×

Messaggio

Failed loading XML...

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Il rito''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Il rito”.
  • Titolo originale: "The festival".
  • Autore: Howard P. Lovecraft
  • Nazionalità Autore: Statunitense;
  • Data di Pubblicazione: 1925;
  • Editore: Lovecraft Zero
  • Genere: Racconto horror
  • Pagine: 13 p., ebook
  • Voto del Pubblico (IBS): 3,4 su 5.

DOVE COMPRARLO:

Recensione del Libro “Il rito” di Howard P- Lovecraft del 1925, genere Biografie e autobiografie. Evidenzieremo il riassunto del libro “Il rito”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Il rito” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''IL RITO'':

Howard Philips Lovecraft nasce nel 1890 a Providence, figlio di un rappresentate di un ditta d’argenteria e di un’ereditiera in declino.

Il padre, sin da quando Lovecraft è bambino, comincia a manifestare una psicosi che si trasformerà in paralisi e che lo porterà alla morte.

Viene quindi affidato alla madre, alle due zie e al nonno che gli trasmette la passione per la letteratura gotica; viene quindi indirizzato alla lettura de “Le mille e una notte” (fonte di ispirazione per il Necronomicon), Edgar Allan Poe, Verne e Wells, per poi appassionarsi anche alla chimica e all’astronomia.

Dal 1900 iniziano i problemi di salute: esaurimenti nervosi dovuti all’iperprotettività della madre, continui mal di testa, mentre la sua famiglia vive momenti di crisi economica. Tenta di arruolarsi nel 1917, ma la madre lo ostacola, quindi, abbandonati gli studi, si dedica alle prime pubblicazioni, come i racconti “La tomba” e “Dragon”.

Alla morte della madre finalmente può sposarsi a New York, ma a causa di difficoltà economiche, la moglie si trasferisce a Cleveland per motivi di lavoro e Lovecraft continua a scrivere: nel 1927 pubblica i romanzi “La ricerca onirica dello sconosciuto Kadath” e “Il caso di Charles Dexter Ward”.

A seguito del divorzio dalla moglie (in realtà da lui mai firmato ufficialmente), torna a Providence dove scrive in maniera prolifica capolavori come “Alle montagne della follia”, “La maschera di Innsmouth”. Versa ancora in condizioni economiche disastrose, tanto che viene ospitato da un suo amico in Florida; scrive intanto “L’ombra calata dal tempo”.

Nel 1937 viene ricoverato per un cancro in fase avanzata all’intestino e muore poco dopo per serie complicanze.

RIASSUNTO DEL LIBRO ''IL RITO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il rito''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Un uomo decide di trascorrere le festività di Yule - ovvero la festa che coincideva con il 21 dicembre secondo la cultura pagana germanica e celtica precristiana – assieme ai suoi parenti nel villaggio dei suoi avi, a Kingsport.

La sua, infatti, è una stirpe molto antica (radicata in quel territorio da 300 anni), oltre che dalla discreta fama.

Kingsport è adagiata sulla collina e appare imponente assieme al cimitero adiacente totalmente imbiancato; tutto attorno regna il silenzio. Servendosi di una mappa, l’uomo cerca di raggiungere la dimora della sua famiglia, costruita prima del 1650.

Una volta giunto, accortosi delle luci accese, bussa e viene accolto da un vecchio in vestaglia, muto, che per comunicare si serve di una tavola. Egli comprende che l’uomo è giunto nel villaggio per assistere al rito, quindi lo fa accomodare, dandogli alcuni libri, tra cui il terribile Necronomicon dell’arabo Abdul Alhazred.

In quella casa vive anche una donna anziana che per tutto il tempo fila e non degna di uno sguardo l’ospite, ormai inquieto e a disagio. Alle undici i due anziani indossano due mantelli col cappuccio con delle maschere, mente il vecchio prende tra le mani il Necronomicon.

L’uomo si accorge che tutti gli abitanti del villaggio sono vestiti in quel modo e si recano tutti nello stesso luogo: la chiesa attigua al cimitero, per poi proseguire all’interno della cripta. Ha inizio un terribile e inquietante rito in cui vengono coinvolti anche esseri deplorevoli, dotati di piedi palmati e ali, su cui montano i partecipanti.

Il vecchio, invece, cerca di comunicare con l’ospite e gli rivela di essere l’erede del rito di Yule, mentre tutto attorno si scatena un’atmosfera infernale. L’uomo scappa e viene ritrovato il mattino dopo in ipotermia al porto ancorato ad un pilastro.

In ospedale gli spiegano che è caduto dalla scogliera e gli viene diagnosticata una psicosi. Durante la permanenza in ospedale, allora, si procura una copia del Necronomicon, tanto che il racconto si conclude con un passo tratto dal libro.

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''IL RITO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il rito''

Il protagonista è senza dubbio l’ospite, nonché la voce narrante. Personaggi altrettanto rilevanti sono i suoi parenti, gli eredi del rito di Yule. Altri personaggi menzionati sono più che altro i partecipanti al rito (dunque gli abitanti del villaggio) e terribili bestie al limite della fantasia e dell'allucinazione.

- Il protagonista: è un personaggio coraggioso, determinato. Perfettamente cosciente del fatto che Kingsport sia un villaggio sperduto e che la sua famiglia abbia legami con culti esoterici, decide di affrontare un viaggio alla scoperta delle proprie origini. Si mostra ostinato fino alla fine, anche quando si rende conto della portata del rito e delle sua implicazioni. Non mancano però momenti di puro terrore ed esitazione, soprattutto quando ha tra le mani il terribile libro del Necronomicon e quando assiste al rito.

- L’anziano: muto, riesce ad esprimere comunque la sua autorevolezza in quanto erede del culto di Yule. Apparentemente ospitale e affabile, viene descritto come un uomo dai tratti molto marcati, i cui sorrisi nascondono doppi fini e un passato piuttosto inquietante.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

-La moglie: la donna non sembra rivestire un ruolo così determinante, ma affianca suo marito nei riti. Donna di casa, lavora al suo telaio, trascurando completamente il suo ospite.

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''IL RITO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il rito''

Kingsport viene descritto come un villaggio adagiato su una collina molto ripida, tanto che il protagonista fatica nell’ascesa, circondato da un cimitero e immerso in un’atmosfera molto cupa. La descrizione rientra nei canoni del romanzo gotico.

La dimora dei due anziani viene descritta come accogliente, ma molto antica, infatti il protagonista riesce a riconoscere gli antichi mobili impolverati. Altri luoghi descritti sono la chiesa, così antica e soprattutto la caverna, che si raggiunge percorrendo la cripta e un lungo e impervio corridoio. La caverna è descritta come un luogo infernale, in cui sembra che bruci lava, popolato da misteriose creature.

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''IL RITO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il rito''

Non ci sono riferimenti precisi. Probabilmente l’opera è ambientata nei primi anni del ‘900, dunque in un'età contemporanea a quella dell'autore precisamente durante la notte di Yule, ovvero il 21 dicembre, quindi a ridosso del Natale.

Yule è infatti una fase pregna di elementi simbolici e magici provenienti da miti antichissimi. Inoltre, coincide con il Solstizio e presenta persino alcuni elementi in comune con il Natale.

Altri rimandi sono al ‘600, in riferimento agli avi del protagonista, ma anche al Necronomicon, il libro frutto della fantasia dell'autore al quale dedicò una raccolta di racconti, la cui idea fu concepita appunto nei primissimi anni del '900.

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''IL RITO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il rito''

Lovecraft è un maestro nelle descrizioni di tipo gotico con venature horror: sbalorditiva è la descrizione così particolareggiata e conturbante del rito, totalmente coinvolgente.

Il linguaggio è semplice, la lettura scorrevole, ma non manca l'uso di termini specifici relativi a simboli e formule magiche.

Si rilevano suspense, climax e un finale del tutto inaspettato, al confine tra dimensione onirica e realtà. Dunque, il suo stile si inserisce in quella tradizione che era stata inaugurata anni prima e che ha visto tra i suoi esponenti Ann Radcliffe, Mary Shelley sino a Edgar A. Poe, grande maestro di Lovecraft a cui si ispira in particolar modo.

NARRATORE DEL LIBRO ''IL RITO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il rito''

Il narratore coincide con la figura del protagonista, nonché ospite dei due anziani. Quest’opera altro non è che il racconto da parte della voce narrante dell’esperienza che ha vissuto in prima persona. Lovecraft assume le vesti del protagonista e descrive le emozioni che ha provato in prima persona nel villaggio di Kingsport.

Un piccolo elemento che permette di riallacciare la figura del protagonista a quella di Lovecraft è il già citato Necronomicon che incute timore tanto al protagonista della storia quanto all'autore.)

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''IL RITO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il rito''

La tematica preponderante è senza dubbio l’esoterismo: il rito rappresenta il fulcro della narrazione, non a caso coincide con il titolo, e ha venature esoteriche totalmente lontane dal cristianesimo.

Anzi, il rito di Yule è antichissimo e affonda le sue radici nel paganesimo e la sua influenza ha avuto ripercussioni nelle festività cristiane e in quelle più recenti.

L’attenzione dell’autore è quasi ossessiva rispetto alle tematiche esoteriche e ne è la dimostrazione la citazione e la proposizione nel finale di un passo tratto dal Necronomicon, libro a cui è legatissimo sin da bambino.

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

Altre tematiche sono più marginali, come il legame così forte con i propri avi e le proprie radici da spingere il protagonista ad affrontare tale viaggio e rischiare la vita partecipando al rito; l’oscillazione tra realtà e finzione (non comprendiamo se il narratore abbia sognato o meno) e dunque la possibilità di perdere credibilità al cospetto di occhi esterni; altra tematica è l’ospitalità nei confronti dello straniero: in effetti il protagonista viene ospitato senza esitazione, come se i due anziani lo stessero attendendo, in quanto membro della famiglia e dunque degno di accoglienza, come se si trattasse di una sorta di principio morale.

COMMENTO DEL LIBRO ''IL RITO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il rito''

Il ritmo della narrazione è molto rapido, tanto che il racconto si legge tutto d’un fiato, oltre al fatto che sia molto breve.

Detto ciò, trovo che Lovecraft sia geniale: nelle sue opere risiede tutta la tradizione gotica e horror della letteratura mondiale, ma sussiste sempre quel tocco originale improntato sull’esoterismo che rende le sue storie uniche.

Da una parte si rifà a miti esistenti, come il caso della notte di Yule, dall'altra addirittura ne inventa altri, ispirandosi a culture orientali, ben lontane da quella americana.

“Il rito” non è mai banale, ha un finale inaspettato che conduce il lettore verso una zona d’ombra, un limbo e lo induce a chiedersi se si sia trattato di un sogno o della trattazione della realtà. Non solo. Le domande sono molteplici, ma in fondo l'intento di Lovecraft era proprio quello di non fornire delle risposte, come se volesse comunicarci qualcosa: probabilmente il confine tra i due mondi è più labile di ciò che immaginiamo e spesso non è possibile distinguerlo o individuarlo.

Sicuramente questo racconto è stato una bella rivelazione e questa versione ebook è anche molto valida. Lo consiglio vivamente per una lettura rapida, ma molto intensa.

Marigiusy Digregorio

+20k M.R.

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Il rito''Indice dell'Analisi del Libro ''Il rito''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare