Recensione ''Ho bisogno di te'' (Libro di Luigi Cerciello) - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Ho bisogno di te''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Ho bisogno di te”.
  • Titolo originale: "Ho bisogno di te".
  • Autore: Luigi Cerciello;
  • Nazionalità Autore: Italiana;
  • Data di Pubblicazione: 1 Febbraio 2015;
  • Editore: Youcanprint;
  • Genere: Narrativa contemporanea;
  • Pagine: 100 p., rilegato;
  • Voto del Pubblico (IBS): 3,8 su 5.

DOVE COMPRARLO:

Recensione del Libro “Ho bisogno di te” di Luigi Cerciello del 2015, genere narrativa contemporanea/autobiografie. Evidenzieremo il riassunto del libro “Ho bisogno di te”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Ho bisogno di te” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''HO BISOGNO DI TE'':

Luigi Cerciello è un giovane scrittore di 25 anni, si è laureato in lettere moderne.

Ha provato a scrivere il suo primo libro dal titolo “Ho bisogno di te” (2015), e tramite il sito ILMIOLIBRO provò a pubblicarlo ottenendo un discreto successo, così da attrarre anche l’attenzione di alcune case editrici.

A Giugno del 2017 con Fabbri Editori ha pubblicato il suo secondo romanzo “Quel ragazzo all’ultimo banco

Oltre al sogno di diventare scrittore gli piacerebbe diventare un professore di lettere e di storia.

Inoltre da anni allena una squadra di piccoli aspiranti calciatori. Il calcio è tra le sue più grandi passioni.

Se volete rimanere aggiornati su Luigi potete seguirlo sulla sua pagina Facebook @LuigiTorresCerciello

RIASSUNTO DEL LIBRO ''HO BISOGNO DI TE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Ho bisogno di te''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Un giovane ragazzo perde in un incidente la sua fidanzata, la sua ragione di vita, la sua ancora, il suo futuro.

Si ritrova in mezzo al nulla, logorato dai sensi di colpa, da solo, e vede come via di scampo due stradine strette e pericolose: l’alcool e gli ansiolitici.

A turno sceglie una delle due, non curandosi di se stesso, mettendo un muro invisibile tra lui e gli altri, un muro capace di non mostrare le sue ansie e paure ma di proiettare una sorta di finta serenità sul suo volto spento.

Vive allora la sua vita senza esserne davvero consapevole, perché rinchiuso in una bolla che lo porta a dimenticare, a tenere lontane quelle emozioni, quei ricordi, quel brutto giorno d’inverno.

Gli unici momenti che gli portano un pò di sollievo sono quelli passati assieme alla piccola squadra di calcio che allena, e vedendo il sorriso sincero dei suoi piccoli bambini riesce per un attimo fugace a ritrovare la serenità.

Dopo due anni, dopo un tentato suicidio e una cicatrice indelebile sul volto, pensa di essere “guarito”, fino a che non incontra una giovane ragazza che con i suoi occhi verdi occuperà tutti i suoi pensieri.

Si trova bene con lei, ma questo lo blocca, perché si sente in colpa, in colpa di vivere una storia mentre l’amore della sua vita lo guarda dall’alto, in colpa per la sua morte, in colpa per essere felice, dopo tanto tempo.

Si tiene tutto dentro, affondando i suoi problemi nell’alcool, riempiendosi di gocce per dormire così da non pensare, senza tener conto che durante il sonno la sua mente viene invasa da incubi di ogni genere, incubi che gli ricordano che non ha superato nulla, che gli mettono davanti la nuda verità!

Riuscirà ad uscire realmente dalla bolla, ad abbattere il muro, solo quando aprirà il cuore al suo migliore amico, l’anima alla sua nuova fidanzata, e con il loro amore capirà che non bisogna accantonare le emozioni e i problemi, ma bisogna affrontarli, anche se fanno male, anche se fanno piangere, capirà che la strada da prendere è quella piena di ostacoli che fanno sanguinare le ferite, passo dopo passo, quella strada che porta a metabolizzare, perché solo così si vive a pieno, si vive per davvero!

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''HO BISOGNO DI TE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Ho bisogno di te''

Protagonista e autore di “Ho bisogno di te” è Luigi.

- Luigi è un ragazzo come tanti: lo studio, le uscite col migliore amico di sempre... Ma un giorno qualcosa s'incrina nella sua vita.

Il suo cuore viene ferito profondamente.

Depressione, ansia e attacchi di panico vengono a galla. E trasformano quella che era una vita spensierata in una vita in cui l'apatìa e la paura fanno da padrone.

Con fatica riesce ad uscire da questo tunnel autodistruttivo quando per caso incontra Jasmine.

- Jasmine è una giovane studentessa, frequenta ancora il licieo, ha due splendidi occhi verde smeraldo che si imprimono nella memoria di Luigi senza dargli la possibilità di pensare ad altro. Con la sua dolcezza e la sua esuberanza Jasmine riesce a conquistare Luigi e ad aiutarlo a lasciarsi alle spalle il suo doloroso passato.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

- Riccardo, il migliore amico di Luigi. È un ragazzo comune e apparentemente non troppo sensibile, sembra infatti non accorgersi della sofferenza dell’amico. Nel corso della lettura invece scopriamo che ha sempre fatto finta di non accorgersene, lasciando il tempo a Luigi di eleborare la sua sofferenza, fino a quando non decide di affrontarlo direttamente e metterlo di fronte alla realtà.

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''HO BISOGNO DI TE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Ho bisogno di te''

L’intero romano è ambientato a Napoli, non ci sono descrizioni particolarmente accurate dei luoghi in cui ci troviamo. Luigi però ci racconta alcuni dettagli della sua taverna durante la notte di capodanno, ma soprattutto di uno dei posti a lui più cari, Mergellina.

Passegginado sul lungomare, rimasi estasiato dalla bellezza di quella parte di Napoli [...] Alla vista di questo paesaggio ti commuovi sempre, riesci a percepire lo spirito di questo numeroso popolo, e ti tornano in mente tanstissime melodie napoletane.

Non può esserci fregatura, furto, disonestà e maltrattamento che possa ingirgire l’incanto di questo golfo, unico e dai mille colori.”

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''HO BISOGNO DI TE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Ho bisogno di te''

Ho bisogno di te” è un romanzo contemporaneo, nel quale il protagonista/autore ci racconta alcuni mesi della sua vita. Ci troviamo intorno al 2013.

I riferimenti temporali che abbiamo sono pochi, abbiamo qualche riferimento al clima, al giorno della settimana e alla fine dell’anno. Questo comunque non ci impedisce di capire il periodo storico in cui ci troviamo.

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''HO BISOGNO DI TE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Ho bisogno di te''

Luigi Cerciello in “Ho bisogno di te” usa un linguaggio semplice per raccontare la sua storia. Narra i fatti, senza perdersi in digressioni superflue.

Sicuramente un romanzo “acerbo” ma trattato con grande abilità dal giovane autore. Lo stile simplice e diretto viene compensato dall’eleganza e delicatezza con la quale racconta ciò che gli è capitato e come ne è uscito.

NARRATORE DEL LIBRO ''HO BISOGNO DI TE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Ho bisogno di te''

In “Ho bisogno di te” non possiamo che parlare di narratore interno essendo Luigi sia autore che protagonista.

In questo caso la narrazione interna aiuta moltio il lettore ad immedesimarsi ed a comprendere ciò che ha vissuto il protagonista.

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''HO BISOGNO DI TE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Ho bisogno di te''

Questo libro è una sorta di cura, è il racconto di chi ce l’ha fatta, di chi nonostante tutto si è rialzato, si è rimesso in piedi, pronto a conquistare il mondo.

Ho bisogno di te” ci racconta una storia molto toccante, molto intensa, raccontata in modo eccellente, che trasmette tutte le sensazioni vissute dal protagonista e che alla fine fa riflettere e fa capire che nella vita, soprattutto nei momenti più tragici, non bisogna chiudersi in se stessi e rifugiarsi nella depressione e negli ansiolitici, perchè in questo modo niente si risolve, ma bisogna fare qualcosa, qualunque cosa, parlare, cantare, giocare, e soprattutto aprire il proprio cuore a qualcuno per continuare a sognare, ad amare e a vivere.

COMMENTO DEL LIBRO ''HO BISOGNO DI TE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Ho bisogno di te''

Nel leggere “Ho bisogno di te” mi sono ritrovata senza parole, senza pensieri, per un momento persa in qualche punto buio della galassia.

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

Un romanzo che mi ha fatto riflettere molto, mi ha fatto capire quanto è importante abbattere tutti i muri, invisibili e non, aprire il proprio cuore a qualcuno, parlare, parlare, parlare per non sopportare più l’enorme peso dei pensieri, bisogna condividere mente, anima e cuore, bisogna sognare, amare e vivere per se stessi e per chi ritroviamo alzando lo sguardo in alto, oltre le nuvole, tra i raggi del sole.

Il messaggio alla fine è "di non arrendervi mai. Non dovete mai smettere di lottare."

Un libro chiaro, intimo, a tratti dolce e romantico.

Lo consiglio a chiunque vuole, e ha il coraggio, di trovarsi davvero a contatto con un'altra anima, profondamente.

+27k Melissa Radice

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Ho bisogno di te''Indice dell'Analisi del Libro ''Ho bisogno di te''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare