Recensione ''Chi perde paga'' (Libro di Stephen King) [Serie Mr. Mercedes vol. 2] - 4.9 out of 5 based on 50 votes

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Chi perde paga''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Chi perde paga”.
  • Titolo originale: "Finders Keepers".
  • Autore: Stephen King;
  • Nazionalità Autore: statunitense;
  • Data di Pubblicazione: per la prima volta negli Usa nel 2015 e in Italia nello stesso anno;
  • Editore: Sperling & Kupfer (collana" Pandora");
  • Genere: Thriller;
  • Pagine: 469 p., rilegato;
  • Voto del Pubblico (IBS): 3,29 su 5

 

DOVE COMPRARLO

 

Recensione del Libro “Chi perde paga” di Stephen King del 2015, genere Thriller. Evidenzieremo il riassunto del libro “Chi perde paga”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Chi perde paga” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''CHI PERDE PAGA'': 

Stephen Edwin King è nato a Portland (nel Maine) il 21 settembre 1947. È uno scrittore e sceneggiatore statunitense. È uno dei più celebri autori di letteratura fantastica, in particolare horror, dell'ultimo quarto del XX secolo.

Scrittore notoriamente prolifico, nel corso della sua fortunata carriera, iniziata nel 1974 con Carrie , ha pubblicato oltre ottanta opere, fra romanzi e antologie di racconti, entrate regolarmente nella classifica dei bestseller, vendendo complessivamente più di 500 milioni di copie.

Buona parte delle sue storie ha avuto trasposizioni cinematografiche o televisive, anche per mano di autori importanti come: Stanley Kubrick, George A. Romero, John Carpenter, Brian De Palma, ecc. Pochi autori letterari - a parte William Shakespeare, Agathe Christie e Arthur Conan Doyle - hanno avuto un numero paragonabile di adattamenti.

A lungo sottostimato dalla critica letteraria, tanto da essere definito in maniera dispregiativa su Time Magazine «maestro della prosa post-alfabetizzata», a partire dagli anni novanta è cominciata una progressiva rivalutazione nei suoi confronti.

Per il suo enorme successo popolare e per la straordinaria capacità di raccontare l'infanzia nei propri romanzi è stato paragonato a Charles Dickens ma lui ha sostenuto di essere più simile ad autori come John Irving o Salman Rushdie.

Fa parte del gruppo musicale composto unicamente da scrittori chiamato Rock Bottom Remainders.

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''CHI PERDE PAGA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Chi perde paga''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Inizialmente vediamo due storie: quella di Morris Bellamy (una sorta di malvivente che ha ucciso lo scrittore, che ha creato uno dei miti letterari di Morris, per rubargli i taccuini e punirlo per avergli distrutto il mito) nel 1978; l'altra storia riguarda invece Tom Saubers, un uomo disoccupato rimasto gravemente ferito nell'attentato della Mercedes negli anni 2009-2010.

Peter Saubers, figlio di Tom, trova un baule nascosto con all'interno molti soldi e numerosi taccuini.

Vista la situazione di debiti in cui la sua famiglia si trova Pete decide di inviare quei soldi al padre (un po' alla volta) con delle lettere anonime.

Mentre Pete va da un rivenditore di libri rari per vendergli alcuni dei taccuini (visto che i contanti del baule erano finiti), Bill Hodges recupera un aereo per conto di un suo cliente.

Il rivenditore di libri però sa tutta la storia dei taccuini, infatti era amico di Morris Bellamy, e tenta di imbrogliare il ragazzo.

Intanto Barbara (sorella di Jerome) e Tina (sorella di Pete) vanno a parlare con Bill perché Tina pensa che suo fratello abbia commesso un furto e che per questo adesso è in guai che le sembrano molto seri.

Bill e Holly (la sua assistente) pensano che sia più probabile che Peter abbia solo trovato il bottino di qualche furto commesso da qualcun altro, e probabilmente il vero rapinatore (non avendo più ritrovato la refurtiva) ha scoperto che è stato Peter a trovarla.

Inoltre Tina ha notato che il fratello aveva un bloc-notes che ha nascosto appena lei è entrata in camera.

Holly inizia così a cercare furti di quelle dimensioni (anche se secondo Holly il bloc-notes è un indizio importante) anche perché fino al lunedì successivo non possono parlare con Pete.

Morris, appena uscito di prigione, va a riprendere i taccuini ma scopre che non ci sono più e secondo lui l'unico che potrebbe averglieli “rubati”, visto che sapeva di quella storia, è il suo ex amico e Morris decide di andargli a parlare.

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''CHI PERDE PAGA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Chi perde paga''

I personaggi principali di questo romanzo sono cinque: Bill Hodges, Holly Gibney, Jerome Robinson, Peter Saubers e Morris Bellamy.

- Kermit William Hodges (Bill) è un detective a riposo. Ha sessantasei anni e ha un bell'aspetto ( ha i capelli radi) nonostante sia sopravvissuto per poco ad un infarto.

Dopo l'infarto ha perso quasi venti chili e ha smesso di mangiare schifezze. Ha una sorta di agenzia, la “Finders Keepers”, che si occupa di catturare dei piccoli criminali e di rientrare in possesso di oggetti che i proprietari vogliono riavere. Bill è il tipico bianco, anglosassone e protestante.

- Holly Gibney è l'assistente di Bill nella sua agenzia. È molto diversa da come era quattro anni prima, è fortunatamente cambiata in meglio.

Ogni tanto però continua a fumare qualche sigaretta di nascosto. Ha quasi cinquant'anni e nonostante assuma un buon numero di stabilizzatori dell'umore, dal punto di vista emotivo è ancora su un “ottovolante”.

Quando sorride è anche bella e ancora non riesce a guardare negli occhi l'altra persona quando ci parla.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

- Jerome Robinson è alto all'incirca un metro e novanta, ha le spalle larghe ed è molto bello e ha gli occhi scuri.

Va all'università ad Harvard, studia filosofia, e quando torna per le vacanze trova dei lavori per aiutarsi a mantenere agli studi.

- Poi c'è Peter Saubers è al secondo anno di liceo, quindi inizialmente non ha nemmeno 17 anni però alla fine ha compiuto 18 anni. È un fratello molto premuroso e farebbe di tutto per Tina. È un bel ragazzo ma ha il volto troppo magro e la fronte segnata dall'acne.

- Infine l'ultimo personaggio è Morris Bellamy. È stato in prigione per trentacinque anni perché è stato condannato per stupro. È ormai un vecchio con le spalle strette, le borse sotto gli occhi e radi capelli bianchi.

 

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''CHI PERDE PAGA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Chi perde paga''

L'intero romanzo è ambientato negli Stati Uniti, anche se non è precisato quasi nient'altro.

Quindi non sappiamo con precisione la città in cui i fatti accadono, nonostante tutto il resto sia precisato fin nei minimi dettagli. Il nome della città, infatti, non viene mai fatto.

I posti citati sono moltissimi, tra cui: Lower Marlborough, Quartiere Westside, Branson Park, il carcere di Waynesville e Garner Street. L'unica cosa che si sa è che la cittadina in cui il tutto avviene si trova nel Midwest e ha un lago.

Northfield è un'area residenziale ormai disastrata. L'ufficio di Bill si trova nel Turner Building a Lower Marlborough.

 

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''CHI PERDE PAGA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Chi perde paga''

All'inizio vediamo un flashback che ci riporta all'anno 1978.

Il flashback poi passa al 9 aprile 2009, poi si va ancora avanti tra il 1978, e il 2010 (un mercoledì di febbraio, quindi in inverno), ancora dopo un passaggio nel 1978 ritorniamo al 2010 (venerdì, giovedì e i mesi di maggio, giugno e agosto).

Poi passiamo al 2013-2014 ( settembre 2013, un paio di settimane dopo Capodanno 2014, fino ad arrivare a fine aprile 2014). Nel presente siamo probabilmente nell'estate dell'anno 2015.

I giorni che sono esplicitati sono: martedì, giovedì, venerdì, giovedì di giugno. Dopo che passano altri giorni ci ritroviamo al venerdì del weekend della Festa del lavoro. L'ultimo giorno è il 26 luglio del 2014.

 

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''CHI PERDE PAGA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Chi perde paga''

La scrittura è semplice, senza nessun termine tecnico o specifico. Sono presenti numerosi flashback che vanno dal 2009, 2010, 2013-2014, fino al 1978.

Le descrizioni sia dei luoghi che dei vari personaggi (sia quelli principali, sia quelli secondari) sono molto ricche di dettagli. Tanto che anche non avendo fatto il nome della città attraverso le descrizioni ci sembra di ritrovarci là.

 

NARRATORE DEL LIBRO ''CHI PERDE PAGA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Chi perde paga''

Anche in questo romanzo il narratore è in terza persona, dunque è eterodiegetico (cioè è esterno alle vicende narrate).

Il narratore è quindi onnisciente, in quanto sa sempre cosa è accaduto ai personaggi in passato ma sa anche tutto quello che gli accadrà in futuro.

Tuttavia tutto ciò non viene mai anticipato per non rovinare la lettura al lettore.

 

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''CHI PERDE PAGA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Chi perde paga''

La tematica principale è quella riguardante i problemi sociali e soprattutto finanziari (come in “Mr.Mercedes” ).

Qui si parla soprattutto della disoccupazione e della recessione, che ha portato numerosa gente ( anche con una famiglia) ad avere gravissimi problemi economici.

Come accade alla famiglia di uno dei personaggi. Di solito queste persone non riescono ad essere felici neanche in famiglia, perché molto spesso le persone disoccupate sono anche frustrate e sfogano la loro frustrazione soprattutto con i loro familiari (moglie e figli).

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

Il secondo tema importante è quello degli stupri e delle violenze che quasi sempre accadono nel carcere, in particolare tra coloro che sono lì già da un po' di tempo e gli uomini o le donne che sono appena arrivati.

Tutto questo quasi sempre accade senza che le guardie carcerarie o i secondini facciano qualcosa (anche se non sempre dipende tutto da loro) per impedire che accadano queste brutalità.

 

COMMENTO DEL LIBRO ''CHI PERDE PAGA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Chi perde paga''

Questo è il secondo romanzo della trilogia di Mr. Mercedes ed è anche il secondo romanzo che leggo, negli ultimi anni, di Stephen King.

Per quasi tre quarti del romanzo vediamo che le vicende sono sviluppate su quelli che possono essere considerati due piani: quello che accade nei flashback che arrivano anche al 1978 e quello che accade invece nel presente.

La prima parte stenta un po' a decollare, ma in seguito la suspense aumenta e grazie anche ad essa l'interesse del lettore sono totalmente catturati fino alla fine del romanzo.

Questo nonostante il fatto che purtroppo il colpevole si scopre fin dall'inizio e quindi il lettore non può mettere alla prova la sua capacità di scoprire chi è il colpevole insieme a coloro che svolgono le indagini.

Io preferisco decisamente quando i romanzi sono “strutturati” in quel modo, tuttavia questo libro mi ha coinvolto così tanto che l'ho letto in pochissimo tempo e leggerò anche il seguito.

Anche in questo romanzo si può notare la tecnica dei due punti di vista. Questa cosa la vediamo anche nei libri: “Epidemia”, “Sguardo cieco” , “Genesi” , “a tile="Recensione "Quale verità" (Libro di Anne Holt)"""""Quale verità” , “La bambina dagli occhi di ghiaccio” , “La ricetta dell'assassino” , “Il sangue dell'altra” , “Anatomia di un incubo” , “Il ricatto” , “L'unico figlio” , “Il predatore” , “La casa delle anime morte” , “Le piace la musica, le piace ballare” e “a tile="Recensione "Il poeta è tornato" (Libro di Michael Connelly)"""""Il poeta è tornato” .

“Per un lettore, una delle rivelazioni più elettrizzanti della vita è quella di essere davvero tale. Non in grado di leggere..., ma incapace di smettere perché catturato da un amore folle”.

 

+9k Lucia Raso

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Chi perde paga''Indice dell'Analisi del Libro ''Chi perde paga''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare