carattere, nella personalità di Maria: la sua educazione e la sua vita sono lo specchio del suo modo di governare e dei suoi principali propositi: quello di riportare l'Inghilterra tra le braccia della Chiesa romana e quello di dare un erede al suo regno.

Maria sarà così ossessionata da queste sue idee tanto da compiere gesti atroci e da inimicarsi, senza possibilità di redenzione, il suo popolo.

+20k M.R.

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Maria la sanguinaria. Miserie e grandezze alla corte dei Tudor''Indice dell'Analisi del Libro ''Maria la sanguinaria. Miserie e grandezze alla corte dei Tudor''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare