Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''La pista di sabbia''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “La pista di sabbia”.
  • Titolo originale: "La pista di sabbia".
  • Autore: Andrea Camilleri
  • Nazionalità Autore: Italiana;
  • Data di Pubblicazione: 2007;
  • Editore: Sellerio;
  • Genere: Giallo;
  • Pagine: 288 pagine;
  • Voto del Pubblico (IBS): 3,67 su 5.

DOVE COMPRARLO:

Recensione del Libro “La pista di sabbia” di Andrea Camilleri del 2007, genere Giallo. Evidenzieremo il riassunto del libro “La pista di sabbia”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “La pista di sabbia” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''LA PISTA DI SABBIA'':

{loadpositionbiografiaelibri.andreacamilleri}

RIASSUNTO DEL LIBRO ''LA PISTA DI SABBIA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La pista di sabbia''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Montalbano si sveglia alle sette come quasi ogni mattina, ma non ha nessunissima voglia di alzarsi dal letto. Quando finalmente si decide e si affaccia sulla sua verandina vede sulla spiaggia un cavallo morto. La povera bestia è stata massacrata a sprangate sulla spiaggia, lontano dalla casa del commissario, ma è riuscita a scappare e ad andare a morire davanti alla casa di Montalbano.

Fazio informa il commissario del fatto che gira voce che da qualche tempo si organizzano nella zona corse clandestine di cavalli, e che forse l'uccisione del cavallo è da collegarsi al giro di scommesse collegate alle corse.

Mentre Montalbano e i suoi uomini aspettano che i vari uffici competenti decidano chi deve ritirare la carcassa, il cavallo sparisce dalla spiaggia. Certamente chi lo ha ucciso è tornato per far sparire la prova del crimine e rendere impossibile l'identificazione del proprietario del cavallo. Proprio quando la possibilità i svolgere indagini sembra venire a mancare in commissariato si presenta la signora Rachele Estermann per denunciare la scomparsa del suo cavallo.

La donna è arrivata a Montelusa da Roma per partecipare alla corsa delle dame, un evento di beneficenza, e ha portato con sé il suo cavallo, affidandolo a un amico, Saverio Lo Duca, che possiede una scuderia a Vigata. Rachele è ospite a casa della sua cara amica Ingrid, grande amica del commissario.

Il commissario resta affascinato dalla signora Estermann, bellissima e dotata di grandissimo spirito di osservazione. Il commissario esprime il sospetto che il cavallo trovato morto sulla spiaggia sia proprio della signora e lei rinuncia a sporgere denuncia. Montalbano vuol vederci chiaro però, e così inizia un'indagine nonostante la mancanza di denuncia.

L'indagine lo porterà a muoversi tra corse clandestine e scommesse gestite dalla malavita, mentre un'attrazione inspiegabile nei confronti di Rachele lo porta ad azioni che non aveva mai commesso in passato.

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''LA PISTA DI SABBIA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La pista di sabbia''

- Salvo Montalbano: commissario nel commissariato di Pubblica Sicurezza di Vigata, ama la propria solitaria routine ma non per questo si chiude in casa escludendo il mondo. È un uomo di legge ma spesso sente che la legge non coincide con ciò che è giusto e cerca di riportare legge e giustizia nello stesso alveo, provando di volta in volta disgusto per i potenti e compassione e comprensione per i poveracci provati dalle sventure e dalle ingiustizie senza cadere in sentimentalismi, agendo con buon cuore e equilibrio.

È un cacciatore solitario che nelle indagini vuol prendere le decisioni e ha bisogno del controllo affinchè i suoi ragionamenti vadano nel verso giusto ma non potrebbe fare a meno dell'apporto intellettivo e fisico dei suoi uomini. Fin dalle prime pagine Montalbano ci appare ricco di contraddizioni e sfaccettature, che lo rendono un personaggio vero e credibile. Appassionatissimo buongustaio ci allieta con le descrizioni di piatti della tradizione sicula quasi sempre a base di pesce, alternando i pasti consumati alla trattoria di Calogero a quelli che si gode nella solitudine della sua verandina meravigliandosi della fantasia e delle eccellenti doti culinarie della domestica Adelina.

L'altra sua grande passione sono i libri, specialmente i gialli, che spesso gli fanno venire in mente idee risolutive per i casi che segue. È meteoropatico, quindi nei giorni in cui il tempo è brutto i suoi uomini sanno che non bisogna contraddirlo. Ha un particolare intuito da sbirro che gli fa capire cosa non quadra e cogliere ogni minimo indizio.

- Domenico Augello detto Mimì: vice commissario, più giovane di Montalbano, ama le belle donne e non si lascia scappare occasione per corteggiarle. È un bravo poliziotto che spesso deve mettersi in ombra per non urtare la suscettibilità di Montalbano in materia.

- Livia Burlando: storica fidanzata di Montalbano, abita a Boccadasse, Genova. Ogni volta che il suo lavoro e quello del commissario lo permettono vola a Vigata per passare qualche giorno col suo uomo e puntualmente viene trascurata a favore delle indagini. Quando la coppia è divisa sono praticamente all'ordine del giorno le litigate durante le telefonate serali, che spesso si scatenano a causa di un malinteso. Livia a volte risulta pesante e aggressiva, forse in reazione ad un certo egoismo di Salvo. Nonostante i battibecchi capiamo che i due si amano molto.

- Giuseppe Fazio: quasi coetaneo del commissario, l'ispettore è dotato di buon fiuto e di una profonda conoscenza di Vigata e dei suoi abitanti. Inoltre è affetto da quello che Montalbano definisce complesso dell'anagrafe ed è in grado di snocciolare i dati anagrafici di tuttie le persone coinvolte in un'indagine.

- Nicolò Zito: grande amico di Montalbano, rosso di pelo e di pensiero, è un giornalista di una tv locale, onesto e che cerca sempre di dare le notizie in modo veritiero anche se sono scomode. Il commissario spesso si avvale della sua collaborazione quando deve portare a conoscenza del pubblico certi particolari per avere informazioni utili alle indagini.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

- Agatino Catarella: compare per la prima volta nel romanzo Il cane di terracotta l'agente che si occupa del centralino del commissariato.“lento a capire, lento ad agire”, Catarella parla in un italiano pittoresco e ricco di strafalcioni, non capisce mai bene i nomi e li riferisce al commissario totalmente cambiati.

- Ingrid Sjöstrom: sposata con Giacomo Cardamone, figlio di un importante uomo politico, è una svedese bellissima e disinibita, cosa che crea scandalo nella chiusa provincia siciliana. Nel suo paese era meccanico e partecipava come pilota alle corse automobilistiche. Per la sua franchezza e per il suo modo di fare inconsueto risulta subito simpatica a Montalbano, col quale stringerà una profonda amicizia. Riesce spesso ad aiutare il commissario condividendo con lui la sua conoscenza dei segreti e degli interessi delle persone che conosce, spesso coinvolte nei casi di cui si occupa Montalbano. Il suo contributo risulta decisivo in molte indagini.

- Beatrice Di Leo: studentessa di Lettere e Filosofia all'Università di Palermo, fa la rappresentante di batterie di pentole durante i viaggi organizzati per gli anziani. Bellissima, con grandi occhi celesti e capelli biondi, è molto intelligente e condivide con Montalbano l'avversione per le chiacchiere durante i pasti. A Montalbano fa subito simpatia e conquista anche Mimì Augello che se ne innamora, ricambiato. I due convolano a nozze.

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''LA PISTA DI SABBIA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La pista di sabbia''

La vicenda è ambientata nei consueti luoghi del commissario Montalbano, Vigata e dintorni. Nell'indagine abbiamo modo di conoscere anche Fiacca, la città in cui ogni due anni viene organizzata la corsa delle dame.

Particolare attenzione è riservata alla descrizione della spiaggia davanti a casa di Montalbano, la sabbia e la curva gentile dell'arenile che conducono il commissario al punto dell'arenile in cui è stato massacrato a sprangate il cavallo.

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''LA PISTA DI SABBIA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La pista di sabbia''

Non siamo in grado di individuare con esattezza la collocazione temporale della storia. Possiamo azzardare alcune ipotesi sulla base delle vicende. Il commissario mangia spesso sulla verandina anche di sera, quindi possiamo pensare che sia estate o perlomeno primavera. Anche il fatto che ci sia una corsa di cavalli fa pensare a un'ambientazione in un periodo dal clima mite.

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''LA PISTA DI SABBIA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La pista di sabbia''

Il linguaggio in questo romanzo è come sempre vario e ricco di dialettalismi. Ci sono anche momenti nei dialoghi in cui si può parlare di dialetto a tutti gli effetti. Spesso mentre rimugina tra sé e sé Montalbano cita proverbi della tradizione contadina. Durante le indagini Montalbano ha a che fare con personaggi che appartengono a cerchie altolocate composte da ricchi uomini d'affari e esponenti di antiche famiglie nobili. In questo caso i dialoghi si svolgono in un italiano impeccabile.

NARRATORE DEL LIBRO ''LA PISTA DI SABBIA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La pista di sabbia''

Il narratore è esterno alla storia (eterodiegetico), ci racconta i fatti ma soprattutto i pensieri dei protagonisti, in particolare del commissario Montalbano. Sono frequenti i dialoghi e seguiamo lo svolgersi della vicenda assieme al commissario.

Possiamo seguire i pensieri di Montalbano mentre cerca di trovare il bandolo della matassa in una vicenda estremamente complessa e mentre si muove con disagio e cautela nel bel mondo della provincia di Montelusa, mondo che non è abituato a frequentare e che trova inquietante e ipocrita.

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''LA PISTA DI SABBIA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La pista di sabbia''

La vicenda tratta di diverse tematiche interessanti, alcune già affrontate nelle indagini del commissario Montalbano, altre del tutto inedite. Tra le varie tematiche possiamo trovare quella dello sfruttamento degli animali per gli interessi criminali dell'uomo. Il commissario Montalbano ha sempre dimostrato grande sensibilità nei confronti degli animali, che fossero gabbiani, cani o cavalli. Non trova giusto che le organizzazioni criminali guadagnino sulla sofferenza di animali che trova nobili e bellissimi come i cavalli, e quando vede la povera bestia martoriata sulla spiaggia vorrebbe fare del male a chi l'ha ridotta così per pura crudeltà.

Altro tema presente in questo romanzo è il modo in cui anche le persone più insospettabili possano nascondere segreti che possono rovinare la loro vita e quella di chi li circonda. Molti di questi segreti rendono le persone in questione ricattabili e pronte a cadere nella rete della criminalità organizzata. Si viene così a creare un terreno fertile per la mafia che vuole arrivare a controllare attività di ogni genere spesso sfruttando attività legali e persone oneste e incensurate per coprire affari illeciti.

Altro tema molto doloroso è il tradimento nei confronti delle persone care, il cedimento ad istinti che vengono costantemente ignorati ma a volte trovano il modo di uscire prepotentemente allo scoperto.

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

COMMENTO DEL LIBRO ''LA PISTA DI SABBIA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La pista di sabbia''

Trovo questo romanzo molto interessante nel raccontare una vicenda apparentemente semplice che si rivela terribilmente intricata. Camilleri ci presenta il commissario come un essere umano estremamente sensibile ma che commette terribili errori quando si tratta di rapporti interpersonali con coloro ai quali tiene di più. È sempre molto sollecito nei confronti delle persone che incontra durante le sue indagini e cerca di aiutarle in ogni modo, ma quando si tratta delle persone che hanno con lui dei rapporti di amicizia o di amore è spesso insensibile o involontariamente crudele.

Non è una persona perfetta, non è un amico né un fidanzato perfetto, è un personaggio che per questo appare quanto mai credibile. Nonostante i difetti il commissario è circondato anche in questo romanzo dalla stima dei collaboratori e sostenuto dall'affetto della storica amica Ingrid, che non gli nega mai una mano nel momento del bisogno.

L'affascinante mondo dei cavalli e delle corse fa da cornice a una serie di dilemmi morali e lavorativi che mettono a dura prova il commissario.

Consiglierei questo romanzo a tutti coloro che amano le indagini del commissario e vogliono leggere un libro appassionante e che riesce a non deludere le aspettative degli affezionati di Montalbano per l'ennesima volta.

Carla Biolchini

+20k M.R.

COMMENTA questa Recensione del Libro ''La pista di sabbia''Indice dell'Analisi del Libro ''La pista di sabbia''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare