Recensione ''Caduta libera'' (Libro di Nicolai Lilin, pseudonimo di Nicolaj Veržbickij) - 5.0 out of 5 based on 12 votes

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Caduta libera''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Caduta libera”.
  • Titolo originale: "Caduta libera".
  • Autore: Nicolai Lilin; 
  • Nazionalità Autore: Russo, nazionalizzato italiano; 
  • Data di Pubblicazione: 2010; 
  • Editore: Einaudi (collana Supercoralli); 
  • Genere: Cronache di guerra; 
  • Pagine: 326 p.; 
  • Voto del Pubblico (IBS): 4,2 su 5

 

DOVE COMPRARLO

 

Recensione del Libro “Caduta libera” di Nicolai Lilin del 2010, genere Romanzo e cronache di guerra. Evidenzieremo il riassunto del libro “Caduta libera”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Caduta libera” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''CADUTA LIBERA'': 

Nicolai Lilin, pseudonimo di Nicolaj Veržbickij (nome riportato nell’anagrafe italiana), è nato il 12 febbraio del 1980 nella città di Bender in Transnistria, uno stato non riconosciuto dall’Onu.

La Transnistria attualmente appartiene alla Moldavia ma nel 1980, ai tempi della nascita di Nicolai, faceva parte dell’URSS.

Lo pseudonimo Lilin è stato dall’autore come omaggio alla madre, Lilia. In russo infatti Lilin significa “di Lilia”. Questa scelta riflette il forte attaccamento dell’autore alla sua famiglia.

Gli antenati di Nicolai erano esploratori, fuorilegge e cacciatori siberiani che, dopo la rivoluzione comunista del 1917 furono costretti a rifugiarsi in Trasnistria per sfuggire alle persecuzioni in quanto accusati di brigantaggio.

Nicolai si è trasferito in Italia nel 2004, prima in Piemonte tra Torino e Cuneo. Attualmente vive e lavora a Milano.

Nel 2009 ha pubblicato il suo romanzo d’esordio, “Educazione siberiana”, scritto direttamente in lingua italiana e diventato ben presto un caso editoriale.

Educazione siberiana è stato tradotto in ventiquattro lingue ma, su esplicita richiesta dell’autore, non in russo. Alcuni sostengono che questa scelta sia motivata dal fatto che i riferimenti storici del libro non siano riscontrabili nelle bibliografie dei paesi russofoni.

Nel 2010 il nuovo romanzo, “Caduta libera”, vince il Premio Minerva per la “Letteratura di impegno civile” e il premio “La Magna Capitana” di Foggia. Infine nel 2011 Nicolai chiude la trilogia ispirata alle storie di vita vissuta dall’autore con “Il respiro del buio”.

Tra le numerose attività dell’autore vanno ricordate quelle legate all’arte e alla tradizione del disegno e della simbologia del tatuaggio siberiano. Nel 2013 infatti ha fondato un laboratorio di disegno e tatuaggio a Solesino, in provincia di Padova.

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''CADUTA LIBERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Caduta libera''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Il romanzo ha inizio a Bender, dove vive il protagonista allora diciottenne Nicolai. Tutti i piani che aveva fatto per la sua vita vengono improvvisamente messi in discussione da una semplice lettera, che lo convoca per l’arruolamento.

Convinto che ci sia uno sbaglio Nicolai si dirige immediatamente al comando senza nemmeno cambiarsi le pantofole in modo da poter risolvere l’equivoco.

Sfortunatamente per lui la burocrazia sembra del tutto sorda alle sue proteste. Il suo insistere ha l’unico risultato di scatenare l’ira del colonnello che infuriato lo assegna ai sabotatori, l’unità impiegata per le azioni più cruente in posizione avanzata.

In attesa del momento giusto per fuggire Nicolai si comporta da perfetto soldato per non destare sospetti. La sera che decide di abbandonare il campo di addestramento trova sulla sua strada il Tenente istruttore.

Invece di consegnarlo alla polizia militare il tenente gli offre la possibilità di restare per altre due settimane facendo servizio nel carcere militare.

L’esperienza convince Nicolai a non tentare di nuovo la fuga e la sua bravura con le armi, appresa andando a caccia in Siberia col nonno, gli valgono presto il ruolo di cecchino.

Dall’addestramento viene catapultato in pochi giorni sul campo, nella squadra del capitano Ivanič Nosov. Per fargli prendere famigliarità con la morte viene assegnato per qualche giorno alle squadre che si occupano di recuperare i cadaveri.

Dopo quel breve periodo comincia a partecipare alle azioni, dove le sue capacità di cecchino si rivelano preziose. Ben presto si instaura un grande senso di fratellanza con i membri della sua unità, che vengono tutti chiamati con un soprannome fatta eccezione per il capitano.

I sabotatori sono un corpo speciale delle truppe d’assalto che viene impiegato nelle azioni militari a sostegno delle prime linee. Dunque le azioni a cui Nicolai prende parte sono molto varie, e richiedono ogni volta l’utilizzo di tecniche e armi diverse che vengono minuziosamente descritte.

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''CADUTA LIBERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Caduta libera''

-Nicolai: protagonista e autore del romanzo, nel quale viene spesso chiamato Kolima. Avendo ricevuto un’educazione fuori dal comune, quella siberiana, si ritrova ad affrontare il servizio militare in uno stato d’animo ben diverso da quello dei suoi coetanei.

Non è spaventato ne eccitato, ma semplicemente consapevole di quello che gli sta accadendo: la perdita della propria libertà individuale. Sa bene che la guerra non è ciò che viene mostrato nella propaganda.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

-Tenente Maggiore Zabelin: istruttore delle reclute dei sabotatori. Un personaggio malinconico, che non cerca di nascondere ai ragazzi gli orrori a cui stanno andando incontro.

Ben presto comincia a prendere in simpatia Nicolai e non solo non lo consegna al carcere militare quando potrebbe ma riesce a convincerlo ad affrontare quell’esperienza senza prendere pericolose scorciatoie.

-Capitano Ivanič Nosov: il carismatico comandante del gruppo di sabotatori di cui Nicolai entra a far parte. Veterano della guerra in Afghanistan è un saldo punto di riferimento per tutti i ragazzi della sua squadra.

-Scarpa: il suo vero nome è Viktor ed è così chiamato per il fatto di non volersi mai togliere le scarpe, nonostante questo gli provochi diversi rimproveri da parte del capitano.

-Zenit: il suo vero nome è Aleksandr ed è così chiamato dal nome dell'omonima squadra di calcio, per via della sua passione per questo sport e per quella particolare squadra.

-Mestolo: il suo vero nome è Roman ma è così chiamato per via dell'assonanza del suo cognome con la parola che in russo vuol dire mestolo.

-Mosca: il suo vero nome è Paša, è il più anziano del gruppo di sabotatori, ed è così chiamato per via della sua città di provenienza.

-Cervo: il suo vero nome è Ženja ed è così chiamato per via della sua abilità nella caccia, infatti anche lui ha origini siberiane come Nicolai.

 

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''CADUTA LIBERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Caduta libera''

Fatta eccezione per la parte iniziale e finale del romanzo, entrambe ambientate nella città di Bender in cui è nato Nicolai, “Caduta libera” è ambientato interamente in Cecenia, nel Caucaso Settentrionale.

Tutto il romanzo è ambientato in sedi militari o diversi territori di guerra, a cominciare dalla caserma di Bender in cui Nicolai si dirige quando riceve la lettera di arruolamento.

Dopo una breve descrizione del campo di addestramento, dove Nicolai rimane solo per poche settimane, si viene immediatamente catapultati sul campo di battaglia insieme al protagonista.

L’ambientazioni delle battaglie cambiano completamente da un capitolo all’altro andando da edifici abbandonati di città fantasma a scoscesi fianchi di montagna.

 

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''CADUTA LIBERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Caduta libera''

Il romanzo “Caduta libera” narra vicende avvenute durante la Seconda guerra cecena, meglio nota nella sua fase più recente come Guerra nel Caucaso Settentrionale.

Tale campagna è stata lanciata l’agosto del 1999 in territorio ceceno dall'esercito della Federazione russa, per riconquistare il controllo dei territori conquistati dai separatisti ceceni durante la Prima guerra Cecena.

Il romanzo copre un arco di due anni, ossia tutto il periodo di leva del protagonista. Inizia riprendendo il capitolo conclusivo di “Educazione siberiana” nel quale Nicolai viene arruolato.

Le singole battaglie non sono datate con precisione, proprio come non viene specificato il nome esatto del luogo.

 

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''CADUTA LIBERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Caduta libera''

Proprio come nel romanzo “Educazione siberiana” lo stile di Lilin è diretto e inconfondibile.

Racconta gli avvenimenti così come sono, lasciandoli liberi da interpretazioni personali dando così una sensazione di concretezza che si adatta splendidamente al contenuto della narrazione.

È uno stile quasi confidenziale, che cerca di ricostruire con la stessa cura l’ambiente circostante così come le sensazioni dell’autore nel loro stato naturale, così com’erano quando le ha vissute.

 

NARRATORE DEL LIBRO ''CADUTA LIBERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Caduta libera''

Il romanzo “Caduta libera” è la cronaca di una guerra narrata in prima persona al passato. Il protagonista del romanzo e il narratore sono la stessa persona.

Questo crea un contatto diretto tra il lettore e le esperienze del protagonista, quasi come se si fosse accanto a lui mentre passo dopo passo rivive le esperienze della guerra.

 

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''CADUTA LIBERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Caduta libera''

Caduta libera” è un romanzo apolitico, privo di interpretazioni etiche e morali. Non è un saggio storico ma bensì la cronaca di una guerra così come viene vissuta da un singolo uomo.

Il tema centrale del romanzo non è una condanna alla guerra cecena ma la descrizione delle sensazioni, della perdita dell’equilibrio e dei cambiamenti che avvengono nell’essere umano quando viene spinto ai limiti dell’etica e della morale.

Essendo un romanzo costruito con particolari veri, è impossibile prendere le distanze dalla profonda riflessione sulla natura umana che viene proposta.

Per accettare gli orrori che li circondano le persone si trasformano, seppelliscono aspetti della propria personalità per lasciarne prevale altri, quelli che gli permetteranno di sopravvivere.

Osservando la guerra da lontano, attraverso articoli di giornale e documentari, è facile prendere posizione. Attraverso le pagine del romanzo il lettore attraversa le guerra a fianco dei soldati e tutto viene mostrato senza il filtro della morale quotidiana.

Orrori e oscenità impensabili diventano una manifestazione del senso di sbandamento si alternano in maniera caotica ad atti di onestà e semplice solidarietà umana.

Caduta libera” non impone un punto di vista, non è una riflessione ma semplicemente un materiale neutro sul quale è impossibile non soffermarsi a riflettere liberi di crearsi un’opinione personale libera da giudizi esterni.

 

COMMENTO DEL LIBRO ''CADUTA LIBERA'': Indice dell'Analisi del Libro ''Caduta libera''

Caduta libera” è uno delle più recenti cronache di guerra scritte in Italia, la sua natura sincera e neutra lo rendono senza dubbio un romanzo unico.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

Sebbene sia considerato il secondo libro della cosiddetta “Trilogia siberiana” non presenta riferimenti al libro che lo precede “Educazione siberiana” e non lascia questioni in sospeso o grandi interrogativi. È dunque un esaustivo romanzo autoconclusivo.

Sebbene gli avvenimenti in guerra siano caotici e disordinati la narrazione procede con una sua logica, quasi come se si volesse imporre uno schema definito che permetta di seguire un filo logico altrimenti difficilmente visibile.

È un romanzo che colpisce grazie alla sua concretezza e sincerità. Non enfatizzando gli orrori della guerra ma nemmeno trascurando i dettagli, anche i più disumani, riesce a creare un quadro capace di catturare l’attenzione del lettore indipendentemente dalla sua sensibilità

Non vuole essere un romanzo storico, non è stato scritto per istruire sui fatti realmente accaduti. Lo scopo del romanzo è cogliere l’essenza umana quando viene portata all’estremo e in questo riesce ad ottenere splendidamente il suo scopo.

Vista la natura del romanzo durante la lettura si ha la tentazione di divorare le pagine, coinvolti dall’azione. Tuttavia la narrazione assume un livello maggiore di profondità quando si riesce a prendere il tempo per analizzare le sensazioni vissute tra le righe.

 

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Caduta libera''Indice dell'Analisi del Libro ''Caduta libera''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare