Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''La guardarobiera''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “La guardarobiera”.
  • Titolo originale: "The Wardrobe Mistress".
  • Autore: Patrick McGrath;
  • Nazionalità Autore: Inglese;
  • Data di Pubblicazione: 24 ottobre 2017;
  • Editore: La nave di Teseo;
  • Genere: Narrativa Straniera;
  • Pagine: 326 p., Brossura;
  • Voto del Pubblico (IBS): 4,00 su 5.

DOVE COMPRARLO:

Recensione del Libro “La Guardarobiera ” di Patrick McGrath del 2017, genere Narrativa Straniera. Evidenzieremo il riassunto del libro “ La Guardarobiera”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “ La Guardarobiera” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''LA GUARDAROBIERA'':

Patrick McGrath, figlio di uno psichiatra, nasce a Londra il 7 Febbraio del 1950 e cresce nei pressi del manicomio criminale di Broadmoor diventando così un buon osservatore.

Decide di seguire gli studi del padre e si iscrive all’università scegliendo psichiatria, ma nel corso degli anni, cambia facoltà e si laurea in Letteratura.

McGrath ha scritto più di dieci libri: i più famosi sono "Spider" del 1990, "Follia" del 1996 e “Trauma" del 2007.

Il romanzo "Follia" ha venduto più di 500 mila copie ed è diventato un film nel 2005 del regista David MacKenzie.

McGrath ha vissuto prima a Vancouver e poi nelle Isole di Queen Charlotte e nel 1981 si è stabilito a New york dove vive tuttora.

Attualmente vive tra Londra e New York con la moglie, attrice di teatro e regista Maria Aitken.

RIASSUNTO DEL LIBRO ''LA GUARDAROBIERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La guardarobiera''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

17 Gennaio 1947: la guerra è finita da due anni. Londra è in macerie, non c'è nulla da mangiare e l'inverno è arrivato freddissimo.

Uno dei più grandi attori teatrali del momento,Charlie Grice, per tutti Gricey, muore improvvisamente in circostanze misteriore e sua moglie Joan, la sarta dei costumisti di scena del Beaumont Theatre è distrutta dal dolore.

Durante il funerale scorrono i parenti di Gricey: oltre alla bella vedova Joan, c'è la figlia Vera, attrice come il padre e il marito Julius. La cerimonia è talmente piena che alcune persone sono costrette ad assistere al di fuori della cappella.

La sera, Joan è a casa sua e beve un po’ di gin, cerca la voce del suo defunto marito, cerca l'odore nei vestiti su cui si sdraia e pensa alla vita inseparabile che hanno vissuto insieme.

Passa una settimana e Joan sente ancora il dolore per la morte del marito, ma decide di andare comunque al lavoro, con l'unico mezzo a sua disposizione, la bicicletta, una Raleight nera. Decide inoltre di andare a trovare la figlia Vera e scopre con orrore che non dorme più con il marito, ma in soffita.

Joan si fa convincere da sua figlia Vera ad andare all'Irvin Theatre ad assistere a una replica dell'ultimo spettacolo del suo defunto marito "Dodicesima Notte" e a vedere un sostituto interpretare il suo ruolo. Controvoglia acconsente. Ma quando l'attore appare sul palcoscenico, la vedova addolorata trasalisce nel rendersi conto che dietro gli occhi dell'uomo brucia ardente lo spirito di suo marito. Più tardi, nel backstage, incontra l'attore, Daniel Francis, e ha la conferma che Charlie vive in lui.

Joan è stordita dalla gioia e così decide di andare ogni sera all'insaputa di tutti a riguardare al teatro Frank/Malvolio/Gricey per provare di nuovo le forte emozioni. Alla fine della serata Daniel Francis, di cui il suo vero nome è Frank Stone la vede e insieme decidono di andare a bere qualcosa ad un pub.

Comincia così la loro amiciza, Joan lo invita pure a cena donandogli gli abiti del marito sottratti al suo guardoroba, Frank che è presissimo da lei e accetta.

Dopo una settimana Frank Stone torna a casa di Joan per ritirare il vestito di Gricey e ci trova Vera, la quale si è trasferita momentaneamente da sua madre,in quanto sostiene che suo marito abbia un amante.

Un giorno arriva a casa di Joan, Zia Gustl,la quale le rivela che lei non è l'amante di Julius,ma bensì è un' ebrea che sta combattendo i nazisti insieme a julius e che suo marito Gricey era un uomo cattivo. Joan non crede alle sue parole,ma, mentre è al guardaroba a prendere un cappotto del marito defunto nota al tatto qualcosa di piccolo e duro dietro il bavero e compare un distintivo dei neonazisti,i quali in Inghilterra, in quel periodo stavano tornando nelle piazze.

Per Joan che è ebrea, il colpo è fatale, perchè si rende conto che il marito le aveva nascosto questo terribile segreto e cioè che anche lui era stato un membro del partito fascista. Sempre più inquieta va a trovare la sua amica Delphie, l'unica che sa veramente chi è Gricey e le conferma che quella spilla apparteneva a suo marito.

Julius, inoltre le racconterà che Gricey oltre ad essere un nazista cattivo, cercava di sterminare gli ebrei e proprio il giorno della sua morte litigava furiosamente con lui per questo fatto. Joan dopo aver sentito tutto ciò,decide di aiutare gli ebrei, decide di unirsi alla resistenza contro il movimento fascista.

Intanto l'amicizia tra Joan e Frank Stone evolve in una relazione amorosa,tenuta all'oscuro di tutti ma Joan continua a vedere nel "sostituto" il fantasma di suo marito ed è sempre più inquieta. Arriva primavera le cose tra Joan e Frank non vanno più bene, lui bacia Vera durante le loro prove in teatro per la " Duchessa di Amalfi", una tragedia di Webster, e si sente attratto da lei,mentre Joan decide di andare con Julius e Gustl a questi comizi dei nazisti. Il comizio non va benissimo,oltretutto Joan è convinta di aver sentito e visto Gricey.

Frederic Bacon e sua moglie Hilda,proprietari della "Casa Nera", intanto continuano a portare avanti il loro obiettivo: resuscitare lo spirito fascista.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

Nel frattempo Vera è sempre più angosciata per l inizio della tragedia al teatro e si sente oppressa perchè non ha più il padre a consolarla,inoltre, scopre che Sloane va a letto con sua madre e gli tira la birra addosso e uno schiaffo da fargli uscire il sangue dal naso. Frank per paura decide di andare a casa di Joan per dirle tutto,ma la donna è alquanto strana, ha una luce strana negli occhi, da pazza,ha un coltello in mano e gli intima di andare via.

Joan continua a sentire la voce del marito morto nella stanza del guardaroba e una sera, per caso, fruga nel guardaroba di Charlie e scopre un orribile segreto: la sua divisa nazista e ne è totalmente devastata.

La donna, ormai comincia a sentire la voce di Gricey ovunque e decide di fare una cosa senza dire assolutamente niente a nessuno. Farà una cosa che non sconvolgerà soltanto la sua vita,ma anche quelle delle persone che le sono state sempre vicine.

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''LA GUARDAROBIERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La guardarobiera''

- Charlie Grice: grande attore, marito di Joan e padre di Vera, morto in cicrostanze misteriose cadendo dagli scalini di casa di Julius.

- Joan Grice: moglie e vedova di Charlie Grice e madre di Vera. Alta capelli neri,corporatura snella,viso pallido e scolpito con il mento alto, i denti inguardabili gialli e tutti storti, carattere spigoloso.E' una delle migliori direttrici di un guardaroba costumi ed è ebrea.

- Daniel Francis: vero nome Frank Stone, attore che ha preso il posto di Charlie Grice nella "Dodicesima Notte". Alto,giovane, magro, capelli neri, povero indossa abiti logori.

- Vera Grice: figlia di Charlie, attrice,alta,bella, bei denti e capelli neri lunghi. Sposata con Julius. - Julius Glass: capelli biondi, carnagione giallognola,ex impresario, più vecchio di 20 anni di sua moglie Vera. Era proprietario di un teatro lo "Swinburne",raso al suolo da una bomba durante la guerra.

Personaggi secondari: -Gustl Herzfeld o zia Gustl un'ebrea rifugiata vive in casa di Julius,il quale l'aveva salvata dai nazisti durante la guerra. Età tra i trenta e quaranta anni, capelli biondi, viso paffuto. Decide di combattere i fascisti a Londra insieme a Julius.

- Delphie Dix: ex ballerina, fumatrice incallita, vive su una sedia a rotelle, vedova e amica di Joan. Conosce il segreto di Charlie Grice.

- Peter Ryder: Ebreo che combatte con Julius e gli altri per contrastare i nazisti inglesi.

- Rosza Stein: madre di Frank Stein/Stone ebrea. Racconterà a Joan la sua fuga dalla Germania dei Nazisti a Londra.

- Hilda e Frederic Bacon: marito e moglie: Hilda è alta, corporatura massiccia,grossa e bionda, fumatrice. Frederic,cinquant'anni pelato,ha i baffi ed è un nazista convinto. I Bacon sono i propagatori della dottrina nazista, sono convinti di riportare in vita lo spirito nazista.

- Edgar Cartidge: bassa statura fisico massiccio capelli biondi fronte larga pro-nazista.

- Vickor Oakeshott: intellettuale del movimento,uomo miope e poco attento nell'igiene personale. Di lavoro faceva il professore.

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''LA GUARDAROBIERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La guardarobiera''

Il libro è ambientato soprattutto nei teatri.

I teatri durante la seconda guerra mondiale erano pieni di persone perchè tiravano su il morale, dall'autunno del 1940 i teatri ripresero le loro attività all'ora del pranzo e alle cinque del pomeriggio, prima del coprifuoco.

Joan,la protagonista,la vedova di Charlie Grice lavora presso il Beaumont Theatre dove gestisce il guardaroba costumi.

L'Irving Theatre, invece,teatro dove ci lavorava il defunto marito di Joan era sopravvissuto ai bombardamenti della guerra,ma era malridotto: poltrone traballanti,braccioli rotti, le fodere erano strappate, eppure le persone continuavano ad andarci per farsi scrollare di dosso quell'aria pesante che alleggiava in quel periodo.

Intorno alla metà del libro la narrazione si sposta alla "Casa Nera", il quartier generale della "BUF" un gigantesco edificio grigio in stile gotico.

Era riempito di camicie nere, cultori del fascismo, dove si davano appuntamento persone inglesi convinti di riportare il nazismo ai livelli di Hitler.

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''LA GUARDAROBIERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La guardarobiera''

Il libro è ambientato in Inghilterra, precisamente a Londra.

Una Londra del 1947, uscita dalla guerra moralmente splendida, ma sul lastrico e piena di rovine.

Piena di palazzi distrutti, fredda, priva di carbone, di farina, di Whisky e soprattutto priva di soldi. Anche la corrente elettrica andava via in continuazione e le case erano in condizioni precarie.

Le case non si potevano tenere pulite a causa della fuliggine e le stanze erano molto fredde. Solo una stanza era riscaldata, di solito, la cucina.

Il romanzo inizia il 17 Gennaio 1947 con il freddo pungente e la neve e finisce nel mese di aprile, a primavera inoltrata, ma con la continua presenza del ghiaccio e del freddo.

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''LA GUARDAROBIERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La guardarobiera''

Lo scrittore McGrath conferma il suo straordinario stile gotico carico di suspense ed esplora le personalità dei personaggi e la loro psiche rivelandone tutta la loro oscura complessità.

I personaggi del libro svolgono un ruolo nel romanzo e uno nella rappresentazione teatrale nella quale sono impegnati.

Questi personaggi indossano costumi e recitano delle parti e secondo McGrath, indossano le cosidette "maschere".

Il gioco delle parti è destinato a insinuarsi talmente in profondità, che la protagonista, Joan, la guardarobiera, ad un certo punto, non distingue più ciò che è reale dall’immaginazione e questo la porta ad una rapida perdita della lucidità.

NARRATORE DEL LIBRO ''LA GUARDAROBIERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La guardarobiera''

Il narratore del libro non è uno,ma besì un imprecisato coro femminile, forse un gruppo di anziane signore, probabilmente decedute, che facevano parte del coro del teatro.

Sicuramente uno di quei gruppetti di quel periodo che erano votati al pettegolezzo e alle battutine ironiche .

Sono loro a parlarci di Joan, la guardarobiera, abituata a preparare i vestiti per gli attori.

Joan aggiusta gli abiti, li mette in posa, li studia, li cataloga e nei vestiti del defunto marito è convinta che viva il suo spirito.

Questo coro femminile però descrive anche l'inizio della perdita di lucidità di Joan quando scopre che suo marito era dalla parte dei fascisti fino al raggiungimento della sua follia.

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''LA GUARDAROBIERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La guardarobiera''

McGrath dedica molto spazio ai fascisti nel libro. Molti di questi erano stati in prigione durante la guerra, consideravano Hitler un eroe e una volta rilasciati tornarono ai loro vecchi modi.

Il fascismo era ancora attivo nel 1947 e come notiamo nel libro le camicie nere tenevano i comizi, tappezzavano i muri di svastiche e le tensioni maggiori erano nella East End dove vivevano gli ebrei.come Joan,la protagonista.

Ci furono diverse persone che scesero in piazza per arginare questo brutto fenomeno. Esistevano dei membri chiamati "43 Group" che combatterono contro la diffusione delle camicie nere.

Erano persone di origine ebraica, come Julius,nel libro, ma ne facevano parte anche ex combattenti che trovavano intollerabile la rinascita di un fascismo inglese. Grazie a queste persone,a questi eroi, i comizi delle camicie nere a Londra cessarono definitivamente nel 1949.

COMMENTO DEL LIBRO ''LA GUARDAROBIERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''La guardarobiera''

Nel romanzo di Patrick McGrath, la Guardarobiera, si trovano tutti questi ingredienti: amore, morte, follia.

Amore, morte e follia si trovano anche nelle opere teatrali del libro. All’inizio del romanzo viene messa in scena "La dodicesima notte" di Shakespeare e poi in seguito "La duchessa di Amalfi".

La prima è una commedia, mentre la " Duchessa di Amalfi" è una tragedia, ed è come se fosse un riflesso della protagonista: Joan, donna bellissima, determinata nel lavoro,ma fragile nella vita.

Joan ama in modo pericoloso e si fa assorbire dalle sue stesse passioni. La sua elaborazione del lutto passa attraverso la volontà di continuare a far vivere il marito nei panni di un altro, non ama un altro uomo, in realtà Joan ama il fantasma del marito che ritrova nell’attore che lo sostituisce a teatro e quindi anche nella vita.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

La perdita improvvisa del marito e l’incapacità di accettarla rendono la guardarobiera vittima delle sue stesse passioni, fino alla scoperta di un terribile segreto, più terribile della morte.

Il mistero attorno alla vita di Gricey è fitto: Joan si domanda chi era in realtà l'uomo che aveva sposato e cosa aveva fatto di brutto. Tutte domande che il lettore cercherà con la protagonista di dare un senso a questo segreto.

La Guardarobiera di Patrick McGrath è un romanzo psicologico, come il suo famoso libro "Follia", che costringe il lettore ad entrare nella mente di tutti i protagonisti, quei personaggi che cercano di uscire dalla routine quotidiana,che cercano di reagire ad una vita dura e difficile.

Proprio con queste sensazioni lo scrittore dona al lettore la capacità di immedesimarsi nelle azioni dei protagonisti sia che esse siano buone o cattive.

Jlenia Barsotti

+20k M.R.

COMMENTA questa Recensione del Libro ''La guardarobiera''Indice dell'Analisi del Libro ''La guardarobiera''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare