Recensione ''Mallory non sapeva piangere'' (Libro di Carol O'Connell) - 4.9 out of 5 based on 15 votes

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Mallory non sapeva piangere''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Mallory non sapeva piangere”.
  • Titolo originale: "Mallory's Oracle".
  • Autore: Carol O'Connell;
  • Nazionalità Autore: Statunitense;
  • Data di Pubblicazione: per la prima volta negli Usa nel 1994 e in Italia nel 1995;
  • Editore: Piemme (collana "Bestseller");
  • Genere: Thriller;
  • Pagine: 349 p., rilegato;
  • Voto del Pubblico (IBS): 3,25 su 5.

 

DOVE COMPRARLO:

 

Recensione del Libro “Mallory non sapeva piangere” di Carol O'Connell del 1994, genere Thriller. Evidenzieremo il riassunto del libro “Mallory non sapeva piangere”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Mallory non sapeva piangere” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''MALLORY NON SAPEVA PIANGERE'':

Carol O'Connell è nata a New York, il 26 maggio del 1947. Ha frequentato il California Institute of Arts e l'Arizona University. Vive e lavora a New York.

Ha vissuto, per molto tempo, con i guadagni provenienti dal suo lavoro di pittrice.

All'età di 46 anni, inviò Mallory's Oracle (Mallory non sapeva piangere), il primo manoscritto della serie, alla casa editrice Hutchinson in Inghilterra.

O'Connell era convinta che fosse necessario, per attirare l'interesse di un ottimo agente letterario, avere, come biglietto da visita, un primo libro già pubblicato.

L'editore inglese, conquistato dalla storia, decise di darlo alle stampe. Avendo fiutato il futuro successo della scrittrice statunitense, le offrì anche un ottimo anticipo per il secondo volume. Alla Fiera di Francoforte, i diritti del libro furono opzionati per la Francia e la Germania.

Un editore americano, Putnam, acquistò i diritti di Mallory's Oracle, per 800.000 dollari. Ormai scrittrice prolifica, O'Connell ha pubblicato molti volumi di una lunga serie, ottendendo un vasto successo di pubblico. Quasi tutti vedono come protagonista la poliziotta Kathy Mallory. Quest'ultima, donna bellissima con grandi occhi verdi, era una bambina di strada, adottata da un tenente di Polizia.

In lei si cela un misterioso e tremendo passato che la rende una donna di legge assai poco ortodossa. Persona sociopatica e disturbata, preferisce dialogare con i computer piuttosto che con gli esseri umani. Ha affetti e amicizie profondi, ma il suo carattere duro e gelido lascia trasparire ben poco di una sensibilità che, data la straordinaria intelligenza della protagonista, si intuisce essere molto complessa.

La saga si apre con l'omicidio del padre adottivo fino a giungere a gettare un squarcio - nel volume “Il volo dell'angelo di pietra”- sulla misteriosa morte della madre di Mallory, causa dei suoi notevoli disturbi psichici.

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''MALLORY NON SAPEVA PIANGERE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Mallory non sapeva piangere''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

In un quartiere degradato di New York vengono ritrovati due cadaveri: una vecchia donna e anche il capo della Sezione Crimini Speciali della Polizia di Manhattan (patrigno di Mallory).

L'assassino anche in questo caso sarebbe il serial killer che ha ucciso alcune anziane signore benestanti e che purtroppo nessuno ha ancora catturato perchè molto astuto e non si lascia tracce dietro di sé.

Mallory (poliziotta) che non vuole che l'assassino del patrigno (un serial killer di vecchie signore) resti impunito cerca di scoprire perchè lui era andato lì da solo. Mallory decide di accettare il permesso per gravi motivi di famiglia e di indagare da sola sulla morte del patrigno.

Crea così una società di investigazioni private con il suo amico Butler. Mallory inizia a pedinare il sospetto (a causa dei soldi ereditati da un omicidio), il nipote della seconda vittima del serial killer.

Visto che ormai erano soci e lavoravano nel palazzo in cui Butler abitava e dove abitava una certa Edith Candle (il cui nome era sulla parete di sughero del patrigno) Mallory cerca di scoprire cosa fa la signora che cerca di avvantaggiarsi economicamente attraverso le sue “doti” di hacker.

Poi viene assassinata un'altra vecchietta, ma ancora non ci sono sospettati perchè nessuno sembra adatto a questo ruolo. Mallory così va a una seduta spiritica dove scopre che tutte le vittime anziane vi partecipavano.

E continua a esaminare i vari sospetti, cioè chi può essere il serial killer chiamato l'uomo invisibile. Nonostante tutti fossero convinti che quei raccapriccianti delitti non fossero stati commessi da una donna, Butler era convinto del contrario ed anche di sapere chi fosse la colpevole. Aveva davvero ragione?

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''MALLORY NON SAPEVA PIANGERE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Mallory non sapeva piangere''

I personaggi principali di questa vicenda sono fondamentalmente due: l'agente di polizia Kathy Mallory e Charles Butler.

- Kathy Mallory è una poliziotta, esattamente un sergente della polizia di New York. Ha 25 anni, bionda, occhi verdi e gambe lunghe.

Da bambina era una vagabonda e una ladra. Molti anni prima Louis Markowitz, agente di polizia, l'aveva trovata quando aveva 11 o 12 anni e doveva portarla in centrale ma visto che era il compleanno della moglie decide per quella sera di portarla a casa sua (per non firmare tutte le carte del caso).

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

La moglie se ne è talmente innamorata che in seguito l'hanno adottata e trattata come loro figlia.

Kathy Mallory aveva ancora il vizio di rubare anche dopo essere stata adottata però Markowitz l'ha messa da subito a lavorare ai pc della centrale e lì scopre la sua abilità sia come hacker (infatti scopriva qualsiasi cosa e poi la passava al patrigno). Anche dopo essere entrata in polizia Mallory (così si fa chiamare da tutti) lei lavora sempre con i computer, ed è bravissima.

- Charles Butler è un giovane amico del patrigno di Markowitz, diventato amico anche di Mallory (nonostante tutte le difficoltà che questo comporta). E infatti a lui che Markowitz l'ha “affidata” dopo la sua morte, sia per proteggerla che per proteggere altri.

 

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''MALLORY NON SAPEVA PIANGERE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Mallory non sapeva piangere''

La vicenda narrata in questo romanzo ha inizio a Gramercy Park. Gramercy Park è il nome sia di un piccolo, recintato parco privato sia del quartiere circostante, nel quartiere di Manhattan, a New York City (negli Stati Uniti).

È uno dei due parchi privati a New York; solo le persone che risiedono intorno al parco che pagano una quota annuale hanno una chiave. New York (spesso chiamata New York City per distinguerla dall'omonimo stato) è conosciuta nel mondo come la Grande mela.

Sorge alla foce del fiume Hudson, citato spesso nel libro. Qui i vicini non si conoscono nemmeno se abitano sullo stesso pianerottolo figuriamoci a distanza di un isolato. È anche facile trovare subito dopo un quartiere particolarmente malfamato delle zone in cui abita il ceto medio.

 

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''MALLORY NON SAPEVA PIANGERE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Mallory non sapeva piangere''

La vicissitudine ha inizio un giovedì di agosto, un giovedì afoso. Poi i giorni non vengono raccontati uno per uno, infatti poi si capisce che passano almeno 2 settimane dalla morte del patrigno di Mallory. Siamo a settembre, dopo passano altre 4 e 6 settimane e si arriva nel mese di ottobre.

Nonostante i giorni passano velocemente senza essere menzionati i dettagli delle indagini sono minuziosi e precisi. La fine delle indagini in questione avviene dopo due mesi dalla morte del patrigno di Mallory.

 

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''MALLORY NON SAPEVA PIANGERE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Mallory non sapeva piangere''

La scrittura della O'Connell è semplice, descrittiva e minuziosa. A volte risulta macabra e addirittura fin troppo cruda. Le descrizioni presenti nel libro sono accurate, sia quelle dei personaggi (ben caratterizzati sia dal punto di vista fisico che psicologico), che quelle dei luoghi in cui i fatti avvengono.

 

NARRATORE DEL LIBRO ''MALLORY NON SAPEVA PIANGERE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Mallory non sapeva piangere''

In questo romanzo il narratore non è omodiegetico, cioè non è interno alla vicenda. Infatti tutta la storia che ci viene proposta è narrata in terza persona da un narratore non onnisciente, infatti questi non conosce né i fatti accaduti in passato ai personaggi né quelli che accadranno in futuro (tanto che non anticipa mai nulla).

 

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''MALLORY NON SAPEVA PIANGERE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Mallory non sapeva piangere''

Gli argomenti principali di questo romanzo sono cinque.

Il primo tema è quello della magia e dell'illusionismo. Con il termine magia si indica una tecnica che si prefigge lo scopo di influenzare l'essere umano con la volontà.

Mentre l'illusionismo è un'arte solitamente eseguita come forma di spettacolo di intrattenimento dove l'artista, comunemente detto mago o illusionista ma anche prestigiatore e con il francesismo prestidigitatore, crea effetti apparentemente magici usando trucchi che possono essere fisici (meccanici, chimici, idraulici o ottici), psicologici e soprattutto il trucco sta quasi sempre nell'abilità di mani del prestigiatore.

Un altro argomento è quello dei serial killer (tema trattato anche in altri libri, per esempio: “La casa delle anime morte”, “Ultima mossa”, “Il poeta” e “Il sonno del diavolo”), che solitamente fanno ciò che fanno perchè questo li diverte o li eccita.

La terza tematica è quella dei moventi dei vari crimini (in rari casi anche di quelli seriali). In questo caso viene esaminato soprattutto il movente dell'avidità.

Il penultimo argomento è quello dell'insider trading, cioè la compravendita di titoli (azioni, obbligazioni) di una determinata società da parte di soggetti che per la loro posizione all'interno della stessa o per la loro attività professionale, sono venuti in possesso di informazioni riservate non di pubblico dominio (informazioni privilegiate).

Simili informazioni permettono ai soggetti che ne fanno utilizzo di posizionarsi su un piano privilegiato rispetto ad altri investitori del medesimo mercato. A volte chi commette il reato dell'insider trading è anche un hacker.

Un hacker, in informatica, è un esperto di sistemi informatici in grado di introdursi in reti informatiche protette e in generale di acquisire un'approfondita conoscenza del sistema sul quale interviene, per poi essere in grado di accedervi o adattarlo alle proprie esigenze.

 

COMMENTO DEL LIBRO ''MALLORY NON SAPEVA PIANGERE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Mallory non sapeva piangere''

Questo romanzo è l'inizio di tutta la serie di Mallory. Proprio per questo ho deciso di rileggere tutti i libri di questa autrice in ordine cronologico, perchè anche se ogni libro della O'Connell è una storia a se la storia di base è la stessa.

Probabilmente proprio perchè questo è il primo romanzo dell'autrice si nota la sua inesperienza, infatti la trama è poco scorrevole e confusa nonostante io l'abbia trovata decisamente interessante. A spezzettare i ritmi dell'azione sono anche i troppi personaggi che sono presenti all'interno, infatti i loro nomi spesso confondono e distraggono dalla trama.

Come è capitato in altri libri: “Le piace la musica, le piace ballare” e “La casa delle anime morte”. I fatti narrati in questo libro però risultano molto realistici e credibili soprattutto dal punto di vista della durata. Non è la solita indagine che nel giro di una settimana si conclude.

Qui infatti le indagini durano almeno due mesi dall'inizio ufficiale. La protagonista è interessante e coinvolgente, infatti non è un'eroina (anche lei ha avuto problemi in passato).

Kathy Mallory è una donna bellissima, dura e con cui è difficile avere a che fare; a volte ha perfino degli istinti omicidi. Anche la trama è interessante e non banale, ricca di colpi di scena e suspense che colpiscono il lettore.

 

+9k Lucia Raso

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Mallory non sapeva piangere''Indice dell'Analisi del Libro ''Mallory non sapeva piangere''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare