Recensione ''Caterina de' Medici'' (Libro di Jean Orieux) - 5.0 out of 5 based on 8 votes

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Caterina de' Medici''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Caterina de' Medici”.
  • Titolo originale: "Catherine de Médicis ou la Reine noire".
  • Autore: Jean Orieux;
  • Nazionalità Autore: Francese;
  • Data di Pubblicazione: per la prima volta in Francia nel 1986 presso l'editore Flammarion e nel 1987 in Italia presso Mondadori;
  • Editore: Mondadori (Oscar storia);
  • Genere: Biografia;
  • Pagine: 756 p.,
  • Voto del Pubblico (IBS): 4.87 su 5.

 

DOVE COMPRARLO:

 

Recensione del Libro “Caterina de' Medici” di Jean Orieux del 1986, genere Biografie. Evidenzieremo il riassunto del libro “Caterina de' Medici”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Caterina de' Medici” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''CATERINA DE' MEDICI'':

Jean Orieux nasce il 20 maggio 1907 a Duras, da François Frédéric Orieux e Ismaela Jacques.

La famiglia è modesta, Jean cresce a Duras fino al trasferimento della famiglia nel 1918 a Bordeaux, dove frequenta il liceo.

Nel 1925 entra all'École normale d'instituteurs, scuola che forma i futuri insegnanti.

Tra il 1927 e il 1931 prosegue gli studi all'École normale supérieure de Saint-Cloud e consegue la laurea in Filosofia alla Sorbona.

Dal 1931 al 1937 insegna Lettere, poi viene nominato ispettore per l'istruzione elementare e svolge il suo lavoro anche in Algeria.

Continua la sua carriera nell'insegnamento tra l'Africa e la Francia.

A partire dal 1965 si dedica esclusivamente al lavoro di scrittore. Tra il 1944 e il 1986 ha pubblicato 23 libri tra romanzi, biografie, racconti. Nel periodo in cui era ispettore scolastico ha inoltre contribuito alla scrittura di libri di testo.

Inizia a scrivere negli anni '40, forse influenzato dall'esperienza della guerra. Negli anni '50 si dedica al genere biografico, grande successo riscossero le biografie di Talleyrand, Voltaire e La Fontaine

Ha ricevuto numerosi premi per il suo lavoro, compreso il premio Paul Morand dall'Académie Française nel 1986, a coronamento di tutto il suo lavoro. Si è spento, molto malato, nel 1990.

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''CATERINA DE' MEDICI'': Indice dell'Analisi del Libro ''Caterina de' Medici''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Il libro racconta la vita di Caterina de' Medici, chiamata dai suoi detrattori contemporanei e non la regina nera. Le si attribuiscono i classici caratteri dell'italiana intrigante del Rinascimento, con tanto di avvelenamenti.

La biografia scritta da Orieux ha l'intento di fare chiarezza, in linea con la tendenza storiografica del XX secolo che, documenti e testimonianze contemporanee alla mano, ha riabilitato la regina.

Caterina è la figlia del duca di Urbino Lorenzo de' Medici (nipote di Lorenzo il Magnifico) e della principessa francese Madeleine de la Tour d'Auvergne, sorella della contessa Anne d'Auvergne, ricchissima ed influente tra i nobili francesi.

I genitori di Caterina muoiono a breve distanza dalla sua nascita, lasciandola orfana e duchessa di Urbino.

Qualche anno dopo suo zio diventa Papa col nome di Clemente VII e comincia a lavorare per dare un degno marito alla piccola ereditiera.

All'età di otto anni viene presa in ostaggio dai fiorentini in seguito al sacco di Roma che aveva portato alla prigionia di Papa Clemente. Questo avvenimento e i rischi per la sua incolumità la segneranno profondamente.

In seguito riesce a raggiungere Roma, dove cresce con lo zio pontefice e coi cugini. La poltica matrimoniale del Papa ha successo e Caterina viene promessa ad Enrico, secondogenito del re di Francia Francesco I.

Il sovrano ha bisogno dell'alleanza matrimoniale coi Medici perchè la dote di Caterina è cospicua e può dare sollievo ai conti perennemente in rosso della casa dei Valois. Il pensiero che un principe della casa reale, anche se non erede al trono, sposi una persona non nobile, crea scandalo e disappunto nei componenti della corte.

L'ostilità data dal suo rango considerato troppo basso accompagnerà Caterina per tutta la vita, assieme ad appellativi quali la figlia del banchiere, la bottegaia e via dicendo.

La giovane instaura un buon rapporto col suocero, che la stima, e si innamora perdutamente del marito Enrico, sopportando le umiliazioni del conclamato affaire extraconiugale di Enrico con Diana di Poitiers.

L'ascesa al trono di Enrico in seguito alla morte del fratello rende Caterina regina di Francia, ma non per questo è meno invisa a nobili e popolo. Caterina è capacissima di seguire le vicende politiche del regno e dopo la morte del marito governa con grande intelligenza come reggente dei figli Francesco, Carlo ed Enrico.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

Adora i propri figli come adorava il loro padre, è una madre possessiva, farebbe di tutto per proteggere il sangue dei Valois che per lei è sacro e rappresenta la regalità.

Nel corso della sua reggenza si trova a fronteggiare i problemi delle continue guerre di religione, che cerca di risolvere facendo ricorso alla diplomazia e a metodi probabilmete più borghesi che regali.

Cerca sempre il compromesso evitando se possibile l'uso della forza. Per circa vent'anni l'odiata italiana governa in Francia, con una saggezza e un impegno che non le sono stati riconosciuti dagli storici e dall'opinione pubblica dei secoli passati.

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''CATERINA DE' MEDICI'': Indice dell'Analisi del Libro ''Caterina de' Medici''

Caterina de' Medici: è un personaggio davvero interessante e ricco di sfumature. Molto superstiziosa, come la maggior parte dei suoi contemporanei consultava spesso gli astrologi, infatti conosceva molto bene Nostradamus che le svelò diverse profezie sulla sua vita.

Grande appassionata di cibo, da sempre tese alla pinguedine ma si appesantì molto nel corso degli anni. Introdusse alla corte francese il gusto per la cucina rinascimentale italiana. Introdusse inoltre le mutande per motivi di praticità, dato che amava molto cavalcare.

Non era bella ma affascinava con la sua cultura molto vasta che spaziava dalla letteratura e lingua greca e latina alle scienze matematiche. Inizialmente non resta incinta, e la potente famiglia Guisa, molto vicina alla famiglia reale, ne proprone il ripudio.

Nonostante lo scampato pericolo Caterina non perdonerà mai i membri di questa famiglia con cui avrà poi a che fare anche in seguito come regina madre quando scoppieranno le guerre di religione. In lei, sempre pronta a patteggiare coi nemici, si radica un odio senza pari per i Guisa,che ritiene capaci di privare del trono i suoi figli.

Enrico II di Valois: marito di Caterina, da bambino fu tenuto prigioniero per tre anni assieme al fratello maggiore Francesco dall'imperatore Carlo V. Nella battaglia di Pavia del 1525 era stato fatto prigioniero il re Francesco I, al quale era stata restituita la libertà a patto che i suoi figli prendessero il suo posto.

Entrambi rimasero segnati a vita dalla prigionia. Divenne un ragazzo riservato, spesso malinconico, dedito allo sport, che sublimò lo spirito cavalleresco in un amore incrollabile per la grande siniscalco Diana di Poitiers.

A modo suo amò anche la moglie Caterina, che gli era straordinariamente devota. Ne riconosceva la dolcezza, la'intelligenza e la cultura, ma soprattutto la dote di scendere a compromessi.

Diana di Poitiers: vedova del Gran Siniscalco Luigi di Brezè, figura influente nella vita di Enrico II e anche in quella di Caterina, che dovette accettarne la presenza. Donna intelligente, apprezzata per la bellezza composta e algida.

La passione di Enrico per Diana iniziò all'indomani del ritorno in patria del principe, ma assunse le forme dell'adorazione platonica di un cavaliere nei confronti di una dama, anzi di una Dea, come lui la definiva. Diana fu sempre fedele al marito e solo dopo la morte del Siniscalco cominciò la relazione carnale con Enrico.

Nonostante fosse molto più grande di lui si mantenne sempre molto bella e riuscì con della cure cosmetiche costanti a dimostrare molti meno anni di quelli che aveva, arrivando ai 50 con l'aspetto di una trentenne. In seguito alla morte di Enrico fu allontanata dalla corte e le fu permesso di ritirarsi nei suoi castelli in provincia.

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

Altra conferma del fatto che Caterina non fu come la dipinsero gli storici ottocenteschi sta proprio nel fatto che non si rivalse in alcun modo nei confronti della donna che reputava responsabile di averle rubato il marito.

Enrico III di Valois: terzogenito di Caterina ed Enrico, definito dall'autore il più fiorentino dei figli di Caterina, il più bello e il pù amato. Successe ai due deboli e cagionevoli fratelli Francesco II e Carlo IX, sempre sotto la guida della madre.

Prima di diventare sovrano di Francia era stato eletto re di Polonia, ma aveva suscitato il malcontento dei suoi sudditi, che non ne tollervano l'amore per lo sfarzo alternato alle manie di penitenza religosa che fanno sospettare un precario equilibrio mentale del giovane.

Margherita di Valois: la famosa Reine Margot del romanzo di Dumas. Per tutta la vita ebbe un rapporto complicato con la madre, misto di timore e ammirazione. Sposò l'erede al trono di Navarra Enrico, di fede ugonotta, sempre nell'ottica di una politica di conciliazione tra le fazioni cattolica e protestante francesi.

La sua posizione per questo fu spesso scomoda, oscillante tra la fedeltà agli interessi del marito poi salito al trono di Navarra e quella agli interessi della famiglia d'origine. Colta, bella e ambiziosa, ebbe numerosi amanti. Il suo matrimonio con Enrico venne annullato dopo l'ascesa di Enrico al trono di Francia.

 

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''CATERINA DE' MEDICI'': Indice dell'Analisi del Libro ''Caterina de' Medici''

Il libro si apre con la nascita di Caterina nel palazzo Medici Riccardi di Firenze. Troviamo brevemente la bambina rifugiata presso il convento delle Murate sempre a Firenze.

L'ambientazione si sposta con la protagonista a Roma, dove Caterina troverà rifugio presso la corte papale dello zio Papa Clemente VII., dove vivrà fino all'età di quattordici anni.

Dopo il matrimonio con Enrico la giovane fiorentina si trasferisce in Francia. La sua vita da questo momento è un continuo viaggio dato che la corte francese continua la tradizione delle monarchie feudali medievali la cui corte era itinerante e viaggiava per lo stato spostandosi tra le varie città importanti per l'amministrazione.

Dopo il matrimonio a Marsiglia la corte torna a Parigi, al Louvre. Caterina costruisce negli anni della reggenza alcuni splendidi palazzi, a cominciare dalle Tuileries. Muore nel Castello di Blois, come le era stato predetto da Nostradamus.

 

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''CATERINA DE' MEDICI'': Indice dell'Analisi del Libro ''Caterina de' Medici''

La narrazione si apre nel 1519 con la nascita di Caterina, con un breve flashback che da maggiori informazioni sul matrimonio dei suoi genitori Lorenzo Duca d'Urbino e Madeliene de la Tour d'Auvergne nel 1518.

Nel 1533 Caterina sposa Enrico di Valois che nel 1536 diventa Delfino in seguito alla morte del fratello Francesco. Altra data fondamentale è il 1544, nascita del suo primogenito Francesco.

Dopo la morte del marito Enrico nel 1559 Caterina assume la reggenza e governa la Francia per quasi trent'anni, cercando di districarsi nelle complicate vicende delle guerre di religione. Caterina muore nel 1589, seguita qualche mese dopo dal figlio Enrico.

 

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''CATERINA DE' MEDICI'': Indice dell'Analisi del Libro ''Caterina de' Medici''

Il libro si legge in maniera scorrevole, il fatto che sia scritto da un romanziere e non da uno storico di professiore da un lato lo rende più comprensibile da parte di un pubblico di non addetti ai lavori, dall'altro risulta a volte impreciso nelle date e nei nomi ed eccessivamente semplicistico nell racconto di situazioni storiche complesse, in certi punti risulta addirittura confusionario con repentini salti nel passato.

 

NARRATORE DEL LIBRO ''CATERINA DE' MEDICI'': Indice dell'Analisi del Libro ''Caterina de' Medici''

Il narratore è esterno, riporta gli eventi in massima parte in ordine cronologico, ma spesso si aprono parentesi temporali che precedono l'avvenimento narrato. Spesso l'autore interviene con commenti personali abbastanza ingenui e fuori luogo, giudicando con occhi moderni situazioni del passato senza tenere in conto la mentalità dell'epoca.

 

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''CATERINA DE' MEDICI'': Indice dell'Analisi del Libro ''Caterina de' Medici''

Le tematiche trattate in questa biografia sono tante e caratteristiche della prima età moderna. Prima di tutto veniamo introdotti nel mondo dell'Italia rinascimentale e dei suoi innumerevoli staterelli governati dai signori sempre in lotta tra di loro.

All'interno di queste lotte si sviluppano le mire espansionistiche degli stati nazionali proprio nel periodo in cui le monarchie si rafforzano a scapito della componente feudale.

Proprio le mire sull'Italia da parte del re di Francia sono il motivo dell'allaenza matrimoniale con i Medici. Negli anni francesi di Caterina vediamo i continui giochi di forza tra la monarchia dei Valois e l'aristocrazia feudale.

Sono anche gli anni dell'affermazione delle idee di Lutero in tutta Europa. Anche in seno alla corte francese si formano presto due fazioni che lottano non solo per l'affermazione dell'una o dell'altra confessione religiosa ma anche per la conquista dell'influenza sul sovrano e quindi del potere che si traduceva in concessioni territoriali e cariche.

Fondamentale anche il tema della regalità molto caro a Caterina, che si battè furiosamente per mantenere i Valois sul trono, considerando un suo dovere non far estinguere il sangue reale di San Luigi, considerato sacro. Le continue lotte che Caterina dovette affrontare come reggente rendono l'idea del precario equilibrio di forze su cui si fondava la monarchia nel XVI secolo.

 

COMMENTO DEL LIBRO ''CATERINA DE' MEDICI'': Indice dell'Analisi del Libro ''Caterina de' Medici''

Ritengo che un libro del genere, nonostante le numerose pecche dal punto di visto storico sia importante, specialmente alla luce del fatto che da qualche tempo viene trasmessa dall'emittente CW negli Stati Uniti e ovviamente circola anche in Italia una serie tv intitolata Reign, che tratta della vita di Mary Stuart, regina di Scozia.

Mary era promessa fin da bambina a Francesco, figlio di Caterina ed Enrico, e crebbe alla corte francese sposandosi poi col Delfino e salendo brevemente al trono assieme a lui.

Il telefim quindi descrive tutti i personaggi che si muovono in questo libro, travisandoli completamente e stravolgendo gli avvenimenti, vedendo tutto in un'ottica che sembra quella dei romanzi di Dumas, con intrighi e avvelenamenti.

Ritengo che la lettura di questo libro, adatto a chi abbia anche solo una minima infarinatura di storia moderna, possa essere utile non so per chi voglia scoprire come sia realmente andata, ma soprattutto per chi desideri comprendere chi veramente fu Caterina senza la leggenda nera che l'Ottocento le ha cucito addosso e che voglia conoscerne il lato materno, il lato diplomatico fino allo stremo, il lato goloso, quello ludico e quello superstizioso, e perché no, anche perc vedere come un francese vede l'Italia e gli italiani del 1500.

Il libro ha il grande pregio di divulgare presso un pubblico più vasto la linea storiografica novecentesca che ha completamente rivalutato Caterina riconoscendone il ruolo fondamentale nel conservare l'unità della corona frnacese nel periodo turbolento delle guerre di religione.

 

Carla Biolchini

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Caterina de' Medici''Indice dell'Analisi del Libro ''Caterina de' Medici''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare