Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Il cimitero dei senza nome''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Il cimetero dei senza nome”.
  • Titolo originale: "From Potter’s Field".
  • Autore: Patricia Cornwell;
  • Nazionalità Autore: Statunitense;
  • Data di Pubblicazione: per la prima volta negli USA nel 1995;
  • Editore: Mondadori (collana Oscar bestsellers);
  • Genere: Giallo;
  • Pagine: 372 p., rilegato;
  • Voto del Pubblico (IBS): 3,90 su 5.

 

DOVE COMPRARLO:

 

Recensione del Libro “Il cimitero dei senza nome” di Patricia Cornwell del 1995, genere Thriller. Evidenzieremo il riassunto del libro “Il cimitero dei senza nome”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Il cimitero dei senza nome” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''IL CIMITERO DEI SENZA NOME'':

Patricia Cornwell è nata a Miami, in Florida, il 9 giugno del 1956.

Dopo un’infanzia difficile e una degenza in un ospedale psichiatrico, si laurea al Davidson College in Nord Carolina e nel 1980 sposa il suo ex professore di inglese Charles L. Cornwell, di diciassette anni più anziano di lei.

Divorzierà nel 1989 e da quel momento inizierà una serie di relazioni omosessuali fino al matrimonio nel 2005 con la psichiatra Staci Ann Gruber.

Per quanto riguarda le esperienze lavorative precedenti la carriera di scrittrice, la Cornwell è stata reporter di cronaca nera per il Charlotte Observer, poi è diventata analista informatico presso l’Ufficio di Medicina Legale della Virginia.

Ha esordito in ambito letterario nel 1990 con “Postmortem” e già con questo primo romanzo ha vinto l’Edgar Award americano e il premio per l’opera prima della British Crime Writer Association.

Il successo mondiale arriva con “Oggetti di reato” del 1992.

Della serie incentrata sull’anatomopatologa Kay Scarpetta fanno parte le opere (in ordine cronologico): “Postmortem” (1990), “Oggetti di reato” (1992), “Quel che rimane” (1993), “Insolito e crudele” (1993), “La fabbrica dei corpi” (1994), “Il cimitero dei senza nome” (1995), “Causa di morte” (1996), “Morte innaturale” (1997), Punto di origine (1998), Cadavere non identificato (1999), L'ultimo distretto (2000), Calliphora (2003), La traccia (2004), Predatore (2005), Il libro dei morti (2007), Kay Scarpetta (2008), Il fattore Scarpetta (2009), Autopsia virtuale (2010), Nebbia rossa (2011), Letto di ossa (2012), Polvere (2013), Carne e sangue (2014).

Di minor successo altri due filoni:

- quello incentrato sui personaggi di Judy Hammer e Andy Brazil di cui fa parte “Il nido dei calabroni ” (1997), Croce del Sud (1999), L'isola dei cani (2001).

- e quello incentrato sul personaggio di Win Garano.

Nonostante il grande successo, soffre sempre più frequentemente di attacchi di depressione, fa abuso di farmaci fino a quando nel 1993 ha un brutto incidente di macchina ed è costretta ad una terapia di disintossicazione.

Risale invece al 1997 la sua prima relazione omosessuale con la moglie di un agente dell’FBI. La storia entrerà nella cronaca perché l’agente, Eugene Bennett, sarà condannato a ventitre anni di carcere per l’omicidio della donna e per l’occultamento del suo cadavere.

Nel 2004 o 2005 (la data non è certa perché allora in Massachussetts le unioni gay erano illegali) la scrittrice sposa la psichiatra Staci Gruber.

Tradotta in trentasei lingue, la Cornwell è Membro Emerito dell’Accademia Internazionale del John Jay College di Giustizia Penale dedicato allo studio delle scene del crimine.

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''IL CIMITERO DEI SENZA NOME'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il cimitero dei senza nome''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Mentre Kay Scarpetta e Pete Marino stanno effettuando un’autopsia su uno spacciatore di diciassette anni ucciso da uno sceriffo in Virginia, quando vengono chiamati a New York da Benton Wesley. Temple Brooks Gault, il serial killer sfuggito alla cattura in “Insolito e crudele”, sembra aver colpito di nuovo e ha lasciato il cadavere nudo di una senzatetto a Central Park la sera della vigilia di Natale.

Non si sa quante persone Gault abbia ucciso, ma il modus operandi è inequivocabile e anche stavolta l’uomo ha sparato alla vittima e ne ha asportato brandelli di carne a morsi, lasciandola poi seduta nella neve in bella vista.

Frances Penn, capo della Transit Police, è convinta che Gault abbia incontrato la vittima nella metropolitana. Un agente infatti aveva fermato la donna con un suo amico dai capelli rossi in una fermata vicino al Museo di Storia naturale proprio la sera dell’omicidio.

Mentre stanno indagando a New York, Kay e Benton scoprono che da alcune settimane Gault mangia sistematicamente in un ristorante italiano vicino al Museo di Storia Naturale, pagando con una carta di credito intestata alla dottoressa Scarpetta.

Dopo qualche giorno viene trovato ucciso l’agente Davila della Transit Police in un tunnel della metropolitana. Mentre gli agenti stanno portando via il corpo e sequestrando ad un senzatetto degli oggetti appartenuti alla prima vittima, Kay intravede in lontananza il serial killer, ma i poliziotti non riescono a catturarlo.

Le indagini si allargano al Federal Bureau di Qantico, dove la nipote di Kay, Lucy Farinelli, deve cercare di identificare e isolare un virus informatico introdotto nell’ERP proprio da Gault con la complicità di Carrie Grethen, ex amante di Lucy.

In un crescendo di colpi di scena, Kay dovrà combattere con tutte le sue forze per rendere giustizia alle vittime del serial killer, ma soprattutto per sopravvivere all’uomo che ormai ha fatto di lei il suo nemico giurato.

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''IL CIMITERO DEI SENZA NOME'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il cimitero dei senza nome''

- Kay Scarpetta, di origine italiana, è bionda con gli occhi azzurri. È una donna forte, che ha fatto carriera in un mondo maschile e maschilista, ma non per questo è meno umana. In questo romanzo addirittura per un breve attimo perde completamente il controllo.

- Paul Tucker è il capo della polizia di Richmond. Era stato campione di baseball all'Università del Maryland e finalista in un concorso per una borsa di studio del Rhodes College. È in splendida forma, eccezionalmente brillante e con un diploma dell'Accademia Nazionale dell'FBI. Viene da una famiglia povera e si è fatto da solo

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

- Frances Penn, è il comandante della Transit Police di New York. Non ha bisogno dell’uniforme per apparire autorevole, eppure non è né fredda, né severa.

- Pete MarinoÈ un uomo difficile, indisponente, sgarbato, ma è il miglior investigatore della Squadra Omicidi ”. È generoso, profondamente onesto e ha un cuore d’oro, ma odia la gerarchia e non riesce a rispettarla. Divorziato, dal giorno del Ringraziamento ha una relazione con una donna di nome Molly.

- Benton Wesley è alto, sempre elegante e curato ed è circondato da un’aurea magnetica che mette soggezione. Ha una relazione extra-coniugale con Kay.

- Temple Gault, il serial killer, cambia colore di capelli molto spesso e ha occhi azzurri molto particolari, di un’intensità che non si può dimenticare. Non si preoccupa di lasciare indizi, perché è convinto che nessuno possa catturarlo. I suoi genitori sono ancora vivi, ma si sono trasferiti e nascosti nel South Carolina per sfuggire alla pubblicità negativa attirata su di loro dagli omicidi commessi dal figlio. Manipolatore e sadico, forse il personaggio più intrigante e completo del romanzosi può però definire statico da un punto di vista narrativo, perchè non evolve: non può infatti modificare il proprio agire perché patologico e resta fermo nella sua ossessione per Kay.

 

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''IL CIMITERO DEI SENZA NOME'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il cimitero dei senza nome''

La storia si dipana tra Richmond in Virginia e New York City. La Cornwell sembra non amare New York. Kay descrive infatti così la città, mentre la sorvola dall’alto in elicottero:

un ammasso di cemento, parcheggi e strade fiancheggiate da cumuli di neve che appariva sporca anche dall’alto”. Decisamente su di lei le mille luci di New York, che a Natale s’illumina d’immenso alla pista di pattinaggio del Rockfeller Center, non esercitano nessun fascino.

Chiaramente luoghi centrali e ricorrenti sono gli obitori e mentre quello di Richmond ha un che di familiare, o almeno così lo percepisce la protagonista, la descrizione dell’obitorio di New York è veramente raccapricciante: “L’aria proveniente dalla zona di carico era gelida e sapeva di sigarette e di morte, mentre i cartelli appesi alle pareti color verde acqua invitavano il personale a non gettare teli insanguinati, lenzuoli funebri, stracci o contenitori nei cassonetti della spazzatura… inoltre molte porte erano contrassegnate dai simboli rossi del rischio biologico”.

Il luogo principale è la metropolitana di New York con i suoi cunicoli tentacolari: qui vengono fermati Gault e la prima vittima, qui vengono ritrovati il corpo dell’agente Davila e gli oggetti personali della prima vittima, qui si svolge l’ultima mozzafiato scena dell’azione centrale.

 

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''IL CIMITERO DEI SENZA NOME'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il cimitero dei senza nome''

La vicenda si volge nel periodo natalizio e questa festività non è associata a sensazioni piacevoli per Kay Scarpetta, perché sembra inasprire la frustrazione nei criminali con un aumento delle morti violente e quindi del lavoro per lei.

Era Natale anche quando era stato rinvenuto il corpo di Eddie Heath, un ragazzino quindicenne ucciso da Gault, qualche anno prima.

La costruzione temporale del romanzo non è sempre lineare; infatti il ricordo degli eventi precedenti narrati in “Insolito e crudele”, ritorna di tanto in tanto alla mente della protagonista e di altri personaggi che vi hanno preso parte come analessi e flashbacks, creando un’atmosfera tesa premonitrice di situazioni violente e pericolose.

 

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''IL CIMITERO DEI SENZA NOME'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il cimitero dei senza nome''

Sequenze narrative, descrittive e dialogiche si bilanciano. La prosa è scorrevole, ma ricercata. Soprattutto la terminologia specifica della medicina legale è usata con estrema padronanza. La Cornwell ha infatti lavorato come segretaria nell’Istituto Medico Legale della Virginia.

Il bipolarismo della sua mente si rispecchia però anche nello stile che da una parte è frutto di meticolosa rielaborazione razionale e dall’altra è sensuale, attento ai dettagli e alle descrizioni fisiche e sensoriali.

 

NARRATORE DEL LIBRO ''IL CIMITERO DEI SENZA NOME'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il cimitero dei senza nome''

La narrazione procede in prima persona, attraverso il racconto di eventi ed emozioni fatto dalla protagonista Kay Scarpetta. Il narratore è quindi interno così come la focalizzazione, fissa sul suo personaggio.

Chi legge ha perciò una visione limitata degli eventi e, come la protagonista, si sente scombussolato dalla gratuità della violenza di cui sono espressione. Il patto narrativo con il lettore di sospensione dell’incredulità è perfettamente rispettato.

 

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''IL CIMITERO DEI SENZA NOME'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il cimitero dei senza nome''

Tematica centrale è quella delle donne in carriera che rinunciano ad una vita privata appagante per senso del dovere e che si fanno strada in un mondo ancora ancorato a pregiudizi maschilisti solo grazie alla loro costanza, lla loro professionalità inappuntabile e alla loro determinazione.

Frances Penn, comandante della Transit Police di New York e alter ego di Kay, dirà alla protagonista che il mondo è pieno di donne come loro, che non riescono a instaurare una relazione sentimentale stabile e che pensano, se capita qualcosa ad una persona che amano, che avrebbero dovuto prevederlo ed evitarlo.

Dorothy Scarpetta, sorella di Kay, l’accusa di passare tutta la sua vita ad occuparsi di morti, trascurando gli affetti. Kay passa infatti il Natale a New York per indagare senza recarsi a Miami dove c’è la sua famiglia e dove la madre è ricoverata in ospedale, gravemente malata.

Il bisogno di tenere sotto controllo ogni cosa, sia nella vita privata che in quella professionale, è la dannazione della protagonista. Quando non ci riesce, come davanti alla violenza folle e gratuita di Gault o nella sua relazione con Benton, entra in crisi, perde in lucidità e si espone all’attacco.

 

COMMENTO DEL LIBRO ''IL CIMITERO DEI SENZA NOME'': Indice dell'Analisi del Libro ''Il cimitero dei senza nome''

Sebbene sia il sequel di “Insolito e crudele, il romanzo può convincere anche quel lettore che lo affronti come lettura isolata, perché personaggi e situazioni sono sviluppati dalla Cornwell con estrema attenzione alla coerenza e alla completezza del setting.

Come già era accaduto nei precedenti cinque romanzi della scrittrice e come si accentuerà nei seguenti, la trama sembra pensata per la trasposizione cinematografica, con inseguimenti mozzafiato, scene toccanti, colpi di scena. Ma non per questo la prova letteraria è meno valida: anzi la coerenza dell’impianto narrativo e la profondità dell’analisi psicologica dei personaggi, anche di quelli patologici, fanno di “Il cimitero dei senza nome” un nuovo classico del genere giallo.

Anzi la sfida che la scrittrice pone a se stessa è proprio quella di rendere convincente un giallo in cui il lettore non deve scoprire il colpevole.

Fin dall’inizio del romanzo sappiamo che il serial killer è Gault. Quello che conta è il gioco gatto-topo a doppio flusso che si innesca tra l’anatomo-patologa Kay Scarpetta e l’assassino. E ciò che affascina sono i personaggi con le loro complesse relazioni e le loro sofferte emozioni, ulteriormente complicate dal vivere per il lavoro. E il loro è un lavoro che si fonda sulla morte, che non dà tregua neppure a Natale.

 

+30k Ornella Rizzo

+20k M.R.

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Il cimitero dei senza nome''Indice dell'Analisi del Libro ''Il cimitero dei senza nome''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Accedi per commentare