Recensione ''Addio alle armi'' (Libro di Ernest Hemingway) - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Addio alle armi''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Addio alle armi”.
  • Titolo originale: "A farewell to Arms".
  • Autore: Ernest Hemingway; 
  • Nazionalità Autore: Americana; 
  • Data di Pubblicazione: 1929; 
  • Editore: Oscar Mondadori; 
  • Genere: Classico; 
  • Pagine: 325 pagine; 
  • Voto del Pubblico (IBS): 5 su 5

 

DOVE COMPRARLO

Recensione del Libro “Addio alle armi” di Ernest Hemingway del 1929, genere Classico. Evidenzieremo il riassunto del libro “Addio alle armi", l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Addio alle armi” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''ADDIO ALLE ARMI'': 

Ernest Miller Hemingway fu un grande scrittore statunitense, autore di romanzi indimenticabili e vincitore del Premio Nobel per la Letteratura nel 1954.

Nacque nel 1899 vicino Chicago; il padre, un medico, lo avvicinò prestissimo alla natura e lo scrittore mantenne sempre immutato un grande amore per la vita all'aria aperta, la caccia e la pesca.

Iniziò prestissimo a lavorare per alcuni quotidiani locali finchè, scoppiata la Prima Guerra Mondiale ed entrati in guerra gli Stati Uniti, non fece domanda per essere mandato sul fronte. Fu assegnato come autista di ambulanze al fronte italiano e qui, nel corso di un attacco, venne ferito seriamente ad una gamba.

Fu mandato a Milano per essere operato, rimanendo alcuni mesi in convalescenza e conoscendo un'infermiera statunitense, Agnes von Kurowsky, con la quale visse un'intensa storia d'amore, ma che non volle poi sposare il futuro scrittore. Le vicende sono ricordate con profonda partecipazione nel romanzo “Addio alle Armi”, dove la figura di Agnes viene trasformata in quella di Catherine.

Rientrato in America si dedicò alla carriera giornalistica, che lo portò, negli anni venti, a trasferirsi in Europa, in particolare a Parigi, dove soggiornò a lungo e conobbe i maggiori rappresentanti culturali di quegli anni. Dopo avere scritto alcuni racconti di successo, alla fine degli anni venti Hemingway diede alle stampe i suoi primi grandi romanzi come “Fiesta” e “Addio alle armi”.

Negli anni successivi lo scrittore continuò a viaggiare molto – sarà più volte anche a Cuba e nel continente africano – ed a scrivere racconti. Con la sua barca Pilar compirà numerosissime traversate e battute di pesca, alle volte anche rischiando apurosi incidenti.

Del 1934 è “Verdi colline d'Africa”; seguiranno “Avere e non avere”(1937), “Per chi suona la campana”(1940), di sicuro il suo romanzo più celebre, “Il vecchio e il mare” (1952) con cui vinse nel 1953 il Premio Pulitzer. L'anno seguente gli venne assegnato il Premio Nobel per la Letteratura.

Lo scrittore visse un'esistenza avventurosa e movimentata, degna di essere oggetto di uno dei suoi romanzi, ma negli ultimi anni della sua vita iniziò a soffrire di crisi depressive sempre più forti che lo condussero nel 1961, dopo alcuni tentativi non riusciti, a suicidarsi con un colpo di fucile.

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''ADDIO ALLE ARMI'': Indice dell'Analisi del Libro ''Addio alle armi''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Romanzo dolce e amaro al tempo stesso, narra la storia di un amore intenso e tragico, quello fra Frederic Henry, il narratore, e la bella Catherine, al tempo della Prima Guerra Mondiale e della drammatica disfatta di Caporetto.

L'assurdità di questa guerra e il dolore di un popolo coinvolgeranno in un vortice spaventoso anche Henry, soldato americano che combatte sul fronte italiano, e Catherine, infermiera inglese che lavora in un Ospedale Militare.

I due si conoscono e s'innamorano e il loro amore cresce quando si ritrovano in un Ospedale di Milano dove Henry viene ricoverato per una ferita riportata durante un attacco austriaco e dove Catherine si fa trasferire per stargli accanto. I due sono inseparabili ed innamoratissimi e Milano appare bellissima agli occhi del soldato che, nella sua lenta convalescenza, può passeggiarvi con la su Catherine.

Ma il fronte non è poi così lontano ed Henry deve farvi ritorno per assistere ad uno degli eventi più drammatici non solo della guerra, ma della sua stessa vita: la disfatta di Caporetto. La ritirata disordinata e precipitosa dell'esercito italiano travolge anche Henry, ormai stanco e disgustato dalla rovina alla quale sta assistendo; il giovane decide di abbandonare tutto, fuggire e tornare nell'unico porto sicuro che conosce: le braccia della sua Catherine.

Dopo una fuga avventurosa giunge così nuovamente dalla ragazza, che attende felice e fiduciosa nel futuro il loro bambino. I due decidono allora di fuggire insieme in Svizzera, devono proteggere il loro bambino e aspettare la sua nascita ed in Italia Henry non è più al sicuro avendo abbandonato il fronte e rischiando ad ogni passo di essere arrestato.

Ma la tragedia di un popolo è anche la loro tragedia e il destino, che concederà loro soltanto una tregua passeggera, li attenderà nell'Ospedale in cui Catherine andrà a partorire.

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''ADDIO ALLE ARMI'': Indice dell'Analisi del Libro ''Addio alle armi''

I personaggi più importanti del libro, per la particolare caratteristica della narrazione – molto intimistica ed introspettiva – sono sostanzialmente i due protagonisti, Henry e Catherine.

- Frederic Henry, protagonista e narratore del romanzo, adombra in verità Hemingway stesso e quelli che sono narrati sono in gran parte i ricordi di guerra dello scrittore. Americano in servizio sul fronte italiano durante la Prima Guerra Mondiale, Henry conosce l'infermiera inglese Catherine Barkley e se ne innamora perdutamente al punto che, dopo la disfatta di Caporetto e dopo la fuga dal fronte, soltanto la ragazza costituirà il porto sicuro a cui il giovane Henry tenderà, ma sarà una sicurezza effimera.

- Catherine Barkley, infermiera inglese in servizio sui luoghi di guerra, incontra il soldato americano Henry e lo seguirà a Milano, nell'Ospedale in cui questi verrà ricoverato per una ferita riportata sui campi di guerra, per stargli vicino. Ciecamente innamorata di lui e ingenuamente fiduciosa nel futuro, la ragazza vivrà col soldato una grande storia d'amore e resterà incinta di lui.

Fra gli altri personaggi si possono ricordare

- Rinanldi, compagno d'armi italiano di Henry e suo grande amico, è lui a presentargli Catherine di cui, all'inizio del libro, è innamorato.

- Infermiera Van Campen, collega di Catherine è molto ostile ad Henry, con cui ha frequenti scontri verbali.

 

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''ADDIO ALLE ARMI'': Indice dell'Analisi del Libro ''Addio alle armi''

Il romanzo intreccia la storia d'amore fra Henry e Catherine con le vicende italiane della Prima Guerra Mondiale, in particolare con la disfatta di Caporetto alla quale il narratore assiste. Henry, infatti, pur essendo americano, combatte sul fronte italiano contro gli Austriaci, perciò gran parte della narrazione è ambientata sui luoghi di guerra, in Veneto e nelle zone limitrofe, in cui si svolsero gli eventi principali del conflitto.

Vi è, poi, la parte del romanzo ambientata a Milano, dove Henry viene trasportata per una ferita e dove ritrova Catherine, e in Svizzera, dove i due si rifugiano dopo la fuga di lui dal fronte.

 

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''ADDIO ALLE ARMI'': Indice dell'Analisi del Libro ''Addio alle armi''

Gli eventi principali si svolgono e sono strettamente legati alle vicende della Prima Guerra Mondiale, in particolare al momento cruciale della disfatta italiana di Caporetto che portò poi ad una riorganizzazione del nostro esercito che salvò l'esito della guerra. Pertanto il romanzo è ambientato sostanzialmente fra il 1917 ed i primissimi mesi del 1918, quando Catherine finalmente partorisce.

La disfatta di Caporetto (24 ottobre 1917), alla quale Henry assiste, e la successiva ritirata dell'esercito italiano si svolgono, infatti, nel triste autunno del 1917, ma il narratore e Catherine si erano conosciuti già prima, innamorandosi e ritrovandosi a Milano durante il ricovero di lui per una ferita.

 

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''ADDIO ALLE ARMI'': Indice dell'Analisi del Libro ''Addio alle armi''

Lo stile del romanzo è quello proprio di Hemingway: secco, incisivo, essenziale. Frasi brevi e abbondanza di punti, ma sono tutti pensieri perfetti che arrivano in fondo all'anima.

Anche i dialpoghi rispecchiano questo schema, non sono mai prolissi nè eccessivi, ma proprio per la loro brevità sono incredibilmente efficaci.

 

NARRATORE DEL LIBRO ''ADDIO ALLE ARMI'': Indice dell'Analisi del Libro ''Addio alle armi''

Il narratore è interno. Il romanzo non è altro che un lungo racconto ricco di impressioni e sensazioni con cui l'autore ci mette a conoscenza della sua storia, dei suoi pensieri, delle sue emozioni.

Leggere questo libro è calarsi letteralmente nell'anima del narratore, assaporandone tutte le sfumature; egli è pertanto onnisciente, conosce già nel suo intimo dove condurranno le parole, e tuttavia non anticipa nulla di quello che andrà a narrare.

 

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''ADDIO ALLE ARMI'': Indice dell'Analisi del Libro ''Addio alle armi''

Il romanzo è apparentemente semplice, ma in realtà è particolarmente profondo e complesso. La vicenda umana e privata di Frederic Henry va a sovrapporsi a quella dell'esercito italiano e, perchè no, dell'intero popolo. La disfatta di Caporetto non è soltanto la disfatta di un esercito, ma è anche la tragedia di un popolo e dello stesso Henry, che si trova coinvolto dagli eventi al punto da esserne quasi nauseato e tramortito e da decidere di fuggire.

Questa sorta di identificazione ideale fra l'uomo ed il popolo, questi destini sovrapposti costituiscono la tematica principale del libro il cui messaggio più vero è quello della condanna assoluta della guerra, vista come follia distruttrice.

Accanto a questo, vi è poi il tema dell'Amore – unica ancora di salvezza per Henry – che è rappresentato dalla devozione e dall'affetto cieco e incondizionato della dolce Catherine. Ma il finale è realisticamente amaro e quella che viene narrata non è una favola. L'Amore ha salvato il protagonista finchè è stato possibile, ma purtroppo non vincerà.

La narrazione della storia è necessariamente molto sentita da Hemingway che versa in essa le proprie esperienze personali. Anche l'autore, infatti, ha vissuto da vicino le brutture del conflitto, prestando servizio come autista di ambulanze sul fronte italiano, ed ha vissuto una storia d'amore, molto simile a quella narrata, per un'infermiera conosciuta nell'Ospedale in cui era stato ricoverato per una ferita subita sui campi di battaglia.

 

COMMENTO DEL LIBRO ''ADDIO ALLE ARMI'': Indice dell'Analisi del Libro ''Addio alle armi''

Il romanzo è drammaticamente bello. Un capolavoro assoluto del genio di Hemingway che vi riversò ricordi ed esperienze personali, prime fra tutte quella della Guerra e dell'amore, quello provato per una giovane infermiera conosciuta nell'Ospedale in cui, come il protagonista del libro, era stato ricoverato dopo essere stato ferito.

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

Una visione d'insieme su un momento tragico della Storia mondiale ed allo stesso tempo su un evento intimo qual è quello della storia d'amore fra Frederic Henry, il protagonista, e Catherine, la bella infermiera inglese.

Il romanzo lascia tracce di sè anche nel lettore più scettico ed in quello meno sentimentale, perchè non è, o meglio non è soltanto, una storia d'amore, ma è una storia di vita a 360 gradi, intesa come vita, amore e morte.

Non si legge tutto d'un fiato, per lo meno io non sono riuscita a farlo, ma ogni pagina induce alla riflessione allorchè narra delle giornate nelle trincee, dei pensieri che passano nella mente del protagonista quando si trova sui campi di battaglia, e quando narra dell'ingenua e fiduciosa speranza che anima la bella e innamorata Catherine. In definitiva è un romanzo che va decisamente letto e che vi apparirà bello, triste e indiscutibilmente indimenticabile.

 

+20k M.R.

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Addio alle armi''Indice dell'Analisi del Libro ''Addio alle armi''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Entra per commentare