Recensione ''L’estate dei segreti perduti'' (Libro di Emily Lockhart) - 4.8 out of 5 based on 5 votes

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''L’estate dei segreti perduti''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “L’estate dei segreti perduti”.
  • Titolo originale: "We were liars".
  • Autore: Emily Lockhart;
  • Nazionalità Autore: Statunitense;
  • Data di Pubblicazione: 24 giugno 2014;
  • Editore: De Agostini (collana Le gemme);
  • Genere: Young adult;
  • Pagine: 315 p., rilegato;
  • Voto del Pubblico (IBS): 4 su 5

 

DOVE COMPRARLO

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''L’ESTATE DEI SEGRETI PERDUTI'': 

Emily Jenkins nata New York City 1967, che scrive anche con il nome E. Lockhart, è una scrittrice americana di libri illustrati per bambini, romanzi young adult e narrativa per adulti.

È cresciuta a Cambridge, Massachusetts, e Seattle, Washington.

Ha deciso di fare la scrittrice già a 8 anni quando ha scritto due o tre romanzi. Ma più tardi, ha sviato sul teatro e ha pensato di voler fare l'attrice e poi la professoressa di letteratura.

Ha cominciato a scrivere creativamente in modo serio, quando aveva 22 anni.

Al liceo ha frequentato scuole di recitazione estive presso Northwestern University e dei bambini Theatre Company di Minneapolis. Ha frequentato Lakeside School, una scuola privata in North Seattle. Ha frequentato il college a Vassar e la Columbia.

Ha un dottorato in letteratura inglese con un focus sul romanzo inglese del diciannovesimo secolo e la storia dell’illustrazione di libri inglese.

Vive attualmente nella zona di New York City.

È autrice di quattro libri per young adult di straordinario successo, tradotti in dieci lingue e molto amati dalla critica; inoltre è stata finalista al national Book Award, il più prestigioso premio letterario americano. Al momento insegna scrittura creativa alla Hamline University.

Il suo sito ufficiale è www.emilylockhart.com

Potete anche seguirla su twitter www.twitter.com/elockhart

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''L’ESTATE DEI SEGRETI PERDUTI'': Indice dell'Analisi del Libro ''L’estate dei segreti perduti''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

I Sinclair sono atletici, alti e belli. Siamo una facoltosa famiglia di stirpe democratica. Abbiamo sorrisi smaglianti, menti squadrati e un temibile servizio a tennis.

Non importa se i divorzi straziano i muscoli dei nostri cuori. Non importa se il fondo fiduciario si sta esaurendo e le fatture inevase si accumulano sul ripiano della cucina. Non importa se i flaconi di pillole affollano il comodino.

Non importa se uno di noi è perdutamente, disperatamente innamorato.

Un amore così

estremo da richiedere

un rimedio

altrettanto estremo.

Siamo Sinclair.

Ci troviamo nella piccola e idilliaca Beechwood Island, isola privata dove la bella e ricca famiglia Sinclair trascorre ogni estate da quando la quasi diciottenne Cadence "Cady" ne ha memoria.

A prima vista i Sinclair sono tutti perfetti, aristocratici e benestanti, la tipica famiglia Americana che si riunisce attorno al fuoco ogni sera raccontandosi aneddoti e avventure fantastiche. Ma Cadence sa che l'aura impeccabile che circonda ognuno di loro in realtà è solo una facciata.

Guardando più da vicino il bellissimo ritratto di famiglia, infatti, si intravedono le crepe che tutti vorrebbero nascondere.

Un patriarca troppo autoritario e giudicante, delle figlie che si sono affannate per l'approvazione paterna senza riuscire mai a ottenerla e che ora lottano per l'eredità, dei nipoti che vengono usati come pedine per accattivarsi i favori del perennemente scontento padre padrone e tanti, troppi segreti.

Eppure ai giovani Sinclair, ai "Bugiardi" come amano definirsi, non importa delle lotte intestine delle loro madri, né dei ricatti o delle menzogne. Per i cugini Mirren, Cadence e Johnny Sinclair e il loro amico d'infanzia Gat, conta solo il divertimento sfrenato, le corse all'aria aperta, le risate nel cuore della notte e l'amore. L'amore che toglie il respiro, il sonno, la ragione. L'amore che unisce Cadence e Gat, il suo Gat tutto ambizione e caffè forte.

È l'estate numero quindici, Gat e Cadence hanno finalmente scoperto il sentimento che lui unisce, i Bugiardi sono felici e vivono emozioni forti, tutto sembra perfetto. Ma, come ho detto, nulla che riguardi i Sinclair è perfetto.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

L'estate finisce bruscamente per Cadence e porta via con sé ogni gioia. Dopo due anni ritroviamo una Cady diversa: tormentata, spaventata e senza ricordi.

Cosa è successo la scorsa estate? Perché i Bugiardi non hanno mai risposto alle sue mail? E perché, quando fa ritorno a Beechwood Island nessuno vuole aiutarla a ricordare? Un segreto ancor più pericoloso degli altri si annida tra i Sinclair.

Un segreto che Cady è determinata a scoprire, ma che potrebbe distruggere ogni cosa.

La vita è meravigliosa quel giorno. Noi quattro Bugiardi, uniti come siamo sempre stati. Come lo saremo sempre. Non importa se andremo all’università, se diventeremo grandi, se ciascuno di noi si farà una vita per conto proprio, se io e Gat staremo insieme o no.

Ovunque andremo, ci ritroveremo per sempre sul tetto di Cuddledown House a guardare il mare.Questa è la nostra isola. In un certo senso, qui resteremo giovani per sempre.

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''L’ESTATE DEI SEGRETI PERDUTI'': Indice dell'Analisi del Libro ''L’estate dei segreti perduti''

I Sinclair sono i protagonisti de “L’estate dei segreti perduti”.

- Cady, Cadence, è la protagonista (nonchè voce narrante) sfrontata e ribelle che ci spalanca le porte di quella reggia, irraggiungibile per chi non ha il loro stesso, privilegiato sangue blu; abbassa i ponti levatoi; fa sì che la nostra barca a vela attracchi a riva con conseguenze (im)prevedibili.

Cady è una diciassettenne con i pensieri spenti per un black out improvviso.

La Candy di adesso ha tinto i capelli di nero, ma la ricrescita bionda inizia a vedersi. Si libera delle cose che ha amato e dà disegni, sciarpe a righe, collane e bracciali in beneficienza. Non vuole essere più la ragazza materiale che tutti giudicano snob, non vuole essere più una Sinclair.

Vuole vivere tutto l'anno, non solo per quei tre mesi d'estate, in cui fa bagni notturni, falò sulla spiaggia, infinite partite a Scarabeo.

Cady è una protagonista dai tratti stranissimi e dagli usi unici.

Si appunta frasi sulle mani, a destra e a sinistra; pensa al suo funerale, ma mai al suo matrimonio; fa delle persone che la circondano personaggi di fiabe nere come la mezzanotte che, con ordine certosino, appunta nei suoi taccuini nascosti.

- Jhonny è il primogenito di Carrie, più piccolo di Cady di soli tre mesi.

Jhonny è scatto, impegno e sarcasmo. All’epoca era capace di impiccare le nostre Barbie o di spararci addosso con pistole di Lego

- Mirren è la primogenita di Bess. È la più dolce e sensibile dei i tre cugini maggiori.

Mirren è zucchero, curiosità e pioggia. A quei tempi passava pomeriggi interi a mollo nell’acqua, giù alla spiaggia grande...

- Gat è l'estraneo, l'intruso, l'ospite a tempo indeterminato. Entrato a far parte della famiglia perchè nipote del nuovo compagno di Carrie.

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

Era tutto contemplazione ed entusiasmo. Ambizione e caffè forte. Avrei potuto stare a guardarlo per sempre.

Passa le estati con loro da anni, lui, ma ha la pelle da indiano, una progenie diversa, un mondo interiore che nessuno conosce. Entra in quel girotondo d'anime per caso e ci resta, indugiando sempre sull'uscio: il patriarca – anziano, rigido, un po' razzista – gli ricorda che non è uno di loro. Un perfetto Sinclair. Cady s'innamora di lui per quello.

Un giorno, guardando Gat sdraiato sull’amaca di Clairmont House con un libro in mano, ebbi la sensazione che mi appartenesse. Come se fosse una persona speciale per me.

- Harris è il nonno, un uomo entrato in possesso dell’eredità di famiglia a soli ventun’anni e che è stato in grado di farla fruttare al massimo.

È un uomo d’altri tempi, fiero e poco incline ai cambiamenti.

- Tipper, la nonna, è una donna buona e molto dolce. Profondamente innamorata dei suoi nipoti, si è sempre dedicata alla cucina e al giardinaggio, le sue due passioni.

- Carrie, Penny e Bess sono le loro figlie, alte, allegre e ricche sembrano le principesse delle favole.

 

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''L’ESTATE DEI SEGRETI PERDUTI'': Indice dell'Analisi del Libro ''L’estate dei segreti perduti''

L’estate dei segreti perduti” è ambientata a Beachwood Island, l’isola privata della famiglia Sinclair al largo delle coste del Massachussets, più precisamente dalle parti di Martha’s Vineyard.

Sull’isola sono state costruite tre case; la prima è Clairmont House, nella quale risiedono i nonni, le altre tre sono state costruite ognuna per una delle figlie,Windemere House per Penny e Cady, Redgate House per Carrie e la sua famiglia e Cuddledown House per Bess e famiglia.

Ognuna di queste abitazioni ci viene descritta in modo accattivante dall’autrice ma sono soprattutto i vari “scorci” dell’isola a far innamorare.

 

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''L’ESTATE DEI SEGRETI PERDUTI'': Indice dell'Analisi del Libro ''L’estate dei segreti perduti''

“L’estate dei segreti perduti” è una di quelle storie senza tempo, che parla di tutto ciò che il lettore riesce a vederci dentro. Un po' antica, un po' moderna, con quel fascino tipico della favola.

Dopo che una Cady quasi diciottenne si presenta, si riparte da quando Gat fa la prima comparsa sull’isola, cioè l’estate numero otto, perché la scrittrice utilizza questo termine in base agli anni che compie Cady, per aiutarci a orientarci nel tempo.

Le estati trascorrono fino alla numero quindici quando accade qualcosa di terribile.

Dopo due anni ritroviamo una Cady diversa: tormentata, spaventata e senza ricordi. Cosa è successo la scorsa estate?

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

E poi finalmente l’estate numero diciotto, in cui le permettono di tornare sull’isola e in cui Cady, piano piano, comincia a ricordare.

 

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''L’ESTATE DEI SEGRETI PERDUTI'': Indice dell'Analisi del Libro ''L’estate dei segreti perduti''

La cosa più affascinante in “L’estate dei ricordi perduti” è lo stile così ambiguo, asciutto, frammentato, irricostruibile senza tutti i pezzi giusti al loro posto, cosa che avverrà veramente solo alla fine e che, nel continuo sollecitare la tensione, trattiene l'attenzione del lettore come un magnete.

La Lockhart ha questo modo di sottolineare ogni particolare senza soffermarsi su di esso, lasciandolo maturare nella mente di chi legge, crescere finché i fatti non diventano finalmente chiari e intuibili, finché tutto non quadra in maniera logica.

 

NARRATORE DEL LIBRO ''L’ESTATE DEI SEGRETI PERDUTI'': Indice dell'Analisi del Libro ''L’estate dei segreti perduti''

La narrazione viene fatta da Cady in prima persona. Cady come narratrice mi irretiva in periodi lapidari, in isole private e demoni immaginari.

Con la narrazione in prima persona l’autrice riesce a coinvolgere il lettore fin nel profondo.

Questo tipo di narrazione mi ha vagamente ricordato “Storia catastrofica di te e di me ”.

 

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''L’ESTATE DEI SEGRETI PERDUTI'': Indice dell'Analisi del Libro ''L’estate dei segreti perduti''

I primi capitoli sembrano tutti una lunga introduzione. Mi ha dato l'impressione di star ascoltando l'introduzione di quei film horroh in cui la visuale spazia in giro per lo scenario e una voce di sottofondo -quella di Cadence- introduce la storia.

Non c'è un esatto momento in cui le cose iniziano a degenerare. Il romanzo è breve, scattante, tagliente, e fin dall'inizio non c'è alcun bivio -solo la soglia di una lunga discesa. Si colora di bugie, omissioni, discriminazione, pregiudizi, razzismo appena accennato, forse inconsapevole -forse no.

Ma è tutto così rapido ed intenso che il lettore ha a stento il tempo di rendersene conto, di analizzare ciascun aspetto, di assaporare una scena completa di emozioni e azione anche se quella comprende solo una sequenza di dialoghi incatenati.

 

COMMENTO DEL LIBRO ''L’ESTATE DEI SEGRETI PERDUTI'': Indice dell'Analisi del Libro ''L’estate dei segreti perduti''

“L'estate dei segreti perduti”, già dalle primissime pagine si intuisce che ci si trova al cospetto di una storia narrata divinamente, ricca di segreti e meraviglia.

Mistero, poesia, amore e dramma si mescolano in quest'opera adatta ai più giovani e ai meno giovani. Nessuno può infatti sottrarsi alla potenza della prosa di Emily Lockhart, né alla bellezza sbalorditiva della trama in sé. Intrigante, avvolgente e fascinoso, questo è stato senza dubbio il libro rivelazione dell'anno per me.

Il finale mozzafiato è stato come un pugno nello stomaco, gli intermezzi romantici mi hanno incantata, i segreti di famiglia e le lotte intestine non hanno fatto altro che tenere sempre alta l'adrenalina e la curiosità.

Breve ma seducente, intenso e indimenticabile "L'estate dei segreti perduti" è un must read obbligatorio per chiunque ami le belle storie misteriose e originale con protagonisti young adult. Raramente ci si trova a leggere una prosa così carica e particolare come quella della Lockhart e quando accade non si può che amare fino alla fine.

Alternavo stati in cui provavo tenerezza, gioia, amarezza, confusione -tanta confusione, ma NON quel tipo talmente frustrante da farti abbandonare la lettura- con incredibile rapidità, stati annebbiati in cui saltavo come una trottola da un breve capitolo ad un altro, cercando indizi, catalogandoli, ma godendomi ogni bella frase, ogni bella emozione. Un sensazione nuova, fresca, ma difficile da inquadrare. Vero è che dopo i tanti, simili romanzi che si trovano in giro, fa venire semplicemente voglia di apprezzarla.

C’erano moltissimi elementi interessanti, che davano una pausa alla narrazione permettendole di variare in qualcosa di diverso; ad esempio, Cady e i suoi c'era una volta tutti in corsivo, dolcemente inquietanti, da far venire i brividi. A volte i suoi pensieri si protraevano in osservazioni e descrizioni apparentemente improbabili, per cui ci si chiede se, in effetti, si tratti di fatti che avvengono realmente, o se sono solo allucinazioni.

Il suo continuo altalenare fra presente e passato, fra l'estate numero quindici e l'estate numero diciassette, sembrava quasi la litania di una storia che mette ansia e che conquista, che ti porta ad un ritmo silenziosamente vertiginoso, del tipo che ci si accorge del danno quando ormai è troppo tardi.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

Pause ottimali, che tengono viva l'attenzione del lettore strappandolo dallo scorrere naturale della storia. Tra queste, anche le occasionali ripetizioni si collocano nelle stranezze/punti di forza di questo romanzo, dando l'idea di un pensiero fisso, ricorrente, che diventa indispensabile per la ricerca della soluzione finale.

Tutti questi elementi danno vita ad un romanzo che, pur nella sua originalità, ha una sfumatura poetica e decadente, e che con il suo finale spiazzante mi ha letteralmente lasciata senza fiato.

Dopo pagine e pagine di indizi che andavano a legarsi tra di loro senza comporre un quadro chiaro e comprensibile, scoprire cosa realmente si cela dietro le ultime estati di Cady e i suoi amici mi ha sconvolta, e fatta piangere col cuore stretto in una morsa che per quanto dolce, è stata anche un po' amara.

Lasciarsi cullare dalle incredibili atmosfere create da quest'autrice è una meravigliosa avventura, così come addentrarsi nelle oscure verità che la famiglia protagonista vorrebbe tenere nascoste.

La vena sovrannaturale, appena accennata eppure incredibilmente d'impatto lascia senza parole conquistando il lettore in fino al midollo.

 

+27k Melissa Radice

COMMENTA questa Recensione del Libro ''L’estate dei segreti perduti''Indice dell'Analisi del Libro ''L’estate dei segreti perduti''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare