Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Dalla parte di Swann''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Dalla parte di Swann”.
  • Titolo originale: "Du côté de chez Swann".
  • Autore: Marcel Proust;
  • Nazionalità Autore: Francese;
  • Data di Pubblicazione: 1913;
  • Editore: BUR (Collana "Grandi classici");
  • Genere: Romanzo;
  • Pagine: 551 p., ebook;
  • Voto del Pubblico (IBS): 4,5 su 5.

DOVE COMPRARLO:

Recensione del Libro “Dalla parte di Swann” di Marcel Proust del 1913, genere Romanzo. Evidenzieremo il riassunto del libro “Dalla parte di Swann”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Dalla parte di Swann” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''DALLA PARTE DI SWANN'':

Marcel Proust, amatissimo scrittore francese, era originario di Auteuil, dove nacque nel 1871.

La sua era una famiglia dell’alta borghesia, infatti crebbe fra gli agi (sua madre proveniva da una ricca famiglia ebrea e suo padre era un medico e professore universitario).

Durante l’infanzia, cruciali saranno le vacanze in villeggiatura a Illiers- Combray, dove vivevano i nonni paterni e in Alsazia, dove viveva la famiglia materna.

Sin da giovanissimo frequentò i salotti letterari più in voga di Parigi, dove ebbe modo di conoscere artisti e scrittori e dove condusse una vita piuttosto attiva, nonostante i frequenti attacchi d’asma, malattia che lo accompagnò per tutta la vita.

Malgrado la laurea in legge conseguita alla Sorbona, la letteratura era la sua grande passione, infatti iniziò a pubblicare le sue opere nel 1894, come “I piaceri e i giorni”, di scarso successo.

A questi anni risalgono anche le prime insinuazioni sulla sua omosessualità.

Nel 1895 pubblicò “Jean Santeuil”, romanzo incompiuto sulla Parigi di fine secolo. Intraprese inoltre l’attività di traduttore, soprattutto dall’inglese, ma anche in questo caso passò inosservato.

La morte dei suoi genitori lo segnò molto, tanto da isolarsi per mesi, arricchendosi in compenso grazia all’eredità, che non fu comunque in grado di gestire, dato lo sperpero eccessivo di denaro.

Nel 1908 cominciò a dedicarsi alla stesura di frammenti incentrati su un io narrante, sino ad assemblarli in un romanzo: “Alla ricerca del tempo perduto” fu un successo e l’autore vi dedicò anni alla stesura, precisamente dal 1908 al 1922, a più riprese.

In quel lasso di tempo fu colto da una grave polmonite che lo portò alla morte nel 1922. I restanti volumi dell’opera furono pubblicati postumi.

RIASSUNTO DEL LIBRO ''DALLA PARTE DI SWANN'': Indice dell'Analisi del Libro ''Dalla parte di Swann''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

“Dalla parte di Swann” è il primo volume della monumentale opera “Alla ricerca del tempo perduto”, che ha rivoluzionato il sistema letterario francese. Questo volume consta di tre parti: “Combray”, “Un amore di Swann” e “Nomi di paesi: il nome”. In ogni parte, l’autore affronta una tematica ben precisa, ma il punto di vista è sempre lo stesso, ovvero un io narrante che coincide con la figura di un bambino gracile, amante della lettura e insicuro (nonché lo stesso Marcel).

La prima parte è tutta focalizzata sui ricordi di infanzia, sui luoghi, sulle persone. Ambientata a Combray, piccolo borgo situato in Normandia, Marcel rievoca le vicissitudini e le abitudini del focolare domestico, tra i piccoli momenti di affetto con sua madre, la figura austera del padre e dei nonni fino a quella rassegnata della zia Léonie e alla frustrata domestica Franςoise.

A fare da cornice c’è il paesello, il paesaggio, la sua accogliente chiesa e altri personaggi di spicco che i suoi genitori sono soliti invitare, ma soprattutto i piccoli gesti quotidiani impressi nel cuore di Proust. Spesso, infatti, in questa prima parte si descrive la fervida attesa da parte del piccolo Marcel nei confronti della madre, del suo profumo, del dolce bacio della buonanotte. Celebre è poi il passo in cui l’autore descrive il rituale domenicale della colazione, le cui sensazioni e percezioni gustative vengono rievocate semplicemente intingendo una madeleine nella tazza di tè.

A fare quasi da contraltare alla tranquillità domestica c’è quella mondana - a cui si fa solo menzione, a mo’ di introduzione – dei signori Swann e dei Guermantes - i cui giardini vengono spesso evocati in ricordo delle tranquille passeggiate. È proprio in occasione di una di queste verso Méséglise che incontra GIlberte Swann.

Nella seconda parte il protagonista è invece Charles Swann e il ritmo narrativo si fa più rapido della prima parte. Il punto di vista è sempre esterno e la vicenda appartiene al passato: il grande amore di Charles nei confronti della spietata e affascinante Odette de Crécy, conosciuta nel salotto di Madame Verdurin. L’amore di M.

Swann è contrastato e contrastante; in un primo momento non riesce a cogliere la bellezza di questa fanciulla, che invece appare invaghita di lui; in un secondo momento Charles si accorge di non poter più fare a meno di lei e di amarla, tanto da troncare i rapporti con le altre donne.

Ma quando viene bandito dal salotto di Madame Verdurin, che dal canto suo si rende conto dell’inconsistenza del suo rapporto d’amicizia con Charles, Odette si lascia andare ad avventure amorose di varia natura, approfittando dell’amore di Charles, che al contrario diventa ossessivo. Nella terza parte dell’opera apprendiamo che i due si sono sposatie che hanno concepito una figlia, Gilberte.

Nella terza parte Proust sogna e immagina vari luoghi: da Combray, sempre ricorrente, a Balbec e Venezia, celebrandone la bellezza, ma soprattutto l’arte, vera protagonista di questi ultimi passi e che si ricollega alla visione simbolista di cui l’autore si fa portavoce. L’arte, infatti, è in grado di esprimere le sensazioni e le emozioni, decantando la bellezza delle città e dei paesaggi, con l’ausilio della memoria.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''DALLA PARTE DI SWANN'': Indice dell'Analisi del Libro ''Dalla parte di Swann''

l romanzo presenta un numero di personaggi non indifferente, ma è possibile individuare per lo meno quelli più significativi e legati all’io narrante, nonché più caratterizzati.

- Marcel: viene qui presentato nelle vesti di un bambino e dell’io narrante. La sua figura coincide con quella di Proust e non a caso i luoghi e i personaggi da lui descritti sono quelli dell’infanzia. Marcel è un bambino fragile, molto legato a sua madre, nonostante non riceva probabilmente tutte le attenzioni che desidera, dato il clima austero della sua casa.

Inoltre, è un appassionato lettore e si lascia spesso travolgere, influenzato dai libri e dall’arte, dalle emozioni che un paesaggio o una chiesa comunicano. Si innamora di Gilberte Swann, ma, un po’ come se fosse lo specchio di Charles Swann, il suo è un amore evanescente, basato sulla sola adorazione fisica. Gilberte, infatti, è molto opportunista e disinteressata, tanto da anteporre ogni suo desiderio alla compagnia di Marcel, che la attende con impazienza ogni pomeriggio agli Champs Elysees e in ogni altro luogo sia certo di trovarla.

- Charles Swann: cultore dell’arte, esteta borghese e sicuro di sé. Inizialmente conduce una vita dedita alla lussuria e ai salotti, fino a quando non incontra Odette. Il suo personaggio muta radicalmente, esattamente come la sua relazione amorosa: inizialmente è lui a tenere le redini del rapporto, facendo leva sulla sottomissione di Odette, fino a quando i ruoli non si ribaltano. Charles, infatti, si innamora perdutamente della fanciulla che, al contrario, dimostra di essere molto scostante, tanto da indurre Charles a piegarsi ad ogni suo desiderio o umore. Alla fine, Charles soccomberà ai capricci di Odette sposandola.

- Odette de Crècy: conosce Charles nel salotto di Madame Verdurin e ne rimane subito affascinata. Tuttavia, il lettore comprende immediatamente di che stoffa sia fatta.

Odette è infatti un’arrampicatrice sociale, che approfitta dell’amore ossessivo di Charles per ottenere denaro e lussi di ogni sorta.

Stanca della routine, intreccia varie relazioni adulterine con uomini e donne, incantandoli con il suo fascino ammaliatore e destando la folle gelosia di Swann, ma raggiungendo comunque i suoi obiettivi.

- Il conte di Forcheville: viene introdotto da Madame Verdurin a Odette e Charles e sin da subito mostra il suo interesse nei confronti della fanciulla, che intende conquistare. Il suo charme e senso dell’humour riescono a conquistare la fanciulla, tanto da renderla sua amante. Appare come un personaggio infimo e molto scaltro, totalmente disinteressato ai sentimenti altrui.

- Zia Lèonie: è un personaggio che ricorre spesso nella prima parte del romanzo. SI tratta di una donna molto malata che trascorre le sue giornate in un letto, accanto alla fedele domestica Françoise, che soddisfa ogni suo capriccio confidando nell’eredità della donna. Lèonie trascorre giornate molto monotone, per questo appare molto più interessata alla vita degli altri che alla propria, convinta di essere ormai prossima alla morte. Muore al termine della prima parte del romanzo.

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''DALLA PARTE DI SWANN'': Indice dell'Analisi del Libro ''Dalla parte di Swann''

I luoghi in cui è ambientato il romanzo sono descritti in maniera fortemente realistica da un lato (in quanto realmente vissuti dallo scrittore) e dall’altro sono rivestiti di un’aura sacra, in quanto legati alla memoria, agli affetti, agli amori.

Nella prima parte è Combray la vera protagonista: questo piccolo borgo è stato cruciale nella vita di Proust, in quanto vi trascorreva le vacanze da bambino. Del paesello vengono menzionati spesso alcuni luoghi, come la casa paterna, la piccola chiesa (così spoglia, ma al contempo quasi regale), le strade percorse (vedi la Méséglise) e i paesaggi tipici della Normandia.

Nella seconda parte le vicende sono ambientate prevalentemente nei salotti parigini e dei dintorni, mentre nella terza parte l’immaginazione permette allo scrittore di compiere veri e propri voli pindarici: da Combray all’Italia, in particolare Venezia e Firenze, descritte come capitali dell’arte e della bellezza estatica.

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''DALLA PARTE DI SWANN'': Indice dell'Analisi del Libro ''Dalla parte di Swann''

In questo romanzo ci sono continui richiami al passato, precisamente agli ultimi anni dell’800. Infatti, nella prima parte il tempo è quello dell’infanzia, quasi idealizzato e rievocato attraverso piccoli gesti del presente, apparentemente insignificanti, ed è la memoria lo strumento grazie al quale Proust compie questo viaggio temporale.

Anche nella seconda e terza parte torna il passato, ma cambiano i protagonisti: in “Un amore di Swann” il punto di vista è sempre quello di Marcel, ma non narra del suo passato, bensì di quello di Charles. Nella terza parte,invece, il tempo è indefinito, poiché passato e presente si mescolano.

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''DALLA PARTE DI SWANN'': Indice dell'Analisi del Libro ''Dalla parte di Swann''

Lo stile di Proust è inconfondibile: l’autore, in quanto portavoce del simbolismo, adotta un linguaggio da esteta, da cultore dell’arte, dunque elegante, raffinato nelle descrizioni di paesaggi, chiese, appellandosi continuamente all’arte e alle sue forme. Allo stesso tempo, però, lo stile si fa più basso in alcuni momenti, soprattutto nel descrivere personaggi di rango inferiore o situazioni semi-comiche.

NARRATORE DEL LIBRO ''DALLA PARTE DI SWANN'': Indice dell'Analisi del Libro ''Dalla parte di Swann''

l narratore, come già affermato, è Marcel nelle sue molteplici vesti: nella prima parte è un Marcel bambino, che descrive situazioni e personaggi dal suo punto di vista; nella seconda parte è un Marcel esterno, quasi estraneo allo spazio e al tempo che descrive l’amore di Charles per Odette e nella terza parte si alternano una voce adulta ad una infantile.

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''DALLA PARTE DI SWANN'': Indice dell'Analisi del Libro ''Dalla parte di Swann''

I temi narrati sono molteplici: in primis il ricordo, la memoria, rievocata attraverso i sensi (l’olfatto nella percezione degli odori, la vista nella visione di luoghi, il gusto nell’assaporare ad esempio la tazza di tè o la madelaine) e di tutti i personaggi che la riguardano, come la famiglia e gli amici.

In secundis - ma non per importanza - c’è l’amore, travolgente, passionale, in tutte le sua sfumature (l’amore di Marcel per sua madre e Gilberte; l’amore distruttore di Charles per Odette); l’arte, spesso menzionata come termine di paragone (Charles paragona il volto e l’espressività di Odette a un Caravaggio); l’infanzia; la lettura, che rapisce Marcel sin da bambino e da cui si evince il suo grande amore per la letteratura e che lo rende disinteressato ad ogni altra cosa; l’amicizia, come quella che lega Charles al nonno di Marcel; la devozione, come quella della domestica Françoise per la zia Léonie e l’opportunismo e la frivolezza dell’alta borghesia.

Un altro tema è senza dubbio il legame con la propria terra (Proust descrive i paesaggi dell'infanzia, quindi della Normandia) e la bellezza dei paesaggi, rappresentanti come elementi attivi della narrazione, partecipi delle emozioni dei personaggi , ma anche fonte di ricordi ed emozioni, rievocate perennemente

COMMENTO DEL LIBRO ''DALLA PARTE DI SWANN'': Indice dell'Analisi del Libro ''Dalla parte di Swann''

La grandezza e la monumentalità di quest’opera è senza eguali. Proust si distingue nel panorama letterario a lui contemporaneo per la sua originalità, per la sua capacità di tramutare la vita in arte, per il suo occhio critico e attento ad ogni piccolo dettaglio esaltato nelle sue peculiarità.

Non bisogna avere timore nell’intraprendere una lettura del genere solo per il numero ingente di pagine.

Nel mio caso, ho trovato questa edizione ebook della BUR molto pratica, nonostante alcuni errori ortografici su cui ho sorvolato, dal momento che la grandezza dello scrittore annulla tutto il resto. Ci sono passi che mi hanno fatto sognare e che mi hanno portato a chiedermi come possa essere possibile scrivere un’opera simile.

Non è un semplice romanzo, ma è un percorso psicologico che il lettore intraprende sotto la guida dello scrittore, un viaggio nella sua memoria.

La lettura non risulta quasi mai pesante, anche se ci sono delle descrizioni molto particolareggiate su aspetti che per un lettore possono essere trascurabili.

Comunque consiglio vivamente la lettura a tutti gli estimatori della letteratura francese, quella che ti travolge quasi con la forza in un vortice di emozioni, sensazioni, percezioni, amori, tanto che ho avuto la sensazione di aver sorseggiato il tè con Marcel.

+20k M.R.

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Dalla parte di Swann''Indice dell'Analisi del Libro ''Dalla parte di Swann''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare