×

Messaggio

Failed loading XML...

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''La più amata''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “La più amata ”.
  • Titolo originale: "La più amata".
  • Autore: Teresa Ciabatti;
  • Nazionalità Autore: Italiana;
  • Data di Pubblicazione: 28 febbraio 2017;
  • Editore: Mondadori;
  • Genere: Narrativa Italiana;
  • Pagine: 218 p., Brossura;
  • Voto del Pubblico (IBS): 3,19 su 5.

DOVE COMPRARLO:

Recensione del Libro “La più amata” di Teresa Ciabatti del 2017, genere Narrativa Italiana. Evidenzieremo il riassunto del libro “La più amata”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “La più amata” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''LA PIU AMATA'':

Teresa Ciabatti è nata e cresciuta a Orbetello.

Dopo aver frequentato la scuola di Baricco a Torino, ha pubblicato i romanzi “Adelmo torna da me”, da cui è stato tratto il film di Virzì “L’estate del mio primo bacio”.

Gli altri suoi libri sono “I giorni felici” e “Il mio paradiso è deserto”.

Il suo ultimo romanzo è "La più amata" dove è arrivata semifinalista al Premio Strega 2017.

Collabora con “Il Corriere della Sera” e con “la Lettura”.

Inoltre ha collaborato come sceneggiatrice alla realizzazione di numerosi film tra cui “Tre metri sopra il cielo” di L. Lucinie e “La parrucchiera” di S. Incerti.

Teresa Ciabatti ora vive a Roma.

RIASSUNTO DEL LIBRO ''LA PIU AMATA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La più amata''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

I Ciabatti di Orbetello, sono una famiglia ricchissima, possiedono non solo una villa con undici bagni e una piscina hollywoodiana, ma case di proprietà sparse per tutta la cittadina e anche a Grosseto. Inoltre non si possono contare i conti correnti aperti in Italia e in Svizzera.

Lorenzo, è il primario dell’ospedale di Orbetello, decide delle vite di tutti, la sua équipe di medici e infermieri è a sua disposizione, sono i sui servi, gli curano il giardino, gli imbiancano la casa, gli riparano la macchina perché lui è il Professore con quell’anello d’oro con lo zaffiro.

Un giorno conosce Francesca, anestetista venuta da Roma, e alla fine si sposano. La condizione di Francesca, però, è quella di poter continuare a lavorare in ospedale, anche se dovessero arrivare figli. E i figli arrivano, due gemelli: Gianni e Teresa.

Mentre Gianni cresce sottomesso e intimidito dal potere del padre, sua sorella Teresa cresce viziata e protetta, è la cocca di papà e ha tutto quello che desidera, ma dall'età di dieci anni, diventa irascibile. E’ proprio l’adolescenza, il momento in cui Teresa si accorge che qualcosa nell’equilibrio familiare è rotto.

Sua madre, Francesca, soffre di depressione e accetta di farsi addormentare per un anno. A forza di dormire, però, si perde un pezzo di infanzia dei figli, la piccola Teresa e il fratello devono affrontare tutto da soli e assistere impotenti alla bella madre addormentata.

Nel frattempo, il rapporto tra i genitori si incrina e quando si lasciano definitivamente, Teresa e Gianni seguono la madre a Roma. Il distacco è traumatico perchè nella capitale Teresa è una ragazza qualunque, il suo cognome non apre più alcuna porta. E' una situazione alla quale è impreparata e perde contemporaneamente il riferimento paterno e lo status sociale.

Ed ecco che succede l 'insapettato: un investimento sbagliato e la fortuna dei Ciabatti scompare in men che non si dica. Le abitudini di Teresa e dei familiari si ridimensionano e tutto diventa sempre più difficile.

Alla morte di Lorenzo Ciabatti, il patrimonio sembra essere estinto, ci sono ancora dei soldi e la casa, ma tutti i conti correnti sono estinti.

Gli anni passano, il matrimoniodi Teresa è naufragato, mentre il fratello diventa sempre più scontroso.

"Mio fratello gemello mi evita, tu per me non sei una sorella, dice, hai sempre pensato solo a te stessa. Mi considera una squilibrata, e forse lo sono: agitata, sospettosa, inquieta, anaffettiva, mai andata sulla tomba dei miei genitori (l’ho detto?), interrotti i rapporti con il resto della famiglia, senza litigi, semplicemente per mancanza di cura. Egoista, superficiale, asociale"

Anche Teresa è arrabbiata con il mondo circostante, così comincia a indagare sul suo passato e soprattutto su quello di suo padre per cercare di trovare una risposta alle sue insicurezze che ha da una vita.

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''LA PIU AMATA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La più amata''

- Teresa Ciabatti 44 anni, E la cocca del papà Lorenzo. Ha sempre vissuto nel riflesso accecante del potere del padre. Da bambina era petulante e viziata.. Con il tempo cercherà di scoprire chi era veramente suo padre.

- Lorenzo Ciabatti Famoso chirurgo e primario dell’ospedale di Orbetello. Ha studiato in America. Ha salvato decine di vite. Fuma quattro pacchetti di sigarette al giorno. Ha diversi segreti. Uomo complesso, affascinante e scontroso, ricco e potente. Benefattore per molti, massone e faccendiere, invischiato in loschi traffici per altri. E' morto nel 1990.

- Francesca Fabiani, moglie di Lorenzo. Romana. Figlia di una venditrice di cappelli. Di umili origini ma mente brillante. Laurea in medicina, anestesista. Donna autonoma e anticonformista. Gambe bellissime, elegante nei modi, non porta il reggiseno perché non ne ha bisogno. Ha due figli, Gianni e Teresa. Non prende troppo sul serio l'essere fascista del marito e non affronta mai la verità, lo contesta tutta la vita vestendosi da hippy, non usando gioielli. Con il tempo avrà problemi di depressione, si trasformerà in una figura fantasma. Divorata da dubbi e segreti, incapace di tenere testa alla complessa personalità di suo marito.

- Gianni Ciabatti Fratello gemello di Teresa. Cresce sottomesso e intimidito dal potere del padre. Rancoroso e rabbioso nei confronti della sorella E' sempre stato in disparte negli eventi della famiglia.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

Personaggi secondari:

- La nonna di Teresa E' un ancora di salvataggio nei momenti più bui e duri della nipote. Nonna materna. Ed è quella che più di tutti ha fatto la guerra a Lorenzo Ciabatti.

- Zia Ambra dal passato oscuro, dagli atteggiamenti ora complici, ora ambigui.

- Maria una ragazza che Teresa vorrà farsi amica a scuola. Maria è grande, è bella e ha già rapporti sessuali. Criticherà l'abbigliamento infantile di Teresa.

- Fiorella l’amica della madre. Scudo di affetto e protezione nei confronti di Lorenzo Ciabatti.

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''LA PIU AMATA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La più amata''

Il libro "La più amata" è ambientato in Toscana, precisamente a Orbetello.

I protagonisti di questo romanzo sono i Ciabatti e sono una famiglia ricchissima. Durante le vacanze all’Argentario, si trasferivano in una villa con undici bagni e la piscina hollywoodiana. Non ce l’aveva nessuno la piscina privata in quei anni, solo loro e Susanna Agnelli.

Inoltre Lorenzo Ciabatti aveva case di proprietà sparse per tutta la cittadina e in più case anche a Grosseto.

Un giorno, Teresa e il fratello Gianni sono in piscina, nella villa del Pozzarello. A un certo punto fa irruzione nella casa un uomo armato che punta la pistola verso il padre e gli intima di seguirlo. La moglie di Lorenzo Ciabatti prende i bambini e li porta dentro il bunker che si trova nel sottosuolo.

La narrazione passa dal paese di provincia, ovvero, Orbetello, dove Teresa Ciabatti, la protagonista femminile, trascorrerà la prima parte della sua vita, a Roma, dove la ragazza si trasferirà con la madre, il fratello e la nonna materna e frequenterà le scuole superiori.

Qui a Roma, Teresa cambierà, perchè si renderà conto che il cognome Ciabatti non è conosciuto e famoso come in Toscana e avrà sempre meno modo di ostentare la sua ricchezza nei confronti delle altre persone.

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''LA PIU AMATA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La più amata''

Il Libro "La più amata" è uno spaccato della storia d’Italia, tra gli anni ’70 e ’80

Il racconto inizia parlando della famiglia Ciabatti, si parte da Lorenzo e Francesca, i genitori di Teresa, la protagonista, ormai deceduti.

"Mio padre e mia madre si sposano il 23 settembre 1970, ore 10.30, cattedrale di San Lorenzo, Grosseto"

E il 5 maggio 1972 nascono i due gemelli, Gianni e Teresa. Quest'ultima cerca di raccontare la sua vita piena di pensieri, di ricordi e di dubbi, attraverso flashback che vanno avanti e indietro negli anni.

Lorenzo Ciabatti, per esempio, fa parte della Storia, quella più grande, quella italiana degli anni ’70, è amico di Licio Gelli, del proprietario della Johnson & Johnson, conosce Ronald Reagan.

La ricchezza dei Ciabatti, però, diminuirà sempre di più a causa di un investimento sbagliato e Lorenzo sarà costretto a vendere la casa al Pozzarello nel 1988 per un milione di lire, quando in realtà ne valeva sei.

Con questi flashback, troviamo, la Teresa adulta, la quale, vuole solo scoprire le origini del suo dolore che non trova pace.

"Mi chiamo Teresa Ciabatti, ho quarantaquattro anni e non trovo pace. Voglio scoprire perché sono questo tipo di adulto, deve esserci un'origine, ricordo, collego. Deve essere successo qualcosa. Qualcuno mi ha fatto del male. Ricordo, collego, invento"

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''LA PIU AMATA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La più amata''

Il libro "La più amata" è una scrittura diretta, che testimonia per certi versi, la storia recente del nostro paese, impietosa e brutale.

La scrittura della Ciabatti è descrittiva, attenta e diretta e le sue frasi sono spesso molto brevi: soggetto, predicato e complemento.

I primi tre capitoli del libro, legati alla figura di Lorenzo Ciabatti che tutto può e ottiene, sembrano fantasiosi, poi dal quarto capitolo il ritmo si fa più veloce e il padre emerge diversamente da come l’abbiamo conosciuto fino a quel momento.

NARRATORE DEL LIBRO ''LA PIU AMATA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La più amata''

Le vicende del libro "La più amata"sono raccontate in prima persona dal punto di vista della protagonista femminile Teresa.

Oltre a raccontare un'infanzia e un'adolescenza ricche, Teresa è anche alla ricerca della vera identità del padre Lorenzo Ciabatti, stimato da tutti ma circondato anche da personaggi ambigui.

"Non che li dispiaccia tanta gratitudine, tutt’altro. Cambiare la vita delle persone, salvarle, è un modo di legarle a sé, di costruirsi una schiera di debitori. Di più: adepti"

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

I personaggi della madre e del padre sono molto ben delineati, mentre Teresa risulta essere troppo arrogante, troppo egoista, troppo bambina anche da adulta.

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''LA PIU AMATA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La più amata''

Il libro "La più amata"è un romanzo che racconta la famiglia Ciabatti: padre, madre e due figli gemelli.

Lorenzo Ciabatti è considerato un luminare, basta un semplice cenno del capo per ottenere quel che vuole, basta una semplice telefonata per smuovere mari e monti.

Teresa, da sempre la cocca del papà, è sempre stata la più ricca fra i bambini della scuola che ha frequentato, ma, spesso è stata sottoposta a sgarbi e isolamento.

"come protetta da un mantello che rende invisibili, non ci sono conseguenze per me, sempre salva."

Teresa diventata adulta, però, decide di ricostruire le vicende della sua infanzia, di quel padre/padrone sprezzante che ha perso il suo patrimonio immobiliare ed il suo denaro a causa di investimenti sbagliati, di quell’uomo che nel bene e nel male le ha segnato la vita e del quale ricorda solo alcune cose, come ad esempio l’anello d’oro col simbolo del compasso che porta.

"Io sono la regina, mi rimiro nello specchio. Mi chiamo Teresa Ciabatti, ho quarantaquattro anni, e a ventisei dalla sua morte decido di scoprire chi fosse davvero mio padre. Diventa la mia ossessione. Non ci dormo la notte, allontano amici e parenti, mi occupo solo di questo: indagare, ricordare, collegare. A quarantaquattro anni do la colpa a mio padre per quello che sono. Anaffettiva, discontinua, egoista, diffidente, ossessionata dal passato. Litio ed Efexor prima, Prozac e Rivotril poi, colpa tua, solo colpa tua, papà» "

Teresa, nei suoi quarantaquattro anni di vita si sente una fallita, incapace e inadatta. Una donna che sa che la colpa della sua condizione è da attribuire solo e soltanto a quei genitori, ed in particolare a quel padre, così misterioso, silenzioso e ricco di segreti.

COMMENTO DEL LIBRO ''LA PIU AMATA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La più amata''

Il libro "La più amata" è stato finalista al premio Strega 2017, l'autrice ripercorre la storia della sua famiglia e in particolare la figura del padre, Lorenzo Ciabatti, “il Professore”, luminare e benefattore, uno dei primi medici ad aver studiato in America.

"Mi chiamo Teresa Ciabatti, ho quattro anni, e sono la figlia, la gioia, l’orgoglio, l’amore del Professore."

La copertina del libro è una bellissima foto di Julie Blackmon in cui intravediamo una piscina, l’erba intorno, una donna distesa che prende il sole, delle gambe, qualcuno sotto un ombrellone intento a mangiare patatine, un bambino a bordo piscina che gioca con un pallone, forse un bambolotto sdraiato e qualcuno immerso nell’acqua.

La piscina è un elemento costante che accompagna le vicissitudini di Lorenzo Ciabatti, ed è anche il passepartout con cui la figlia Teresa, la protagonista della storia, una ragazzina viziata e ribelle, la quale, ottiene le attenzioni dei suoi compagni di classe, pavoneggiandosi e ostentando la sua ricchezza al loro cospetto.

Teresa Ciabatti mette a nudo un padre autoritario, gelido, assente, minaccioso e vendicativo, anche se a tratti era tenero, attento e premuroso, un padre a cui lei attribuisce la responsabilità delle sue debolezze e inadeguatezze di donna.

La vita personale si intreccia con quella reale e sullo sfondo delle vicende paterne spuntano personaggi italiani come Licio Gelli, Giorgio Almirante, Umberto Veronesi e stranieri addirittura come Ronald Reagan e anche Marilyn Monroe. Inoltre vengono nominati la tragedia dell’Andrea Doria, il golpe Borghese, la P2 e la massoneria.

Voglio lasciarvi con questa frase di Teresa che poi non è altro che una provocazione:

"Chi è migliore? Colui che sopravvive al dolore, e io lo sono, io sono qui, sopravvissuta al buio del passato (era così buio?), al gorgo di un’infanzia infelice (ma poi: era così infelice? Sii onesta, Teresa Ciabatti…). Io sono una sopravvissuta, e voi no"

Jlenia Barsotti

+20k M.R.

COMMENTA questa Recensione del Libro ''La più amata''Indice dell'Analisi del Libro ''La più amata''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare