Recensione ''Il Maestro e Margherita'' (Libro di Michail Bulgakov) - 5.0 out of 5 based on 5 votes

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Il Maestro e Margherita''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Il Maestro e Margherita”.
  • Titolo originale: "Master i Margarita".
  • Autore: Michail Bulgakov;
  • Nazionalità Autore: Ucraina;
  • Data di Pubblicazione: 1966;
  • Editore: Mondadori;
  • Genere: Romanzo;
  • Pagine: 477;
  • Voto del Pubblico (IBS): 4,8 su 5

 

DOVE COMPRARLO

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''IL MAESTRO E MARGHERITA'': 

Michail Bulgakov nasce a Kiev nel maggio del 1891. Studia medicina e dopo essersi laureato comincia a lavorare come medico nel villaggio di Nikol’skoe; le “Memorie di un giovane medico”, composte nel 1925, testimoniano questo periodo.

L’autore si trova a dover vivere il periodo della rivoluzione bolscevica e ad oscillare tra varie ideologie politiche durante la guerra civile.

Negli anni tra il 1919 e il 1920 abbandona medicina per dedicarsi alla scrittura. Nel 1921 si trasferisce a Mosca, alloggiando in via Sadovaja, che poi rientrerà nel libro “Il Maestro e Margherita”, come quartiere generale di Woland.

Molte delle sue opere non vengono pubblicate per via della censura che grava su di esse; è solo grazie all’intervento di Stalin che Bulgakov riesce a farsi assumere come sceneggiatore e aiutoregista al MChAT.

Dal 1936 comincia a collaborare con il teatro del Bol’šoj e continua il lavoro già iniziato sul romanzo “Il Maestro e Margherita”.

Nel corso della sua vita, l’autore si sposa tre volte: la prima volta con Tat’jana Nikolaevna Lappa, la seconda con Ljubov’Evgen’evna Belozerskaja, e la terza con Elena Sergeevna Silovskaja, alla quale si ispira per creare il personaggio di Margherita.

Nel 1939 Bulgakov si ammala gravemente e morirà un anno dopo, a soli quarantotto anni.

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''IL MAESTRO E MARGHERITA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il Maestro e Margherita''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Il libro racconta dell’arrivo del diavolo a Mosca, sotto le vesti di uno stregone esperto di magia nera insieme al suo seguito.

Fin dal loro arrivo, la città non è più la stessa: morti improvvise e perdite di ragione diventano l’ordine del giorno, insieme ad avvenimenti strani come soldi che piovono dal cielo per poi sparire e persone vestite elegantemente che si ritrovano all’improvviso in biancheria intima.

Mentre la città vive un momento di dispersione, una coppia di amanti, il Maestro un colto scrittore e Margherita, una donna insoddisfatta del matrimonio e alla ricerca di una nuova fonte di gioia nella propria vita, vive dei giorni di felicità destinati a svanire presto.

Margherita viene infatti scelta per essere la regina al gran ballo di Satana, per la purezza del suo amore; in cambio riceverà il ricongungimento con l’amato Maestro, da cui ormai è lontana da tempo.

Nella clinica psichiatrica in cui si trova ricoverato Ivan Nikolaevic infatti, si trova anche il Maestro, unica persona consapevole della presenza di Satana; i due hanno modo di parlare e il Maestro può raccontare la sua storia e parlare del suo romanzo.

Lo scritto, mai pubblicato, racconta del dramma di Pilato al momento della condanna e della crocifissione di Gesù.

Questa è infatti, l’altra linea portante del romanzo, che utilizza la tecnica del romanzo nel romanzo: l’uccisione di Jeshua Ha Nozri, il senso di colpa di Ponzio Pilato e l’uccisione di Giuda il traditore.

Dopo essersi ritrovati, Il Maestro e Margherita ottengono una concessione: dopo tante sofferenze patite in vita, viene loro concesso uno stato di pace eterna, la stessa pace che trova anche Ponzio Pilato, nella grazia del perdono.

La città ritorna alla normalità, ma qualcuno non dimentica ciò che è stato, come il poeta Ivan, che ad ogni plenilunio si trova a sognare il dramma di Pilato.

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''IL MAESTRO E MARGHERITA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il Maestro e Margherita''

Tra i personaggi principali meritano prima di tutto di essere citati il Maestro e Margherita.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

- Il Maestro è uno scrittore che progetta di scrivere un romanzo su Ponzio Pilato, al tempo di Gesù.

Tiene molto al suo libro che però non viene pubblicato, causandogli così uno stato di depressione.

Si innamora di Margherita dal primo momento che la vede, e nonostante il passare del tempo si ricorda ancora dei fiori gialli che portava con sé, il giorno del loro primo incontro e lo racconta a Ivan Nikolaevic quando si trovano entrambi rinchiusi nella clinica psichiatrica.

- Margherita è una donna senza amore, è sposata ma prova per il Maestro un sentimento che non ricordava da molto tempo.

Il diavolo la sceglie per presenziare come regina al gran ballo infernale e in compenso Margherita ottiene di rivedere il Maestro, dal quale è stata separata.

- Fra gli altri personaggi un ruolo importante hanno Woland e i suoi seguaci: Behemoth, Korov’ev o Fagotto e Azazello.

Woland è Satana, ma si presenta a tutti come un artista esperto di magia nera. Behemoth è un gatto nero che ha tutte le caratteristiche di una persona umana compreso il dono della parola, Korov’ev ex maestro di cappella, maggiordomo di Woland ma anche fedele servitore, e Azazello sicario del gruppo, caratterizzato da una zanna e da capelli rossi.

 

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''IL MAESTRO E MARGHERITA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il Maestro e Margherita''

I luoghi del romanzo sono per la maggior parte concreti, effettivamente localizzabili: sia la vicenda che si svolge in Russia, che quella di Gerusalemme presentano luoghi riscontrabili nella realtà.

A cominciare dagli stagni Patriaršie, passando per l’appartamento numero 50 di via Sadovaja, fino ad arrivare al Monte Calvo e alla crocifissione di Gesù, i luoghi sembrano coincidere con le testimonianze che abbiamo.

Gli eventi però hanno carattere irreale: streghe che volano su magiche scope trasmettono un tratto fantastico ai luoghi che pur essendo esistenti acquistano una valenza astratta e vengono contaminanati dal sogno e dal passato.

 

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''IL MAESTRO E MARGHERITA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il Maestro e Margherita''

la vicenda è ambientata in Russia durante il periodo del comunismo staliniano e il libro rappresenta un testo parodico del regime di quel periodo.

Grazie alla tecnica del romanzo nel romanzo però, siamo trasportati attraverso dei flash back indietro nel tempo, fino ad arrivare ai tempi della Gerusalemme di Ponzio Pilato e di Gesù.

L’opera di Bulgakov è la risultante dell’epoca storica in cui l’autore si trova a vivere e ne è al contempo anche una denuncia.

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

Il Maestro arriva perfino a bruciare il manoscritto per i problemi che ne derivano, e questo ad indicare i limiti della censura del regime sotto il quale si trova.

 

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''IL MAESTRO E MARGHERITA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il Maestro e Margherita''

Bulgakov utilizza uno stile fluido e talvolta ironico, caratterizzato da brevi descrizioni utilizzate in particolare per denotare personaggi e luoghi.

La vicenda è irreale e fantastica e la figura di Satana citata con il nome di Woland viene presentata oltre a Bulgakov anche da altri scrittori; uno di questi è Goethe.

 

NARRATORE DEL LIBRO ''IL MAESTRO E MARGHERITA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il Maestro e Margherita''

Il narratore della vicenda è esterno e onniscente, non fa parte della vicenda ma la sa raccontare con precisione. Una frase importante che denota la sua posizione si trova all’inizio del libro secondo:

Seguimi lettore, e segui me soltanto, e io ti mostrerò un simile amore”.

Questa frase, con la quale il lettore stesso viene chiamato in causa, spiega chiaramente come il narratore tenga le fila della storia.

 

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''IL MAESTRO E MARGHERITA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il Maestro e Margherita''

Come è scritto sulla presentazione del libro l’opera offre “un quadro dell’atmosfera storica e psicologica in cui Bulgakov scriveva”, il regime staliniano nella Mosca degli anni trenta.

L’opera presenta in modo buffo e tragicomico gli esponenti della borghesia e della Mosca letteraria e teatrale caratterizzati da stupidità e ipocrisia.

Ma l’opera vuole far riflettere in modo più profondo anche sul rapporto tra bene e male, tra Dio e Satana.

Non a caso la citazione che apre il romanzo - “Chi sei tu dunque? Sono parte di quella forza che eternamente vuole il Male e eternamente opera per il Bene” - è estrapolata dal Faust di Goethe e colpisce molto.

In queste righe infatti vi è la sintesi del filo conduttore del romanzo che vedrà Satana-Woland concedere al Maestro e Margherita di ritrovarsi e godere finalmente di uno stato di pace inteso come assenza da tutte le angosce che i due hanno avuto modo di provare in vita.

In un certo modo dunque, la forza del male viene mossa da una forza superiore che poi è quella del bene.

È interessante notare come la tecnica del romanzo nel romanzo consenta di seguire in contemporanea la storia di Ponzio Pilato e del suo senso di colpa, che alla fine troverà pace.

 

COMMENTO DEL LIBRO ''IL MAESTRO E MARGHERITA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il Maestro e Margherita''

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

Questo libro è un capolavoro, sia per l’originalità con cui è scritto, sia per i parecchi riferimenti culturali che contiene.

L’amore assume un valore elevato che si sublima ancora di più se accostato a temi quali la morte e l’eternità.

Il dono che viene fatto ai due protagonisti di ritrovarsi e di poter godere di una pace eterna, lontana dalle angosce della vita è un premio per il loro profondo amore che risalta in una società dove dominano personalità ipocrite e false di cui viene fatta satira.

Il riferimento alla censura è molto forte e la volontà di Woland di ritrovare il manoscritto del Maestro è dettato dal bisogno di riportare alla luce la vera storia di Ponzio Pilato.

Il passaggio tra le due storie che scorrono parallele ma che fanno parte l’una dell’altra all’interno del romanzo, rende l’opera originale e il lettore è portato dalla curiosità a voler conoscerne la fine.

Il rapporto tra male e bene viene approfondito e osservato da un prospettiva diversa, quasi di collaborazione tra le due forze, in un’ottica che sovverte la classica visione, soprattutto quando viene proferito che il Mastro e Margherita non hanno meritato la “luce” ma la pace.

Questi temi sono affrontati nel contesto di una storia raccontata con tono ironico e leggero che ne stimola la lettura.

 

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Il Maestro e Margherita''Indice dell'Analisi del Libro ''Il Maestro e Margherita''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare