Recensione ''Harry Potter e il principe mezzosangue'' (Libro di J. K. Rowling) - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Harry Potter e il principe mezzosangue''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Harry Potter e il Principe Mezzosangue”.
  • Titolo originale: "Harry Potter and the Half-Blood Prince".
  • Autore: J. K. Rowling;
  • Nazionalità Autore: Inglese. 
  • Data di Pubblicazione: Per la prima volta in Gran Bretagna nel 2005;
  • Editore: Salani; 
  • Genere: Fantasy;
  • Pagine: 567p., rilegato; 
  • Voto del Pubblico (IBS): 5 su 5

 

DOVE COMPRARLO

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''HARRY POTTER E IL PRINCIPE MEZZOSANGUE'': 

La scrittrice J. K. Rowling nasce a Chipping Sodbury, vicino Bristol, nel Regno Unito, il 31 luglio del 1965.

Già da piccola manifesta una fervida immaginazione e comincia a scrivere. Durante gli studi si appassiona alle lingue, mentre trova più ostico l’ambito scientifico.

Deve la sua fama alla saga di Harry Potter, un giovane mago che combatte contro le forze della Magia Nera.

L’idea le viene in mente durante un breve viaggio in treno da Manchester a Londra e impiegherà cinque anni a scrivere l’intreccio generale dell’intera opera.

Nel 1997 pubblica il primo volume della saga del piccolo mago, intitolato “Harry Potter e la pietra filosofale”.

Il successo del romanzo, che viene inizialmente accettato solo da una piccola casa editrice, la Bloomsbury, dopo essere stato rifiutato da vari editori, supera di gran lunga ogni aspettativa.

L’autrice è praticamente sconosciuta, senza appoggi editoriali e il genere fantasy è considerato letteratura minore, ma la storia affascina subito milioni di lettori di tutte le età.

Nel 1998 compare il secondo volume, “Harry Potter e la camera dei segreti” e nel 1999 il terzo libro, “Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban”, con cui la Rowling vince tre volte di fila lo Smarties Prize.

Nel 2000 compare il quarto dei 7 volumi che caratterizzano l'intera saga, ossia “Harry Potter e il calice di fuoco”, che vende tre milioni di copie già solo negli Stati Uniti, senza contare tutte quelle acquistate nel mondo dai milioni di fans.

Ormai la saga di Harry Potter è un fenomeno mondiale e nel 2003 vede la luce “Harry Potter e l’ordine della fenice” e nel 2005 “Harry Potter e il principe mezzosangue”.

Nel 2007 viene pubblicato il settimo ed ultimo volume della saga con il titolo “Harry Potter e i doni della morte”, che viene definito dal Telegraph il miglior libro scritto nel decennio 1999-2009.

Tutta l’idea della saga epica è concepita in un breve viaggio in treno da Manchester a Londra e per nove anni la scrittrice tesse i fili di questa trama superba del genere fantasy senza dimenticare fatti o personaggi, anzi dando loro la consistenza della vita reale.

Al termine della saga, la scrittrice si è cimentata in altri generi: una raccolta di fiabe, “Le fiabe di Beda il Bardo” nel 2008, e gialli “Il seggio vacante” del 2012, “Il richiamo del cuculo” del 2013 e “Il baco da seta” dove, con lo pseudonimo maschile di Robert Galbraith, crea l’investigatore Cormoran Strike.

Sposata due volte, madre di tre figli, è nota per le sue opere di beneficenza e nel 2011 è stata inserita nella classifica di Forbes tra le donne più ricche più ricche del Regno Unito.

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''HARRY POTTER E IL PRINCIPE MEZZOSANGUE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Harry Potter e il principe mezzosangue''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Lord Voldemort è tornato in auge ed è nuovamente al comando di un esercito di Mangiamorte. Le conseguenze della sua nuova ascesa sono ormai evidenti sia nel mondo magico che tra i Babbani.

Il Professor Piton incontra Narcissa Malfoy, la madre di Draco, e le promette, in un giuramento che non può essere sciolto, che ne proteggerà il figlio ad ogni costo.

Silente nel frattempo è andato a prevelare Harry a casa degli zii e con lui si reca da Horace Lumacorno per convincerlo a tornare ad insegnare ad Hogwarts. Ci riesce.

I ragazzi tornano a scuola e la sera dell’arrivo, durante il banchetto dell’assegnazione alle Case, Silente annuncia che Lumacorno sarà il nuovo insegnante di Pozioni, al posto di Piton che è stato promosso a insegnante di Difesa contro le Arti Oscure: la notizia suscita un’enorme sorpresa in Harry e nei suoi amici.

Con il procedere delle lezioni, Silente organizza degli incontri sistematici con Harry: durante questi incontri permette al ragazzo di usare il Pensatoio del suo studio per conoscere degli episodi rilevanti della vita di Voldemort e prepararlo così allo scontro finale, annunciato dalla profezia di cui il ragazzo è venuto a conoscenza nel romanzo “Harry Potter e l’ordine della fenice”.

Il giovane protagonista scopre così che il mezzosangue Tom Riddle è stato abbandonato dai genitori perché non amato. Di conseguenza è cresciuto aggressivo e pieno di rabbia e una volta diventato un mago potente ha diviso la sua anima in sette Horcruxes che dovranno essere distrutti se lo si vuole sconfiggere.

Due, il diario di Riddle e l’anello del suo parente Marvolo, sono già stati trovati e distrutti. Tra gli altri alcuni sono noti come Voldemort stesso, il basilisco Nagini e il medaglione di Serpeverde, ma due devono essere ancora identificati.

L’anno scolastico procede e Harry divide il suo tempo tra lo studio, le partite di Quiddich e i pedinamenti di Draco Malfoy, che lui pensa sia ormai diventato un Mangiamorte: Harry scopre che il ragazzo utilizza la Stanza delle Necessità di nascosto, ma nessuno, né lui, né Silente vi riesce ad accedere quando il ragazzo è all’interno per poter verificare cosa stia ordendo.

Verso la fine dell’anno scolastico, Silente ed Harry partono per recuperare il medaglione di Serpeverde, nascosto in una grotta. Per riuscire a prenderlo Silente è costretto a bere una pozione velenosa che lo indebolisce molto.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

Mentre tornano ad Hogwarts, i due maghi vedono apparire in lontananza il Marchio Nero di Voldemort sopra la torre per lo studio dell’astronomia. 

Si precipitano alla torre e qui si verificherà l’epilogo, imprevedibile e sconvolgente, toccante e coinvolgente come sempre.

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''HARRY POTTER E IL PRINCIPE MEZZOSANGUE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Harry Potter e il principe mezzosangue''

Come sempre, l’autrice tiene i fili della saga riprendendo personaggi e inserendone di nuovi.

- Un nuovo inserimento è Horace Lumacorno: ex studente della casa dei Serpeverde, è stato insegnante ad Hogwarts fino alla pensione. Ora Silente ed Harry lo convinceranno a tornare all’insegnamento con l’incarico di docente di Pozioni. È snob e ambizioso, come tutti i Serpeverde e infatti crea il Lumaclub, consentendone l’accesso solo a studenti selezionati che si distinguono dalla “massa”.

Ma il suo è uno snobismo culturale: la sua idea di eccellenza si basa sul merito e non sulla purezza della razza, come per gli altri discendenti di Slytherin Serpeverde. Infatti nonostante la loro origine babbana, cioè non magica, apprezza Hermione e ricorda Lily Potter, la mamma di Harry, come la miglior alunna che abbia mai avuto. E per questa sua differenza dagli altri studenti della sua casata, sarà uno dei pochi a non essere mai sedotto dal fascino di Voldemort e a diventare un Mangiamorte.

È stato lui a rivelare involontariamente a Tom Riddle, cioè a Lord Voldemort studente, cosa fosse un Horcrux. Gli ha spiegato che si trattava di un simulacro in cui un mago può nascondere parti della sua anima dopo aver commesso un omicidio, in modo da non morire mai completamente.

È stata questa rivelazione che ha consentito a Voldemort di sopravvivere alla sua prima sconfitta e di risorgere dalle sue ceneri, perché nella preparazione della guerra aveva diviso il suo spirito in ben sette Horcruxes. Di questo errore fatale Lumacorno non riesce a perdonarsi.

I personaggi che abbiamo già incontrato negli altri libri della saga sono cresciuti ed evoluti, perché la Rowling crea personaggi dinamici che maturano e si modificano dopo ogni nuova esperienza, proprio come le persone nella vita reale.

- Ron e Hermione formano ormai una coppia fissa, nonostante Ron cerchi di far ingelosire la ragazza uscendo con un’altra compagna, Lavender.

- Harry, maturando, decide di modificare i suoi rapporti con Silente, affidandosi finalmente completamente a lui e ai suoi insegnamenti. Il ragazzo aveva attraversato una fase di contestazione, tipicamente adolescenziale, e, come Harry stesso aveva notato in “Harry Potter e l’ordine della fenice”, il preside era diventato particolarmente taciturno nei suoi confronti. Con la sua apertura, i rapporti tra i due maggiori oppositori di Lord Voldemort tornano improntati alla massima cordialità e serenità.

Harry in questo romanzo si accorge inoltre di essere innamorato di Ginny, la coraggiosa sorella di Ron: dapprima combatte contro questo sentimento per timore di rovinare l’amicizia con il giovane Weasley, poi si dichiarerà dopo essersi aver ricevuto l’approvazione dell’amico.

Infine lascerà la ragazza alla fine del romanzo per evitare di esporla al pericolo ora che lui rappresenta l’unico ostacolo tra Voldemort e la sua conquista del mondo, come ha rivelato la profezia in “Harry Potter e l’ordine della fenice”.

 

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''HARRY POTTER E IL PRINCIPE MEZZOSANGUE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Harry Potter e il principe mezzosangue''

Ancora una volta i luoghi centrali del romanzo si alternano tra la Londra babbana riconoscibile in molti suoi angoli caratteristici, la Londra magica di Diagon Alley e il magico castello di Hogwarts, dove nella torre di astronomia si consuma la tragedia finale.

La scuola conserva la sua connotazione di sito affascinante e fuori dal tempo, circondata da incantesimi che la proteggono da indiscreti occhi babbani. Costruita in stile gotico-romanico, sorge su uno sperone di roccia prospiciente l’inquietante Lago Nero.

Ricorda in parte la celebre Università di Oxford, in parte alcuni dei minacciosi castelli che costellano la brughiera scozzese, stile Braveheart. Ora i toni s’incupiscono e meglio si adattano a questa ambientazione così particolare e per certi aspetti sinistra

 

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''HARRY POTTER E IL PRINCIPE MEZZOSANGUE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Harry Potter e il principe mezzosangue''

Le vicende narrate nel romanzo sono chiaramente contemporanee ma, come sempre, l’atmosfera magica smussa i contorni e vela la situazioni.

Il buio della notte avvolge il romanzo dalla prima pagina che vede il Primo Ministro babbano attendere il Primo Ministro del mondo della magia per discutere la terribile situazione in cui si trova il mondo.

Persino il tempo è lugubre, caratterizzato da una nebbia gelida nonostante sia metà luglio.

Se è vero che la Rowling incupisce i toni perché toccata nel profondo dall’attentato dell’11 settembre 2001, la lotta tra bene e male, che vede opporsi i due schieramenti opposti guidati da Harry e Lord Voldemort, diventa metafora della lotta che da allora impegna le potenze occidentali contro il terrorismo di Al Queda e medio-orientale in genere.

 

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''HARRY POTTER E IL PRINCIPE MEZZOSANGUE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Harry Potter e il principe mezzosangue''

I toni di questo sesto romanzo della saga di Harry Potter diventano più cupi, pur essendo presenti dialoghi umoristici tra gli studenti, contenenti battute esilaranti, come nei precedenti episodi.

Alcuni critici sostengono che l’incupirsi dell’atmosfera sia da attribuirsi al terrore prodotto sull’umanità dall’attentato dell’11 settembre 2001 al World Trade Centre di New York, terrore che probabilmente ha avuto un forte impatto sulla mente fragile e sull’animo ipersensibile della scrittrice.

Forse si tratta solo di realistica aderenza del tono alle vicende narrate che si avviano verso il drammatico epilogo del settimo e ultimo romanzo. Comunque la Rowling si conferma scrittrice eccellente con il suo stile snello, lineare, ma al tempo stesso attento alla scelta di ogni singola parola che è non mai sciatto o anche solo casuale.

 

NARRATORE DEL LIBRO ''HARRY POTTER E IL PRINCIPE MEZZOSANGUE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Harry Potter e il principe mezzosangue''

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

Il narratore è esterno e onnisciente.

Se nei precedenti romanzi la narrazione era in terza persona, ma il punto di vista rimaneva sempre quella del protagonista Harry Potter, ora la visione si allarga ed assistiamo a incontri e percepiamo sensazioni di personaggi anche quando il ragazzo non è presente.

Questo accade anche nel primo capitolo quando penetriamo nella mente sovraccarica di preoccupazioni del Primo Ministro babbano.

 

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''HARRY POTTER E IL PRINCIPE MEZZOSANGUE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Harry Potter e il principe mezzosangue''

Anche le tematiche nella saga di Harry Potter ritornano e si rinnovano continuamente, come i personaggi. Anche in “Harry Potter e il principe mezzosangue” s’impone centrale il tema dell’amicizia: come sempre Harry deve contare sull’aiuto di Ron ed Hermione per fronteggiare le prove a cui la lotta contro Voldemort lo sottopone. E ancora una volta scopre a proprie spese come l’amicizia si basi su equilibri precari che vanno costantemente difesi e ricostruiti, soprattutto quando si è giovani.

Torna il tema del dualismo insito nell’animo umano e della duplicità dei comportamenti. C’è solo un argomento su cui Silente e Harry dissentono ed è la fedeltà del Professor Piton. In questo romanzo la scrittrice sembra decisamente avvalorare la posizione di Harry. Ma sarà veramente così o l’enigmatico Piton ci riserverà ancora sorprese e colpi di scena?

Rinnovata è invece la tematica del sacrificio in nome di una buona causa. Abbiamo già assistito a casi di amore che si spingeva fino al sacrificio. Lily Potter, la mamma di Harry, si era frapposta tra il figlio e la maledizione Avada Kedavra lanciata da Voldemort perdendo la vita nell’antefatto al primo romanzo “Harry Potter e la pietra filosofale”.

Sirius Black si immola per salvare Harry e consentirgli di conoscere la profezia che lo riguarda in “Harry Potter e l’ordine della fenice”. Ma ora, per la prima volta nella saga, Silente si sacrifica volontariamente per la causa del bene: avrebbe potuto accettare l’aiuto di Harry e insieme probabilmente avrebbero vinto; invece iberna il ragazzo e gli impedisce di muoversi per farlo assistere ad una scena dolorosa che sarà fondamentale per la sua crescita.

 

COMMENTO DEL LIBRO ''HARRY POTTER E IL PRINCIPE MEZZOSANGUE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Harry Potter e il principe mezzosangue''

Harry Potter e il principe mezzosangue” è un romanzo coinvolgente e commovente che si legge con il fiato sospeso, nonostante sia forse quello della saga con l’intreccio meno sviluppato e con minore azione, forse perché qui l’analisi psicologica diventa centrale.

Molto interessante è infatti l’attenta analisi dello sviluppo della personalità di Voldemort. La scrittrice ripercorre il passato dell’antieroe durante le immersioni del giovane Harry nel Pensatoio del preside di Hogwarts e coglie, con una precisione da psicoterapeuta, tutti i moventi che hanno portato il Signore del Male ad essere il mostro che tutte le forze del Bene temono.

Altrettanto minuziosa è l’analisi dell’accrescersi della complicità tra Silente e il protagonista. Di fronte alla rinnovata disponibilità del ragazzo, il preside si cala completamente e apertamente nel ruolo di insegnante e di iniziatore, forse consapevole del pericolo che minaccia la sua vita, fino a giungere al sacrificio.

Sono analizzati con estrema dovizia di particolari gli eccessi sentimentali tipici dell’età adolescenziale. E queste sono le scene più umoristiche del romanzo.

Infine si approfondisce l’analisi della personalità del Professor Severus Piton, personaggio ambiguo fin dal primo romanzo “Harry Potter e la pietra filosofale”. Definitivamente convertito al Bene o ancora Mangiamorte? Solo la lettura del romanzo potrà dare una risposta. E sarà quella definitiva o ci attendono nuove sorprese nell’ultimo romanzo della saga?

 

+30k Ornella Rizzo

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Harry Potter e il principe mezzosangue''Indice dell'Analisi del Libro ''Harry Potter e il principe mezzosangue''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare