Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Recensione, Analisi, Riassunto ed Opinioni del Libro ''Gelo per i bastardi di Pizzofalcone''DATI ESSENZIALI:

  • Titolo: “Gelo per i bastardi di Pizzofalcone”.
  • Titolo originale: "Gelo per i bastardi di Pizzofalcone".
  • Autore: Maurizio De Giovanni; 
  • Nazionalità Autore: Italiana; 
  • Data di Pubblicazione: 2014; 
  • Editore: Einaudi; 
  • Genere: Giallo; 
  • Pagine: 320 pp; 
  • Voto del Pubblico (IBS): 3,94 su 5

 

DOVE COMPRARLO

Recensione del Libro “Gelo per i bastardi di Pizzofalcone” di Maurizio De Giovanni del 2014, genere Giallo. Evidenzieremo il riassunto del libro “Gelo per i bastardi di Pizzofalcone”, l’analisi dei personaggi, i luoghi d’ambientazione, la collocazione temporale, lo stile di scrittura ed il narratore. Infine analizzeremo le tematiche trattate nel libro “Gelo per i bastardi di Pizzofalcone” con tanto di commento ed opinione del recensore articolista.

 

 

BIOGRAFIA DELL'AUTORE DEL LIBRO ''GELO PER I BASTARDI DI PIZZOFALCONE'': 

Maurizio De Giovanni è nato a Napoli il 31 marzo 1958 e vive e lavora nella città d’origine. Nel 2005 partecipa ad un concorso per giallisti emergenti con un racconto che ha come protagonista il commissario Ricciardi, ambientato nella Napoli degli anni Trenta.

Dopo la vittoria nel concorso De Giovanni dà vita ad una serie di romanzi che hanno come protagonista il commissario Ricciardi tra cui Le lacrime del pagliaccio nel 2006 (ripubblicato nel 2007 col titolo Il senso del dolore).

I romanzi lo consacrano come uno dei giallisti più apprezzati dal pubblico. Nel 2012 decide di scrivere un giallo ambientato nella Napoli odierna, dal titolo Il metodo del coccodrillo, in cui compare per la prima volta l’ispettore Lojacono che diventerà il protagonista di una serie di romanzi detta dei Bastardi di Pizzofalcone.

 Maurizio De Giovanni ha ricevuto nel 2015 la cittadinanza onoraria da parte del comune di Cervinara. I suoi lavori sono tradotti in inglese, catalano, spagnolo, tedesco e francese e sono in corso di traduzione in russo. 

Scrive anche racconti a tema calcistico sulla squadra della sua città e lavori teatrali. Fa parte del gruppo di scrittori che conducono il laboratorio di scrittura dedicato ai ragazzi reclusi nell’istituto penale minorile di Nisida.

 

RIASSUNTO DEL LIBRO ''GELO PER I BASTARDI DI PIZZOFALCONE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Gelo per i bastardi di Pizzofalcone''

Seguici su:

Condividi l'articolo su:

Napoli è travolta da un'ondata di gelo, le temperature scendono al di sotto dello zero e la città, non essendovi abituata, si paralizza e il freddo diventa l'unico argomento di conversazione. A due passi dal commissariato, in vico Secondo Egiziaca, viene commesso un efferato delitto. Lojacono e Di Nardo intervengono trovandosi davanti il penoso spettacolo di due giovani morti: lei, distesa sul letto semisvestita e bellissima, lui, riverso sul tavolo con ancora la penna in pugno.

Sono stati trovati dall'amico e collega del ragazzo, Renato Forgione, e proprio da lui Lojacono e Di Nardo scoprono qualcosa in più sulle vittime. Si tratta di due fratelli calabresi, Biagio e Grazia Varricchio. Biagio era un ricercatore universitario, la sorella invece abitava con lui da pochi mesi e ultimamente aveva cominciato a svolgere la professione di modella.

I vicini di casa dei ragazzi hanno udito un diverbio il giorno dell'omicidio, tra Biagio e un uomo che parlava in dialetto calabrese. Le indagini si concentrano soprattutto sulla gelosia del fidanzato della ragazza, la quale aveva molti spasimanti vista l'avvenenza. I ragazzi dovevano ricevere la visita del padre, che non vedevano da diciassette anni dato che quest'ultimo era stato in carcere per omicidio.

Mentre Lojacono e Alex indagano sul duplice omicidio Romano e Aragona si occupano di una faccenda delicata: in commissariato si è presentata una professoressa per segnalare che probabilmente una sua alunna dodicenne subisce ripetute molestie e violenze da parte del padre, stando a dei temi svolti dalla ragazzina. Ai due spetta l'arduo compito di scoprire se le molestie effettivamente abbiano avuto luogo, come sospetta la professoressa, o siano frutto della fantasia della ragazzina, come sostiene la madre.

Pisanelli nel frattempo continua con la propria indagine sui suicidi sospetti. Il commissariato è ancora a rischio chiusura, e un caso che desta sensazione come un duplice omicidio di due persone così giovani è un banco di prova per i nostri bastardi, che ancora una volta devono dimostrare di essere all'altezza e di saper mantenere alto il buon nome del commissariato infangato dai loro predecessori.

 

ANALISI DEI PERSONAGGI DEL LIBRO ''GELO PER I BASTARDI DI PIZZOFALCONE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Gelo per i bastardi di Pizzofalcone''

- Giuseppe Lojacono detto Peppuccio o il cinese: poliziotto siciliano dal grande acume investigativo, patisce l’esilio forzato al quale è stato costretto dopo che un pentito l’ha accusato di passare informazioni alla mafia. Riservato, introverso, riesce ad aprirsi con Letizia, proprietaria di una trattoria che ha preso a frequentare dopo l’arrivo a Napoli. Come padre soffre molto per l’allontanamento dalla propria figlia Marinella. Gli viene attribuito il soprannome de il cinese per la forma allungata dei suoi occhi. Dopo il successo nella risoluzione dell'indagine sul Coccodrillo viene trasferito al commissariato di Pizzofalcone.

- Laura Piras: magistrato cagliaritano, sostituto procuratore. È la prima a dare una possibilità a Lojacono da quando è stato esiliato a Napoli. Ne intuisce l’intelligenza e ne comprende la solitudine. Alcuni anni prima ha perso il proprio fidanzato in un incidente stradale e il suo carattere si è indurito.

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

La ragazza allegra e spensierata ha lasciato il posto ad una donna intransigente e chiusa in sé stessa. È una donna molto bella, bruna e minuta, famosa per i suoi scatti d’ira repentini e per come rimette a posto i sottoposti e non che si comportano in modo troppo famigliare.

- Letizia: proprietaria di una trattoria, è l'unica amica di Lojacono a Napoli. Bella e procace, pronta al riso e sempre attenta nei confronti dei suoi clienti, piano piano entra in confidenza con l'ispettore dall'aria triste.

- Luigi Palma: commissario del commissariato di Pizzofalcone, è un uomo sulla quarantina dall'aria sgualcita e dai modi aperti e gioviali, che dà l'impressione di essere sempre in piena attività. Ha fiducia nei suo "Bastardi" e li appoggia senza interferire nelle loro indagini.

- Marco Aragona: giovane agente scelto, appassionato di serie tv poliziesche degli anni settanta si veste esattamente come in quei telefilm, con la camicia aperta sul petto perfettamente depilato, arancione per l'abuso di lampade abbronzanti, pettinato alla Elvis per nascondere un'incipiente calvizie. Non si rende conto delle continue gaffes che fa, e ha un atteggiamento spesso razzista e scortese. È un raccomandato (essendo il nipote di un prefetto calabrese) e guida come un pazzo. Vorrebbe essere soprannominato Serpico.

- Giorgio Pisanelli: vicecommissario al commissariato di Pizzofalcone, ha sessantun anni ed è la memoria storica del commissariato. Vive nel quartiere e conosce tutti e tutto, risultando preziosissimo nelle indagini. Da quando la moglie è morta l’unica cosa che fa nel suo tempo libero è indagare su una serie di suicidi avvenuti nell'arco di una decina d'anni nel quartiere che secondo il suo parere sono sospetti. Soprannominato da Aragona Presidente per la sua somiglianza con Giorgio Napolitano.

- Ottavia Calabrese: vicesovriintendente, ha circa quarant’anni e viene soprannominata da Aragona Mammina per la sua propensione a prendersi cura di tutti.  Ottavia è madre anche nella vita privata, di un bambino autistico. Suo marito Gaetano l'adora e nonostante sia un richiestissimo ingegnere non manca mai di occuparsi del figlio e della casa.

È una donna bella ma non appariscente, dalla voce calda e melodiosa che rassicura. È un’esperta di informatica e fornisce le informazioni necessarie alle indagini ai colleghi che agiscono sul campo.

- Alessandra Di Nardo: agente assitente, ha circa ventott’anni, ed è una ragazza dal fisico asciutto e minuto con una grande passione per le armi. La sua vita è caratterizzata da un rapporto conflittuale col padre, dispotico generale in pensione, e con la succube madre. Viene soprannominata Calamity da Aragona.

- Francesco Romano: assistente capo, è un uomo dall'aspetto truce, tozzo e con la mascella prominente. Facile all'ira e manesco ha comunque un buon intuito investigativo. È conosciuto anche come Hulk.

- Rosaria Martone: capo della polizia scientifica, è una donna determinata e sensuale, con grandi occhi color legno di ciliegio. È lesbica e non ne fa mistero, vivendo serenamente la propria vita, ma dimostra grande sensibilità nel rispettare i timori e la riservatezza di Alex, con la quale intreccia una appassionata relazione sentimentale. 

 

LUOGHI D'AMBIENTAZIONE DEL LIBRO ''GELO PER I BASTARDI DI PIZZOFALCONE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Gelo per i bastardi di Pizzofalcone''

I luoghi in cui si svolgono le vicende descritte nel libro sono come sempre nel territorio di competenza del commissariato di Pizzofalcone. La casa di vico Secondo Egiziaca in cui abitano i fratelli Varricchio è situata in uno dei tanti palazzi antichi del quartiere, palazzi che sono stati un tempo splendidi e ben tenuti, ma che ora denunciano nelle facciate scrostate e decadenti l'incuria e il cambio di destinazione degli edifici.

Incontriamo anche un edificio scolastico, la scuola media frequentata dalla ragazzina sulla quale indagano Romano e Aragona. Inoltre entriamo nel mondo della moda, entrando negli ambienti frequentati da Grazia Varricchio, e nei locali in della movida napoletana in cui lavora il gelosissimo fidanzato della ragazza. La professione di Biagio Varricchio ci porta nei laboratori universitari che il ragazzo condivideva con l'amico e collega Renato.

 

Compra Kindle di Amazon al miglior prezzo

TEMPO (COLLOCAZIONE TEMPORALE) DEL LIBRO ''GELO PER I BASTARDI DI PIZZOFALCONE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Gelo per i bastardi di Pizzofalcone''

Le vicende raccontate nel libro si svolgono nel periodo invernale. Il gelo che attanaglia la città risulta però inconsueto rispetto al solito clima invernale napoletano, in genere abbastanza mite. Il gelo stesso diventa protagonista della vicenda e dei pensieri dei personaggi.

Il gelo che spinge le persone a cercare il calore della casa e degli affetti, il gelo che viene evocato nei pensieri di tutti i personaggi, il gelo che infastidisce tutti i bastardi meno che Marco Aragona, abituato alle temperature rigide del paesino di montagna dal quale proviene. 

La situazione si fa tragicomica quando Guida, l'agente che staziona all'ingresso del commissariato, decide di riparare la caldaia per il riscaldamento per fare buona impressione all'ispettore Lojacono, che venera e teme. I bastardi passano così dalla Siberia esterna ai tropici all'interno del commissariato.

 

STILE DI SCRITTURA USATO NEL LIBRO ''GELO PER I BASTARDI DI PIZZOFALCONE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Gelo per i bastardi di Pizzofalcone''

Il romanzo è costituito da una successione di capitoli che ci offrono il punto di vista di personaggi diversi. I capitoli che raccontano in prima persona i pensieri dei personaggi sono facilmente individuabili perché diversi dagli altri graficamente, caratterizzati come sono dal corsivo. Lo stile di scrittura è scorrevole, il flusso di pensieri viene reso attraverso un succedersi di frasi scisse e la costruzione del periodo caratterizzata dalla paratassi. La lingua non cede molto al dialetto, anche quando parlano personaggi delle classi popolari.

 

NARRATORE DEL LIBRO ''GELO PER I BASTARDI DI PIZZOFALCONE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Gelo per i bastardi di Pizzofalcone''

Il narratore è esterno (eterodiegetico) e onnisciente, ma segue da vicino i pensieri e le emozioni dei personaggi.

Nei capitoli che riportano i pensieri dei personaggi troviamo le riflessioni del padre dei due ragazzi, del fidanzato di Grazia, del proprietario dell'agenzia per cui la ragazza lavora, e di altri personaggi. C'è un certo equilibrio nello spazio dedicato ai vari punti di vista e alle vicende dei protagonisti.

 

TEMATICHE TRATTATE NEL LIBRO ''GELO PER I BASTARDI DI PIZZOFALCONE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Gelo per i bastardi di Pizzofalcone''

Le tematiche che si intrecciano in questo nuovo capitolo delle avventure dei nostri bastardi sono come sempre molteplici e affrontate in maniera non scontata. Ci sono due ragazzi poveri ma onesti che vogliono uscire dalla situazione di disagio in cui vivono. C'è un padre che non accetta la volontà di autodeterminazione dei propri figli e non ne comprende le scelte di vita, un uomo che cede alla violenza, in cui Romano si rispecchia. C'è una famiglia normalissima nella quale si insinua il sospetto di un atto terribile perpetrato ai danni di una ragazzina.

Un'altra tematica molto presente è la gelosia, che circonda in particolare la bellissima Grazia.

Anche l'amore, o meglio la promessa o la nascita di nuovi amori è estremamente presente nel romanzo. Lojacono è deciso a non farsi sfuggire l'occasione di concretizzare l'intesa speciale che sente con Laura Piras, la quale a sua volta non vuol farsi scappare l'unico uomo che l'ha strappata al suo letargo emotivo. Anche Letizia, la bella ristoratrice, ha intenzione di combattere per l'uomo strano dagli occhi orientali.

Marinella, la figlia di Lojacono, ha trovato un potenziale fidanzato nel bel vicino di casa, studente universitario. Alex vive con un misto di gioia e senso di colpa la sua nascente storia d'amore con Rosaria Martone, sentendosi sempre più soffocare dall'angusto ambiente familiare.

Ed ecco un'altra tematica che si affaccia, la casa. Quella che per alcuni dei nostri bastardi è una prigione come per Ottavia, sopraffatta dall'amore del marito e dai problemi del figlio; quella in cui Romano non vuol rientrare perché si ritrova da solo senza la moglie Giorgia; quella in cui neanche Palma ha il coraggio di tornare nella solitudine, passando molto spesso la notte in commissariato. 

Compra il libro qui recensito al miglior prezzo

Solo Lojacono ha un buon motivo per tornare a casa: la presenza della figlia Marinella, che con grande tenerezza lo aspetta con un piatto fumante di pasta in tavola per raccontargli la sua giornata nella magica città di cui si sta innamorando.

 

COMMENTO DEL LIBRO ''GELO PER I BASTARDI DI PIZZOFALCONE'': Indice dell'Analisi del Libro ''Gelo per i bastardi di Pizzofalcone''

Ho trovato questo romanzo molto interessante, ricco di immagini nuove e inusuali di una meravigliosa città. Le vicende sono appassionanti e alcuni nodi aperti nei capitoli precedenti vengono sciolti.

È bello vedere la crescita della squadra, l'evoluzione delle loro interazioni e dei personaggi. Ciascuno di loro a modo suo sollecita la nostra comprensione e simpatia, perfino l'antipatico Aragona.

 Il giallo è ben costruito, la morte di due giovani riempie sempre di sgomento e ancora di più una violenza sessuale all’interno della famiglia.

 Attraverso gli occhi pieni di meraviglia di Marinella, la figlia di Lojacono, conosciamo l’anima profonda di Napoli, una città folle e sempre piena di musica, di un vociare continuo che alla giovane mette allegria.

 Consiglierei questo libro a chi ha amato i precedenti libri della serie e voglia seguire la crescita dei personaggi ma soprattutto della squadra. Quella che sembra un’accozzaglia di elementi raccogliticci e indesiderati si trasforma pian piano in una squadra affiatata e valida, in cui il meccanismo investigativo funziona alla perfezione, anche grazie alla bravura del commissario Palma nel mettere in coppia i bastardi in modo che le loro qualità si bilancino. De Giovanni ci regala un'altra avvincente avventura che vale davvero la pena di leggere.  

 

Carla Biolchini

+20k M.R.

COMMENTA questa Recensione del Libro ''Gelo per i bastardi di Pizzofalcone''Indice dell'Analisi del Libro ''Gelo per i bastardi di Pizzofalcone''


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Accedi per commentare