Recensione ''Lo strano caso dell'apprendista libraria'' (Libro di Deborah Meyler) - 4.0 out of 5 based on 3 votes

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Lo strano caso dell'apprendista libraia''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Lo strano caso dell'apprendista libraia”.
  • Titolo originale: "The Bookstore".
  • Autore: Deborah Meyler;
  • Nazionalità Autore: Inglese; 
  • Data di Pubblicazione: Agosto 2014;
  • Editore: Garzanti Libri (collana Narratori moderni);
  • Genere: Chick Lit;
  • Pagine: 348 p., rilegato;
  • Voto del Pubblico (IBS): 3,33 su 5

 

DOVE COMPRARLO

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''LO STRANO CASO DELL'APPRENDISTA LIBRAIA'': 

Deborah Meyler è nata a Manchester, ha frequentato il Trinity College a Oxford e la St Andrews University. Poi ha vinto una borsa di studio dal The Guardian per andare a City University e ha preso un diploma post -laurea in giornalismo.

Ha poi vissuto a New York per diversi anni (città che le ha ispirato "Lo strano caso di dell'apprendista libraia"), dove a suo marito era stato offerto un posto di lavoro al Cambridge University Press.

In un primo momento non poteva lavorare e questo le ha causato un po 'di solitudine, ma poi ho trovato un lavoro in una libreria e tutto è andato per il meglio.

Come giovane libraia Deborah Meyler ha fatto grandi sacrifici per salvare due librerie indipendenti nonostante la crisi e la concorrenza delle grandi catene.

Nel suo primo romanzo racconta di questa sua magnifica esperienza tra libri e scaffali. "Lo strano caso dell'apprendista libraia" ha un successo inaspettato. I librai lo adorano e fanno partire un immenso passaparola. In breve è in vetta a tutte le classifiche delle librerie indipendenti americane.

Deborah ha poi avuto tre bambini, e ha deciso di smettere di lavorare finchè i bambini fossero stati piccoli. I suoi due figli più grandi ora vanno a scuola e la più piccola va all'asilo per qualche ora al giorno e lei ha deciso così di mettersi a scrivere seriamente.

Ha scritto un libro che è ancora sotto il suo letto, perché non era abbastanza buono, e poi ha scritto "Lo strano caso dell'apprendista libraia". In un'intervista ha detto di essersi molto divertita a scriverlo, nonostante la difficoltà di superare l'ozio ogni giorno. Ora sto organizzando i pensieri e le idee per un nuovo libro.

Nel frattempo lavora part time in una parrocchia nel centro di Cambridge.

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''LO STRANO CASO DELL'APPRENDISTA LIBRAIA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Lo strano caso dell'apprendista libraia''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Esme ama ogni angolo di New York, e soprattutto quello che considera il suo posto speciale: La Civetta, una piccola libreria nell'Upper West Side. Un luogo magico in cui si narra che Pynchon ami passare i pomeriggi d'inverno e che nasconde insoliti tesori, come una prima edizione del Vecchio e il mare di Hemingway.

Ed è lì che il destino decide di sorriderle quando sulla vetrina della libreria vede appeso un cartello: cercasi libraia. È l'occasione che aspettava, il lavoro di cui ha tanto bisogno. Perché a soli ventitré anni è incinta e non sa cosa fare: il fidanzato Mitchell l'ha lasciata prima che potesse parlargli del bambino.

Ma Esme non ha nessuna idea di come funzioni una libreria. Per fortuna ad aiutarla ci sono i suoi curiosi colleghi: George, che crede ancora che le parole possano cambiare il mondo; Mary, che ha un consiglio per tutti; David e il suo sogno di fare l'attore. Poi c'è Luke, timido e taciturno, che comunica con lei con le note della sua chitarra.

Sono loro a insegnarle la difficile arte di indovinare i desideri dei lettori: Il Mago di Oz può salvare una giornata storta, Il giovane Holden fa vedere le cose da una nuova prospettiva e tra le opere di Shakespeare si trova sempre una risposta per ogni domanda.

E proprio quando Esme riesce di nuovo a guardare al futuro con fiducia, la vita la sorprende ancora: Mitchell viene a sapere del bambino e vuole tornare con lei. Esme si trova davanti a un bivio. Il suo più grande desiderio sta per realizzarsi, ma non è più la ragazza spaventata di un tempo e non sa più se è quello che vuole davvero.

Perché a volte basta la pagina di un libro, una melodia sussurrata, una chiacchierata a cuore aperto con un nuovo amico per capire chi si è veramente.

Perché Esme non è più un'apprendista libraia, ora è una libraia per scelta.

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''LO STRANO CASO DELL'APPRENDISTA LIBRAIA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Lo strano caso dell'apprendista libraia''

- Esme Garland è una giovane studentessa di Storia dell’arte, trasferitasi dall’Inghilterra a New York per frequentare la prestigiosa università della Columbia. Quanti di voi stanno provando un forte senso di invidia in questo momento? Studiare in America, un sogno!

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

Quando Esme scopre di essere incinta vede tutto il mondo crollarle addosso e sente il terreno sgretolarsi lentamente sotto i piedi, lasciandola priva di ogni tipo di sostegno. Cosa le rimane adesso?

La famiglia abita dall’altra parte del mondo e lei ha troppa paura di raccontare ai suoi genitori la verità; la sua migliore amica sta finalmente avendo dei successi lavorativi e di certo non vorrà sobbarcarsi un problema come questo; non ha lavoro e per legge non puo trovarne uno, vivendo negli Stati Uniti grazie ad un visto per studenti… l’unica soluzione è liberarsi per sempre di questo bambino!

Ma l’amore di una madre per il proprio figlio, anche se all’inizio è solo “un grappolo di cellule”, è un legame troppo forte da poter spezzare!

Una nuova speranza: un cartello CERCASI AIUTO davanti alla libreria La Civetta, una piccola libreria dell'usato piena di tesori nascosti dove ad Esme piace spesso passare per dare un occhiata!

- Mitchell van Leuven è un uomo meraviglioso, affascinante, di successo, ricco sfondato e grandissimo str…! (scusate ma proprio non l'ho sopportato!!)

Mitchell è davvero cattivo, snob, il più insopportabile tra gli uomini, diciamo quindi che non è esattamente il fidanzato fedele e amorevole che tutte noi donne sognamo di trovare.

Ma la cosa che mi ha dato ai nervi è che nonostante Mitchell sia il più insopportabile tra gli esseri umani, Esme continui a pendere dalle sue labbra!

Per tutta la durata del romanzo Esme è succube delle decisioni di Mitchell. È lui a dettare i ritmi della vita di lei, prendendone praticamente il controllo.

- George, il proprietario della Civetta, è un uomo molto colto che tratta in modo reverenziale tutti i libri presenti nel suo negozio. È un po' "fissato" con il cibo naturale, i prodotti naturali sia per il corpo che per la pulizia del negozio come di casa sua... acquisisce inoltre la parte del padre buono e che si preoccupa per Esme.

- Luke, è il ragazzo perbene e dolce, opposto di Mitchell che da l'impressione di essere innamorato di Esme. Ama moltissimo la musica e insegenrà anche alla ragazza ad apprezzarla e conoscerla.

 

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''LO STRANO CASO DELL'APPRENDISTA LIBRAIA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Lo strano caso dell'apprendista libraia''

"Lo strano caso dell'apprendista libraia" ha un'ambientazione davvero meravigliosa, la città di New York"

Leggendo questo romanzo non può non venir voglia di saltare subito cu un aereo!

I grattacieli di New York spiccano così netti contro la luce del sole che sembrano ritagliati da un bambino sul cartoncino nero. Il sole del mattino invade le vie trasversali e lascia in ombra il latoest delle avenue. Questa luce così limpida è una delle cose che mi piacciono di più. La luce limpida, la gente limpida.

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

C'è poi la Civetta, la piccola libreria dove Esme andrà a lavorare, che ha un ruolo importante.

Sull’altro lato della strada, schiacciata fra un negozio di Staples e uno di Gap, c’è la Civetta, la libreria dove vado sempre a farmi un giretto. Alcune copie del "National Geographic" traboccano sul marciapiede di fronte alla vetrina, come piccoli tesori gialli che promettono altre ricchezze all’interno.

Forse perché sembra così insignificante, la Civetta riesce a rimanere una vecchia libreria sgangherata. Staples e Gap, accecati dal loro stesso splendore, non si accorgono quasi della sua esistenza, esattamente come gli altri giganti a caccia di una sede adatta. Ma in realtà brilla come un gioiello scuro in una strada luccicante.

 

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''LO STRANO CASO DELL'APPRENDISTA LIBRAIA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Lo strano caso dell'apprendista libraia''

La storia che ci viene raccontata ne "Lo strano caso dell'apprendista libraia" scorre in modo lineare ed è chiaramente contemporanea, anche se non ci viene mai specificato l'anno in cui si svolge.

Sappiamo che Esme arriva a New York in Agosto e, con l'aiuto di qualche indizio temporale come le festività o il chiarimento del mese da parte della protagonista, sappiamo che la storia si sviluppa all'incirca in un anno.

 

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''LO STRANO CASO DELL'APPRENDISTA LIBRAIA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Lo strano caso dell'apprendista libraia''

Lo stile dell'autrice mi è piaciuto davvero.

L'approccio di Esme resta più epidermico che analitico e le ispira uno stile di scrittura piacevole, pronto a cogliere con discreta acutezza gli stati d’animo individuali via via che si presentano, ma restio a trasformarsi in sonda introspettiva (motivo, a mio avviso, per cui si possono trovare tante recensioni negative sul web).

È un racconto comunque molto descrittivo e scorrevole, con un occhio di riguardo ai paragoni tra gli americani e gli inglesi.

Troviamo inoltre molti riferimenti ad artisti e scrittori (particolare che personalmente ho molto apprezzato poichè appassionata sia di arte che di lettura) ma che a qualcuno più estraneo a questi temi potrebbero risultare un pochino ostici.

 

NARRATORE DEL LIBRO ''LO STRANO CASO DELL'APPRENDISTA LIBRAIA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Lo strano caso dell'apprendista libraia''

Esme è la voce narrante ne "Lo strano caso dell'apprendista libraia". Spesso sembra di essere all'interno della mente della protagonista tanto che a volte si ha l'impressione di saltare da un argomento all'altro senza un vero collegamento, proprio come succede a chiunque quando ci si perde nei propri pensieri.

 

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''LO STRANO CASO DELL'APPRENDISTA LIBRAIA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Lo strano caso dell'apprendista libraia''

"Lo strano caso dell'apprendista libraia" è articolato su vari elementi: la relazione tra Esme e Mitchell con vari addii e ritorni, la vita di Esme, New York, il micromondo della libreria con tutti i suoi frequentatori dalle connotazioni uniche...

Prova a pensare: gli innamorati, quelli che passeggiano nel bosco, quelli che giocano a baseball, i venditori di birra, i bambini, i turisti, quelli che corrono…sono tutti sparsi in giro per il parco, come tante note in uno spartito. Suonano tutti note diverse, sembra tutto discordante, ma non è così. È un’armonia.

Tutti questi elementi si aromizzano (per citare Esme) piuttosto bene all'interno del romanzo.

LA storia d'amore tra Esme e Mitchell è un po' troppo travagliata per i miei gusti.

Ho apprezzato moltissimo invece i rapporti di amicizia che la protagonista stringe con i personaggi che frequentano la libreria, questa infatti fa più da sfondo passivo, perchè tutte le sue apparizioni sono smussate dalla caratterizzazione dei personaggi.

 

COMMENTO DEL LIBRO ''LO STRANO CASO DELL'APPRENDISTA LIBRAIA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Lo strano caso dell'apprendista libraia''

"Lo strano caso dell'apprendista libraia" è una vera dichiarazione d'amore verso le librerie, luoghi speciali e incantati.

Devo dire con sincerità che questo romanzo è stato una vera lotta! Il mio amore incondizionato per La Civetta e la mia curiosità (per fortuna) hanno vinto sulla voglia di buttare conto il muro il libro ogni qual volta la faccia di Mitchell usciva fuori.

L’ho odiato dal primo istante fino all’ultima parola da lui pronunciata, e ancora di più il mio istinto di "Lettrice Omicida" si scagliava pesantemente contro Esme che, nonostante tutto ciò che aveva subito, continuava ad essere innamorata di lui, a sentirne la mancanza.

Solo dopo aver letto il libro, curiosa di sapere se esistesse davvero la libreria raccontata, ho scoperto che la Civetta esiste davvero, l'ha dichiarato Deborah Meyler in un intervista.

Tuttavia la mancanza della “nuova storia d’amore”, clichè tipico di questo genere di romanzi, mi ha fatto davvero innamorare di questo libro. È un romanzo molto più sofferto di quanto la dolce e sfiziosa copertina faccia intendere: la deliziosa libreria in cui Esme iniza a lavorare diventa il cuore della sua rinascita, dove trova affetto sincero, amicizia e lealtà, il luogo dove forse riuscirà ad aprire gli occhi, un nuovo inizio di un qualcosa che non ci è davvero dato di sapere.

Lasciatevi dire che ho riscoperto con questo romanzo la bellezza del poter immaginare come continua una storia.

Sinceramente l'unica cosa che non capisco è il titolo italiano, sarebbe stato molto più interessante tradurre il titolo originale "The Bookstore", ma forse definirlo "strano caso" suscita molto più interesse....?

Nel complesso lo consiglio a tutti gli amanti di New York e dei libri: il fascino delle librerie è irresistibile, e quello di una piccola libreria indipendente a New York davvero ineguagliabile.

 

+27k Melissa Radice

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Lo strano caso dell'apprendista libraia''Indice dell'Analisi del Libro ''Lo strano caso dell'apprendista libraia''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare