Recensione "La bambina numero otto" (Libro di Kim van Alkemade) - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''La bambina numero otto''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “La bambina numero otto”.
  • Titolo originale: "Orphan #8".
  • Autore: Kim van Alkemade;
  • Nazionalità Autore: Statunitense;
  • Data di Pubblicazione: 12 Gennaio 2016;
  • Editore: Bookme;
  • Genere: Narrativa contemporanea;
  • Pagine: 384 p., rilegato;
  • Voto del Pubblico (IBS): 4,5 su 5.

 

DOVE COMPRARLO:

 

Recensione del Libro “La bambina numero otto” romanzo d’esordio di Kim van Alkemade del Gennaio 2016, genere narrativa contemporanea. Evidenzieremo il riassunto del libro “La bambina numero otto”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “La bambina numero otto” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''LA BAMBINA NUMERO OTTO'':

Kim van Alkemade è nato a New York e ha trascorso la sua infanzia nella periferia del New Jersey.

Il suo defunto padre, un immigrato dai Paesi Bassi, ha incontrato la madre, discendente di immigrati ebrei dell'Europa orientale, nel l'Empire State Building.

Ha frequentato l'università del Wisconsin, guadagnando un dottorato in inglese da UW-Milwaukee. Lei è una professoressa presso l'Università Shippensburg dove insegna scrittura, e vive a Carlisle, in Pennsylvania.

I suoi saggi saggistica creativi sono stati pubblicati in riviste letterarie, tra cui “Alaska Quarterly Review”, “So To Speak” e “CutBank”.

“La bambina numero otto” è il suo primo romanzo.

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''LA BAMBINA NUMERO OTTO'': Indice dell'Analisi del Libro ''La bambina numero otto''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Ispirato a fatti realmente accaduti, La bambina numero otto è un affascinante romanzo storico incentrato sul dilaniante conflitto interiore di Rachel Rabinowitz, un’infermiera trentenne che si trova a dover scegliere tra vendetta e compassione quando incontra Mildred Solomon, l’ambiziosa dottoressa che tanti anni prima l’ha sottoposta a pericolosi esperimenti.

La storia inizia nel 1919, quando Rachel è solo una vivace bambina di di quattro anni che vive con la sua famiglia in un affollato caseggiato del Lower East Side di New York.

Ma in seguito ad un’imprevedibile tragedia familiare che le ha strappato entrambi i genitori, la piccola viene separata dal fratello Sam e spedita in unorfanotrofio ebraico dove la dottoressa Solomon si occupa degli orfanelli e porta avanti le sue ricerche mediche.

Sottoposta a pesanti trattamenti a raggi X che lasciano sfigurata, Rachel soffre per anni delle angherie crudele riservatele dagli altri orfani.

Ma appena compiuti quindici anni, riesce a fuggire in Colorado dove ritrova il fratello che perso anni prima e scopre una famiglia che non ha mai saputo di avere.

Ma quando crede di aver ormai rimosso i ricordi della sua infanzia dolorosa, Rachel si trova a dover fare i conti il suo passato oscuro quando diventa infermiera all’ Old Hebrews Home di Manhattan. Tra i suoi pazienti infatti si trova proprio la dottoressa Solomon, ormai malata di cancro e segnata dagli anni.

Che fare? Vendicarsi per gli orrori del passato o dimostrare compassione verso un’anziana paziente senza più speranze di guarigione?

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''LA BAMBINA NUMERO OTTO'': Indice dell'Analisi del Libro ''La bambina numero otto''

- Rachel è una donna che ha sofferto per tutta la sua vita, ma che non si lascia abbattere, mai! Riesce a sopravvivere alla morte della madre e all'abbandono del padre; riesce a combattere contro ogni singola difficoltà che il destino pone lungo il suo controverso cammino.

Ci saranno momenti in cui Rachel vi apparirà come una bambina capricciosa o una ragazza troppo sciocca, ma in realtà è semplicemente un essere umano bisognoso di amore, in cerca di felicità e che per anni ha conosciuto solo il gusto amaro dell'abbandono.

È una donna forte. Indipendente. Una donna che lotta fino allo stremo delle sue forze per avere quello che la vita le ha tolto e che mai le ha pienamente restituito: una famiglia!

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

- Mildred Solomon è una dottoressa, ormai anziana, che viene ricoverata nell’ospedale in cui lavora Rachel. L’incontro con la Solomon risveglia nella protagonista ricordi sopiti e la induce a ricercare la verità sulle ‘cure’ ricevute al brefotrofio.

La dottoressa Solomon, antagonista della storia, non si pente, si giustifica. Continua a farlo dopo tutta la sua carriera. Giustifica i suoi mezzi, con la scusa di trovare cure.

Ma quando un bambino, già strappato alla famiglia e orfano, ma soprattutto ignaro, viene involontariamente preso e obbligato a sottoporsi a certi trattamenti per puro "esperimento", non è ingiusto? Un bambino che diventa cavia. E poi cresce, ignaro del corpo che col tempo si distrugge, più in fretta di altri.

- Sam, il fratello di Rachel, invece è un vero rompicapo, sembra amare la sorella, ma nello stesso tempo scappa da lei, la tiene a distanza e più di tutti è colui che la ferisce.

 

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''LA BAMBINA NUMERO OTTO'': Indice dell'Analisi del Libro ''La bambina numero otto''

”La bambina numero otto” è ambientato prevalentemente a New York, una New York dagli anni ’20 agli anni ’50.

La città fa solo da sfondo a ciò che accade a Rachel, prima nel brefotrofio poi nell’orfanotrofio ebraico e infine nella casa di riposo in cui lavora.

Le descrizioni di alcuni luoghi sono più precise di altre, in particolar modo sono dettagliate le descrizioni dell’orfanotrofio.

Tutte le altre descrizioni non sono ricche di dettagli ma più che sufficenti a farci immedesimanre al meglio.

 

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''LA BAMBINA NUMERO OTTO'': Indice dell'Analisi del Libro ''La bambina numero otto''

“La bambina numero otto” si caratterizza per la presenza alternata di due distinti piani temporali che raccontano ed analizzano rispettivamente l'infanzia e la turbolente adolescenza di Rachel Rabinowitz insieme al suo complesso presente.

La storia inizia nel 1919 quando, a seguito di una drammatica tragedia familiare, Rachel e il fratello Sam vengono affidati ai servizi sociali.

I capitoli dedicati all’infanzia si alternano con quelli dedicati alla Rachel oramai adulta e professionista affermata, più precisamente nel 1954.

I numerosi riferimenti storici permettono al lettore di avere un chiaro punto di riferimento nei continui salti temporali che lo caratterizzano.

 

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''LA BAMBINA NUMERO OTTO'': Indice dell'Analisi del Libro ''La bambina numero otto''

Questo è il libro d'esordio della van Alkemade e personalmente trovo che questa autrice abbia un grande talento, il suo stile è diretto, inclemente e non conosce mezze misure, ma aiuta il lettore a vivere ogni fatto narrato, assorbirlo e metabolizzarlo.

In alcuni punti la lettura tende ad essere un po' più lenta, questo perchè i temi trattati non sono semplici e nemmeno facili da affrontare, inoltre l'autrice ha cercato di mostrare molto del passato di Rachel, raccontando particolari che inizialmente possono apparire irrilevanti, ma che in realtà portano il lettore a comprendere meglio cosa ha vissuto la protagonista.

 

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

NARRATORE DEL LIBRO ''LA BAMBINA NUMERO OTTO'': Indice dell'Analisi del Libro ''La bambina numero otto''

Particolarità de “La bambina numero otto” è il tipo di narratore. Infatti in questo romanzo non troviamo un solo tipo di narratore ma due.

Per ogni strisce temporale abbiamo un deverso narratore: nel presente è la stessa Rachel a raccontarci ciò che le accade, le sue paure, i suoi dubbi. Quindi parliamo di narratore interno.

Nel passato invece è la voce di un narratore esterno a raccontarci cosa è successo alla nostra protagonista durante l’infanzia, tenendo sempre il suo punto di vista su di lei.

 

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''LA BAMBINA NUMERO OTTO'': Indice dell'Analisi del Libro ''La bambina numero otto''

La storia raccontata da Kim van Alkemade ha basi storiche, i fatti narrati sono liberamente ispirati a esperimenti che sono stati effettuati in America negli anni 20 sugli orfani: sapere che quello che viene raccontato ne “La bambina numero otto” è reale rende questa lettura ancora più speciale.

Kim van Alkemade senza mezze misure racconta al mondo le atrocità a cui vennero sottoposti i bambini ebrei orfani, usati come cavie di laboratorio in nome della scienza, definiti dai medici "materiale", identificati solo con un numero e condannati a soffrire per le conseguenze di quei continui esperimenti.

Più proseguivo nella lettura e più mi domandavo che differenza ci fosse tra gli esperimenti di Mengele sui prigionieri di Aushwitz e gli esperimenti del Dr Hess in America? Solo che quelli di Hess erano autorizzati, legali e anche finanziati e considerati necessari per poter aiutare il prossimo... E questa consapevolezza mi ha portato ad amare ancora di più la storia de “La bambina numero otto”.

«Ho tanta fame. Ho fatto qualcosa di brutto? Per questo non mi danno niente da mangiare?».

«Non sei stata cattiva, anzi, stai facendo una cosa molto importante per la scienza». La bambina la guardò senza capire. «Una cosa importante per me»”

Accanto al tema dell’abbandono e dei soprusi subìti dalla protagonista troviamo delle riflessioni sul vivere una sessualità diversa e non convenzionale (per lo meno nell’epoca in cui è ambientata la storia) e ricordi dell’olocausto raccontati da un ospite della casa di riposo. Quindi, la lettura è ricchissima di spunti e si presta a diverse chiavi di lettura, per cui ognuno può trovare la sua.

 

COMMENTO DEL LIBRO ''LA BAMBINA NUMERO OTTO'': Indice dell'Analisi del Libro ''La bambina numero otto''

Un esordio davvero impressionante. Ho iniziato la storia con in mente un'idea data dalla trama. Poi mi sono ritrovata immersa tra passato e presente della protagonista. Un passato davvero duro, difficile.

Quante sfortune possono capitare tutte insieme ad una povera bambina? Tante. A volte sembra che il destino ce l'abbia con noi.

Questo libro è dilaniante e straziante, ma tra le tante brutture a cui è stata sottoposta Rachel ci sono anche moltissime cose belle, tra cui la speranza che nel mondo ci siano ancora persone di buon cuore come quelle che più di una volta ha incontrato Rachel...

La lettura è andata un po' rallentando verso la metà, dovuto al fatto che viene effettivamente dato ampio, ampissimo spazio al conoscere la Rachel del prima. Il dopo è poco, come se l'importante non fosse la vendetta, ma scoprire il male di Rachel, dell'umanità.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

È difficile non compatire la protagonista, sbuffare per alcune sfortune, gioire nel vederla poi in qualche modo indipendente.

Ho apprezzato molto la lettura del romanzo, ho imparato molto. A livello umano, fa riflettere. Un romanzo che consiglio caldamente a chi nell'innocenza di un anima vede la crescita e la forza di subire ma di rialzarsi.

Ma è anche quel genere di romanzo in grado di avvicinarsi ed ammaliare ogni tipo di lettore. Se amate il genere storico o se desiderate immergervi completamente in una storia che non ha nulla di semplice o scontato; se siete alla ricerca di un libro che metta alla prova la vostra naturale curiosità o se ancora preferite scavare più nel profondo ed approfondire tematiche complesse e controverse, questo è decisamente il romanzo che fa per voi!

 

+27k Melissa Radice

COMMENTA questa Recensione del Libro ''La bambina numero otto''Indice dell'Analisi del Libro ''La bambina numero otto''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare