Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Il gusto proibito dello zenzero''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Il gusto proibito dello zenzero”.
  • Titolo originale: "Hotel on the Corner of Bitter and Sweet".
  • Autore: Jamie Ford;
  • Nazionalità Autore: Americana; 
  • Data di Pubblicazione: 14 Gennaio 2010; 
  • Editore: Garzanti (collana Narratori moderni);
  • Genere: Romanzo rosa/contemporaneo; 
  • Pagine: 372p., rilegato; 
  • Voto del Pubblico (IBS): 4,19 su 5

 

DOVE COMPRARLO

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''IL GUSTO PROIBITO DELLO ZENZERO'': 

Jamie Ford è nato il 9 Luglio 1968, a Eureka, California, ma cresciuto a Ashland, Oregon, e Port Orchard e Seattle, Washington. Suo padre, nativo di Seattle, era di origine cinese, mentre la madre di Ford era di discendenza europea.

Il nome occidentale Ford viene dal suo bisnonno Min Chung (1850-1922), emigrato a Tonopah, Nevada nel 1865 e più tardi cambiò il suo nome in William Ford. La sua bisnonna, Loy Lee Ford, è stata la prima donna cinese ad avere una proprietà in Nevada.

Ford ha conseguito una laurea in Design presso l'Art Institute di Seattle e ha partecipato anche alla School of Visual Concepts di Seattle.

Ford ha sposato Leesha Procopio l’8 Agosto‘08 alle 20:08 a Ashland, Oregon (il numero otto è un numero fortunato cinese). Insieme hanno una famiglia numerosa che comprende sei adolescenti.

Jamie Ford è un autore americano, che ha scritto due libri di grande successo. È meglio conosciuto per il suo romanzo d'esordio, “Il gusto proibito dello zenzero”. Il libro ha ricevuto recensioni positive dopo il suo rilascio, ed è stato anche premiato come miglior libro "Narrativa Adulti" ai 2010 Asia / Pacifico americani Awards per la Letteratura.

Il 10 Settembre 2013, Ford ha pubblicato il suo secondo romanzo, “Come un fiore ribelle” che ha debuttato all’undicesimo posto nella classifica dei bestseller del New York Times.

Dopo l’uscita del libro, dalla stampa, ha ricevuto recensioni prevalentemente positive.

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''IL GUSTO PROIBITO DELLO ZENZERO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il gusto proibito dello zenzero''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

È il 1942 e in una prestigiosa scuola inglese di Seattle si incontrano due bambini, entrambi sono lì perché hanno vinto una borsa di studio, entrambi lavorano nella cucina della scuola, servono i pasti ai loro coetanei americani. Henry e Keiko sono emarginati da loro, perché diversi. Hanno la pelle gialla e gli occhi a mandorla.

Quando Henry conosce Keiko pensa che lei sia cinese come lui, e invece no. Keiko è una ragazzina giapponese. In realtà lei si definisce americana, di giapponese ha solo le origini. Sia Keiko che Henry sono nati lì, in America, ma per gli americani Henry è solo un cinese e Keiko è una nemica, soprattutto dopo Pearl Harbor.

Lei vive in una bella famiglia, piena d'amore e di cultura, lui invece vive in una casa dove regna sovrano il silenzio, tra un padre autoritario, fortemente nazionalista, e una madre che asseconda le volontà del marito. Il padre di Henry procura al figlio un distintivo con su scritto IO SONO CINESE, per far sì che non venga confuso coi giapponesi, nemici numero uno non solo degli americani, ma anche dei cinesi stessi. Henry cresce educato così, in un clima di forte nazionalismo, con un padre orgoglioso della scuola in cui è stato ammesso suo figlio, orgoglioso così tanto che non gli permette di parlare altro che inglese in casa. Peccato che i genitori di Henry parlino solo il cinese.

Henry vive isolato, ha solo un amico prima dell'arrivo di Keiko: Sheldon, un omone dal cuore d'oro che sta all'angolo della strada a suonare il sax. Henry ama ascoltarlo e ama quella nuova musica che riempie le strade e i locali di Seattle, il jazz. Anche il jazz non è approvato da suo padre, ma Henry lo ascolta comunque.

Quando conosce Keiko, non sa che fare. Lei è giapponese. È il nemico. Se solo suo padre sapesse che ha rivolto la parola a uno di loro sarebbe la fine. Henry fa tutto di nascosto. Keiko diventa in fretta la cosa più bella della sua vita, inizia ad accompagnarla a casa, addentrandosi addirittura nel quartiere giapponese. Escono insieme. Una sera vanno in un locale ad ascoltare il loro amico Sheldon ingaggiato dal grande jazzista Oscar Holden. Da quella sera Henry e Keiko avranno una loro canzone, che farà da colonna sonora a tutta la loro vita unendoli per sempre.

Passano i giorni e le settimane, Henry si chiede se è normale che il suo cuore batta così, quando è con lei. Un giorno va anche a pranzo a casa di Keiko. È l'inizio del corteggiamento ufficiale. È in quel momento, quando i loro cuori iniziano a battere diversamente, che la storia entra nelle loro semplici vite e li separa.

Il governo americano ha disposto l'internamento di tutti i giapponesi, di nascita e di discendenza, residenti in territorio statunitense. Anche Keiko viene imprigionata. All'inizio per fortuna resta vicino Seattle e Henry continua a farle visita, ogni settimana. Le regala album e colori visto che lei sarà un'artista, anzi lo è già.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

Purtroppo quella è una prigionia del tutto temporanea, la vera prigione deve essere ancora finita ed è molto più lontana. Henry sa che non potrà più vedere Keiko fino alla fine della guerra quando sarà spostata, perciò le promette che le scriverà sempre e che l'aspetterà, fuori. Per amarla. Per sempre.

Ben presto la corrispondenza epistolare si interrompe. Henry continua a scrivere, ma Keiko non risponde più. Anche la signorina cinese che lavora all'ufficio postale prova simpatia per quel giovane ragazzo così innamorato, ma apparentemente non ricambiato. Quando la guerra finisce e vengono aperti i campi in cui erano stati rinchiusi i giapponesi Henry non ha ancora notizie di Keiko. Lei non si presenta nemmeno all'appuntamento. Così lui decide che non vale più la pena di aspettare una ragazza che non lo ama. Lascia Keiko e si innamora di Ethel, con cui si sposerà e avrà un figlio.

Ethel sa di Keiko, della loro storia tormentata e sepolta negli anni, ma mai dimenticata veramente da Henry. Per tutta la vita lui ha continuato a cercare il disco di Oscar Holden con la loro canzone, ma inutilmente. Gli esperti sostengono che non sia mai stato inciso, ma Henry sa che non è così, perché lui l'ha avuto in mano. Per ben due volte. Sa che un disco, che aveva Keiko, è nelle cantine dell'Hotel Panama, dove molte famiglie giapponesi avevano sepolto le loro cose prima dell'evacuazione. Anche le cose di Keiko sono là sotto. La seconda copia del disco era appartenuta a Sheldon fin quando Henry non l'aveva spedita al campo in cui era rinchiusa Keiko.

È il 1986 quando l'Hotel Panama viene acquistato. È il 1986 quando viene scoperto il tesoro che quell'edificio nasconde. Per quarant'anni ha conservato gelosamente tutti i beni materiali dei giapponesi. Ethel è morta di cancro da pochi mesi e il figlio di Henry, Marty, è ormai grande e fidanzato. All'improvviso Henry sente il bisogno di raccontare il suo passato, la sua storia d'amore con Keiko. Con il figlio scende nello scantinato dell'Hotel Panama alla ricerca del disco e di quell’amore perduto tanto tempo prima.

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''IL GUSTO PROIBITO DELLO ZENZERO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il gusto proibito dello zenzero''

Henry e Keiko sono i protagonisti indiscussi de “Il gusto proibito dello zenzero”, così fuori posto nella società in cui vivono, così diversi anche tra loro, ma così in sintonia. La caratterizzazione dei personaggi, ma non solo, è davvero ottima.

Henry ha 13 anni, frequenta a Seattle una scuola per bianchi dove riceve un'educazione americana ed è costretto dal padre ad andare in giro con un distintivo che recita "IO SONO CINESE", perché possa essere distinto dai giapponesi. Questo non lo metterà al riparo dalle cattiverie e dalle umiliazioni che certi compagni gli infliggono, mentre in tutta la città si diffonde un forte sentimento di razzismo. Lui conserva la tradizione orientale, ma la sua famiglia da due generazioni vive in America.

Henry lo conosceremo anche nella sua “versione adulta”, a 53 anni, rimasto da poco vedovo e con un figlio, Marty, che non conosce veramente.

Keiko è giapponese, “gli zigomi delicati, la pelle perfetta e liscia”, solo d'origine in realtà perché nata in America, ma questo è sufficiente perché sia vittima anche lei di discriminazioni e umiliazioni. Nonostante abbia solo tredici anni è consapevole di se stessa, è americana e ne va fiera, non le piace essere trattata diversamente per le sue origini.

L’unico amico di Henry è Sheldon, un sassofonista nero che viene dall’Alabama e conosce bene la discriminazione razziale. È poco più grande di lui ma ha allegria e lo chiama fratellino. Si dimostra infatti sempre pronto a proteggerlo ed aiutarlo.

Per entrambi i due protagonisti hanno un ruolo fondamentale le rispettive famiglie, lei vive in una bella famiglia, piena d'amore e di cultura, lui invece vive in una casa dove regna sovrano il silenzio, tra un padre autoritario, fortemente nazionalista, e una madre che asseconda le volontà del marito.

 

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''IL GUSTO PROIBITO DELLO ZENZERO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il gusto proibito dello zenzero''

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

La caratterizzazione dei luoghi de “Il gusto proibito dello zenzero” è davvero eccezionale. Elemento forte dello sforzo letterario di Jamie Ford è la sua accurata descrizione della Seattle cosmopolita degli anni della guerra e l’ambientazione storica in cui evolvono i personaggi e, con loro, gli eventi della storia.

Ogni luogo viene descritto con dovizia di particolari, senza diventare noioso o pesante.

I due ragazzini frequentano diversi luoghi della città di Seattle, la scuola Rainier dove entrambi studiano grazie ad una borsa di studio, l’Hotel Panama “un luogo sospeso tra due mondi…”, albergo in disuso che raccoglie nel suo scantinato brandelli di vita delle famiglie giapponesi internate nei “campi di rilocalizzazione per il periodo bellico” rappresenta il punto d’unione tra le due epoche, la memoria della loro storia d’amore e il luogo nel quale tutto è iniziato e dove tutto può finire.

Altro luogo fondamentale per i due protagonisti è il mitico Black Elks Jazz Club dove si esibisce il proprietario Oscar Holden (realmente esistito), e dove suona il grande amico di Henry, Sheldon.

Henry e Keiko scrutarono con riverente timore la sala buia, fumosa, punteggiata di bicchieri alti, disposti su tovaglie rosso borgogna, e del luccichio dei gioielli degli avventori raccolti intorno ai piccoli tavoli illuminati dalle candele”. 

 

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''IL GUSTO PROIBITO DELLO ZENZERO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il gusto proibito dello zenzero''

La narrazione si divide in due periodi temporali diversi. Inizia con un Henry in pensione, nel 1986, che ha appena perso la moglie di cancro e che fatica a relazionarsi con il figlio. Un giorno, passando davanti all'hotel Panama, scoprirà che le cose nascoste tanti anni fa dai giapponesi in fuga sono ancora lì. Il secondo piano di narrazione è ambientato nel passato, negli anni della guerra(intorno al 1942), e racconta di quanto sia stata difficile per l'uomo la vita in famiglia, con un padre troppo legato alla tradizione; convinto dal figlio, racconta dell'amicizia di Henry con un saxofonista di colore e, soprattutto, racconta del suo incontro con Keiko e di tutto quello che è stato.

 

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''IL GUSTO PROIBITO DELLO ZENZERO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il gusto proibito dello zenzero''

Lo stile dell’autore in “il gusto proibito dello zenzero” è lineare, fluido, la struttura ben articolata ed i salti temporali non infastidiscono ma al contrario impreziosiscono il racconto accompagnando un lettore sempre più curioso tra le pagine in cui si mescolano un passato e un presente sempre più legati tra loro.

 

NARRATORE DEL LIBRO ''IL GUSTO PROIBITO DELLO ZENZERO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il gusto proibito dello zenzero''

Ne “Il gusto proibito dello zenzero” troviamo un narratore esterno che ci racconta gli eventi esclusivamente dal punto di vista di Henry, il protagonista maschile. Conosceremo così, oltre ai fatti, anche i suoi pensieri, desideri e paure.

 

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''IL GUSTO PROIBITO DELLO ZENZERO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il gusto proibito dello zenzero''

Ne “Il gusto proibito dello zenzero” vengono trattati temi importanti come il razzismo e il rapporto tra padri e figli.

Riguardo il secondo posso dire che mi è piaciuto molto il modo in cui Jamie Ford descrive i rapporti tra padri e figli, tra cui spesso non c'è dialogo per mancanza di argomenti o per scarsa sincerità.

Ho molto apprezzato anche il modo in cui ha affrontato l’essere diversi, ma non diversi e basta. Essere diversi in quanto cinesi, o essere diversi in quanto giapponesi, perché la diversità a quei tempi si suddivideva ulteriormente anche tra il generico gruppo dei "diversi" intesi come non americani. Quello di Jamie Ford è un romanzo che mi ha anche obbligato a pormi delle domande, più o meno profonde: sul senso di appartenenza a una nazione e a una cultura, su come si possa (ancora oggi) classificare come straniere persone che hanno si origini lontane ma che sono nate e hanno vissuto sempre nello stesso posto.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

Come filo conduttore c’è la storia d’amore tra due ragazzini. A quell’età ci si aspetterebbe un amore fragile, invece quello tra Henry e Keiko risulterà molto profondo perché nato sulle solide basi di un’ottima amicizia. L’autore obbliga così a riflettere anche su quanto profondo possa davvero essere un amore e su quanto sia difficile per chi ci circonda e ci ama capirlo e accettarlo.

La storia di Keiko ed Henry rimane per me un’ingegnosa scusa per raccontarci un’altra storia, per farci riflettere sulla correttezza della versione ‘canonica’ della storiografia.

La prova che accanto agli orrori del nazismo venivano perpetrate profonde ingiustizie anche al di là dell’oceano. Certo in misura minore, certo spinte dalla tesa atmosfera bellica e certo con minore sistematicità; ma davvero siamo sicuri di avere gli strumenti giusti per giudicare?

Ford non lo fa mai: in effetti la sua mano e il suo pensiero è quasi impercettibile. Egli, facendo tesoro delle sue radici cinesi (come il protagonista del suo romanzo) e del suo “essere diverso” dallo stereotipo tutto americano, racconta la storia degli emarginati, della segregazione razziale (significativo a tal proposito, l’episodio del nero Sheldon costretto a sedere sul bus lontano dai bianchi) e dei rastrellamenti dell’esercito americano.

 

COMMENTO DEL LIBRO ''IL GUSTO PROIBITO DELLO ZENZERO'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il gusto proibito dello zenzero''

È un libro molto dolce e molto toccante, che ti tiene incollato alle pagine e ti fa aprire gli occhi su una parte di storia di cui non si parla quasi mai. Profondo, tenero, commovente a tratti.

Ciò che forse mi ha più colpita e affascinata è stata la dolcezza che emerge da una storia che invece tratta di argomenti di un certo spessore, e sicuramente tutt'altro che allegri. È una dolcezza amara, in certi punti, inverosimilmente spensierata in altri. Un contrasto che potrebbe stridere ma - chissà come - in questo caso funziona a meraviglia.

Henry e Keiko sono i protagonisti indiscussi, così fuori posto nella società in cui vivono, così diversi anche tra loro, ma così in sintonia. E il lettore si ritrova a vivere nei loro panni, comprendendo cosa davvero voleva dire vivere in quegli anni, pur essendo fisicamente lontani dai campi di battaglia, e sentirne comunque il peso, opprimente come un macigno.

È un racconto limpido e delicato, indimenticabile. Un libro che lascia qualcosa, decisamente diverso dalle classiche letture leggere che si scordano dopo un paio di giorni. Di tali letture è stato in grado di conservare la fluidità, la scorrevolezza. Quasi a riprova del fatto che un libro che tratta temi di un certo spessore non per forza debba essere altrettanto pesante da leggere.

Questo libro trasmette tutto, e lo fa con una tenerezza, una freschezza, davvero disarmante.

 

+27k Melissa Radice

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Il gusto proibito dello zenzero''Indice dell'Analisi del Libro ''Il gusto proibito dello zenzero''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Accedi per commentare